Skip to Content
Condividi contenuti RSS
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Per arrivare ad un'autosufficienza a livello comunitario, con bassi consumi energetici e piani di adattamento per reagire ai cambiamenti climatici e alle crisi, serve un agire collettivo risultato di specifiche strategie. La resilienza dei sistemi sociali deve essere realizzata non solo a livello personale e politico, ma soprattutto comunitario.
In calo del 3,8% la domanda di elettricità nel mese di luglio. La diminuzione dall'inizio dell'anno è del 3,2%. Nonostante il clima perturbato di luglio in Italia, il fotovoltaico soddisfa nel periodo gennaio-luglio l'8% della domanda elettrica. Le rinnovabili hanno finora coperto il 38,9% della domanda e il 44,9% della produzione netta nazionale.
Le tecnologie della Biogas Refinery, un'opportunità per la chimica verde italiana. Alcuni esempi di ciò che il biogas potrebbe fare per sviluppare in Italia una produzione consistente di materie prime e semilavorati per la chimica verde. Un articolo di Bozzetto, gattoni, Pezzaglia e Sibillla, pubblicato sull'ultimo numero della rivista QualEnergia.
Gli errori più importanti da evitare nella fase di progettazione e nell’installazione degli impianti solari termici. alcuni accorgimenti affinché il sistema solare non subisca danni durante il funzionamento e operi con la massima efficienza. Le principali operazioni di manutenzione che devono essere effettuate e con quale cadenza.
In Italia il divieto di commercializzazione di shopper in plastica ha ridotto del 50% le tonnellate di buste non biodegradabili. Circa la metà delle bioshopper sono però illegali. Kyoto Club chiede al Governo di applicare sanzioni, favorendo la bioeconomia, un tassello fondamentale per battere la crisi. Un articolo di Francesco Ferrante.
Il Senato, ieri sera alle 22.30 , ha approvato in via definitiva con 155 voti favorevoli, 27 contrari e nessun astenuto, il provvedimento di conversione del decreto-legge Competitività, sul quale il Governo aveva posto la questione di fiducia. Il testo e una sintesi dei cambiamenti rispetto al decreto convertito.
L'azienda statale cinese State Grid International Development il 31 luglio ha acquistato il 35% di Cdp Reti Spa, la holding che controlla le nostre Snam e Terna con quote attorno al 30 per cento. La situazione è delicata per i possibili conflitti di interessi in ballo. Un'interrogazione al MiSE chiede chiarezza.
La Camera approva il ddl di conversione del decreto n. 91/2014, ora al Senato per il passaggio finale. Sulla questione fotovoltaico e catasto, affrontata in un emendamento poi stralciato, l'Esecutivo si impegna a intervenire con la delega fiscale. Il testo e un riepilogo delle modifiche.
Le contraddizioni del nostro sistema economico quando si parla di green economy generano l’illusione di una sostenibilità mitica anziché reale. Per una crescita veramente sostenibile bisognerebbe invece affiancare allo sviluppo tecnologico anche politiche energetiche ed economiche coerenti. Un articolo di Angelo Tartaglia per la rivista QualEnergia.
La transizione verso la manifattura diffusa, che nel 2025 potrebbe valere 550 miliardi di dollari, favorirebbe una parallela diffusione della generazione di energia diffusa, con il conseguente potenziamento delle reti energetiche di distribuzione e delle microreti a livello locale. Un articolo di G.B. Zorzoli pubblicato sulla rivista QualEnergia.
A poco più di 15 mesi dalla COP 21 di Parigi arrivano da Europa, Usa e Cina segnali positivi per un cambio delle politiche energetiche. Con obiettivi ambiziosi al 2030 e nuove politiche di efficienza, soprattutto in edilizia, l'Europa potrebbe compiere un passo importante per la transizione energetica. Un articolo di Gianni Silvestrini.
Celle fotovoltaiche spray, da applicare spruzzandole magari sui vetri degli edifici o perché no sul tetto delle auto, rendendo così molto più versatile il FV. Dalla University of Sheffield hanno trovato un metodo per produrle che potrebbe aprire a questa tecnologia la strada per uscire dai laboratori.
Nell'aggiornamento di luglio abbiamo visto in bolletta un aumento dei costi di dispacciamento, necessari a mantenere in equilibrio il sistema. Per l'AEEGSI è dovuto alle rinnovabili non programmabili, ma abbiamo scoperto che non è esattamente così e che questi costi si potrebbero ridurre senza penalizzare eolico e fotovoltaico.
Novità tra gli emendamenti al ddl di conversione del decreto Competitività 91/2014 approvati dalle Commissioni riunite: sale a 500 kW la soglia di potenza per accedere allo scambio sul posto e si esonerano dal pagamento degli oneri di sistema gli impianti sotto ai 20 kW. Si interviene anche sulla questione fisco e catasto. Ritocchi allo spalma-incentivi.
Cambiare il modello del mercato elettrico sarebbe un'operazione complessa e costosa. Basterebbe invece adattare il modello esistente alla situazione attuale, favorendo la diffusione di nuovi strumenti in grado di generare il giusto margine per tutte le fonti e per il servizