Skip to Content
Condividi contenuti RSS
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Nella delibera dell’Autorità si specificavano modalità e scadenze per il controllo della protezione dell’interfaccia fra impianto e rete richiesto agli impianti con potenze oltre gli 11,08 kWp in bassa e media tensione. Italia Solare scrive all'Aeegsi per sollevare problemi e incertezze finora riscontrate e propone delle soluzioni.
Uno scenario prevede il phase-out in Italia della produzione termoelettrica a carbone al 2025 senza la sua sostituzione con nuova potenza a gas, ma con più apporto di rinnovabili, la partecipazione della domanda ai mercati elettrici e il ricorso agli accumuli. Uno studio di REF-E, commissionato da WWF Italia.
Con l'autorizzazione del MiSE, parte il progetto di un sistema d'accumulo con potenza 10 MW e capacità di erogazione/assorbimento 5 MWh, da integrare nella centrale a...
Saranno 700.000 le vetture plug-in immatricolate in tutto il 2017 secondo le stime dell’associazione dei costruttori. Mercato in forte espansione a settembre e, in generale, nei...
Dal primo novembre scatta una nuova fase dell'apertura del Mercato dei Servizi di Dispacciamento a domanda, rinnovabili e storage. Criticità e aspetti da definire non mancano...
Per aiutare i consumatori a scaldare al meglio le proprie abitazioni, evitando sprechi energetici ed economici, l’ENEA ha pubblicato 10 regole per un riscaldamento efficiente che...
A fine agosto sono 4,4 i TWh prodotti in meno in Italia dalla fonte idrica rispetto al 2016. La quota di rinnovabili sulla richiesta di energia elettrica scende, al momento, dal 36,7% del 2016 al 34,1% del 2017. Il termoelettrico cresce del 12%. Il fotovoltaico unica fonte rinnovabile in salita.
Il meccanismo dovrebbe essere rivisto secondo gli indirizzi della SEN. La Legge di Bilancio 2018 dovrebbe confermare anche le detrazioni per le ristrutturazioni edilizie e l'Iper-ammortamento del Piano Industria 4.0, mentre il Super-ammortamento potrebbe essere aggiustato.
Il pubblico si farà carico di una quota fino al 40% dei costi di connessione alla rete degli impianti a fonti rinnovabili. Sgravi più generosi per i più piccoli e un contributo anche per connettere ai gasdotti i produttori di biogas. Saranno stanziati 30 milioni di euro l'anno.
Alcuni paesi potrebbero essere esentati dalle misure protezioniste su celle e moduli FV: da Canada e Singapore, ad esempio, potrebbero arrivare negli USA pannelli non gravati da prezzi minimi. Anche First Solar potrebbe ampliare la produzione. Le alternative alle barriere commerciali.
Come può un istituto bancario, dislocato su più sedi, ridurre i propri consumi energetici, liberando risorse economiche da dedicare al suo core business? Al via l'iniziativa di Cariparma Crédit Agricole e di AzzeroCO2, azienda responsabile del progetto di energy management del gruppo.
Dal 1 aprile 2017 è stata introdotta a livello europeo l’etichettatura energetica. La nuova direttiva impone a fabbricanti e distributori di caldaie a combustibile solido l’obbligo di dotare i loro prodotti di un sistema di etichettature. Il punto di AIEL.
In una breve guida della CNA alcuni consigli per un utilizzo corretto e consapevole del proprio impianto di riscaldamento, in modo da mantenerne la sicurezza e l’efficienza energetica.
Tra le novità principali introdotte in questa nuova versione ricordiamo quelle riguardanti la ristrutturazione di immobili nelle zone sismiche. La guida aggiornata.
A livello europeo nel quadriennio 2017-2020 si installeranno in media 12,6 GW di nuova potenza all'anno. Il nostro Paese però rischia di rimanere paralizzato dall'incertezza normativa: investimenti e installazioni si concentreranno in Gran Bretagna, Germania e Francia, che hanno già un quadro di policy definito.
Angela Merkel, vittoriosa alle urne ma indebolita rispetto al precedente mandato, dovrà formare una coalizione che presumibilmente vedrà alleati i verdi e i liberaldemocratici, con Schulz all’opposizione. Dal carbone ai tagli della CO2, i punti più critici da affrontare.
Un'analisi di Hans-Josef Fell, ispiratore della feed-in tariff, spiega perché il passaggio dalla tariffa fissa alle aste comporta numerosi svantaggi per il pieno sviluppo delle rinnovabili. Quali attori vengono esclusi? Perché non consentirà di accelerare la riduzione dei costi delle tecnologie? E, in definitiva, a chi giova questa trasformazione dei meccanismi incentivanti?
Oltre il 10,5%: un tasso inedito per dispositivi con più celle. L'azienda giapponese, grazie al suo know-how nel film sottile, ha risolto alcuni problemi. Altre ricerche ne stanno affrontando di ulteriori, come quello della stabilità. Ma la strada per la commercializzazione è ancora lunga.
Il primo dei 4 reattori da 1400 MW di potenza della centrale di Barakah negli Emirati sarà attivo nel 2018. Entro il 2021 gli altri tre per un totale di 5,6 GW. Un paese che investe le sue immense risorse su un modello energetico ancora non chiaro: rinnovabili, fossili e atomo.
L'incertezza normativa e una strategia dal respiro corto rischiano di compromettere i business plan con cui vengono realizzati gli interventi di efficientamento energetico, con danni di credibilità sia nei confronti dei clienti che delle istituzioni finanziarie. Le proposte di AssoEsco per la SEN.
Dal 1 ottobre 2017 fino al 31 marzo 2018 saranno in vigore in Lombardia i provvedimenti di limitazione dell'utilizzo delle caldaie a biomassa e della circolazione dei veicoli finalizzati alla riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera e per il miglioramento della qualità dell'aria.
L'utilizzo dei modelli riguarda gli impianti di microcogenerazione alimentati da fonti rinnovabili, eventualmente dotati di sistemi di accumulo. Nel dectreto vengono inoltre definite anche le modalità di trasmissione e lavorazione delle richieste.
La commissione federale per il commercio internazionale ha votato all’unanimità sul caso Suniva-SolarWorld, sostenendo che l’acquisto di celle e moduli FV da certi paesi determina una consistente minaccia all’industria nazionale. Le reazioni e i prossimi passi.
Si è sempre guardato alla decarbonizzazione profonda in termini economici. Ma questo approccio, pur necessario, non è sufficiente. Vanno indeboliti i sistemi socio-tecnologici esistenti, bisogna far convergere più tecnologie e offrire sostegno socio-culturale e politico alle nuove soluzioni.
Il boom delle energie rinnovabili ha già spinto il governo ad affermare che l’obiettivo di 175 GW di energie pulite nel 2022 potrà essere superato. Il solare fotovoltaico ha toccato 16 GW di potenza totale a settembre, apprestandosi a chiudere l’anno con il botto. Scenari e incognite del mercato indiano.
Dalla SEN, secondo Giuseppe Onufrio di Greenpeace, emerge una linea: il gas prima di tutto. Un'impronta data già dal documento del Governo Monti. Più che una decarbonizzazione al 2050, che per chi l'ha scritta sembra impossibile, la SEN delinea una chiara difesa per il gas.
Al contrario di Trump, che dal primo giorno da presidente Usa ha iniziato a smontare la politica pro-rinnovabili di Barack Obama, fino a ritirare gli Stati Uniti dagli accordi di Parigi sul clima, molti imprenditori stanno seguendo la via della green economy, per una serie di ragioni.
Il bando "Efficienza energetica delle imprese" rivolto alle micro, piccole, medie e grandi imprese della regione Basilicata ha una dotazione finanziaria di 29.223.126 euro, di cui 20 mln alle micro, piccole e medie imprese. Contributi dal 30 al 50% delle spese ammesse. La documentazione.
Il punto sui finanziamenti destinati all'efficienza energetica nella Regione fatto nel corso della Conferenza Unificata, che ha visto l'approvazione del Piano Nazionale per l'efficienza energetica, dal quale giungeranno nuovi fondi anche per la Regione Calabria.
Il nuovo obiettivo europeo per il 2050 potrebbe essere azzerare le emissioni di anidride carbonica. La Commissione europea lo starebbe valutando nell'ambito dell'aggiornamento della Roadmap 2050, che venne pubblicata nel 2011, per il passaggio ad un'economia a basso contenuto di CO2.
I 310 progetti che si sono aggiudicati i 150 MW di contingente a gara hanno offerto in media 93,4 €/MWh che scendono però a 88,4 €/MWh considerando gli impianti tra 500 kW e 8 MW, con un calo del 12% sulla gara di aprile. Per il FV Parigi terrà 9 aste in un triennio.
L'annuncio dal sottosegretario del MiSE Antonello Giacomelli, in risposta a un'interrogazione in Commissione Attività Produttive della Camera. Solo dopo dell'emanazione del primo decreto attuativo arriverà il provvedimento MEF con le modalità della garanzia dello Stato.
La Commissione Bilancio sollecita conferma che la modifica al sistema delle aste per le rinnovabili non pesi sulla finanza pubblica. Lente puntata anche sulla norma su energivori gas. La nota di risposta del MEF, il testo in esame e gli approfondimenti sugli articoli su energivori e rinnovabili.
La crescita imponente dei veicoli a zero emissioni e dei sistemi di accumulo energetico farà aumentare moltissimo la domanda globale di litio. Il mercato però è ancora sottosviluppato e in mano a pochi produttori. Dalle miniere alle batterie, come potrebbe evolversi un settore cruciale per le tecnologie pulite.
La denuncia dal Movimento Difesa del Cittadino, che chiede una nuova proroga del termine di scadenza. Nonostante la scadenza fosse fissata al 30 giugno 2017, molti edifici non si sono ancora adeguati ai nuovi obblighi relativi ai sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore per gli impianti di riscaldamento centralizzato.
Il disco sarà visibile in anteprima - anche in movimento - nel Centro ENEA della Casaccia il prossimo 29 settembre, in occasione del primo Open Day della Ricerca organizzato dall’Agenzia. Saranno aperte al pubblico le hall tecnologiche e i laboratori.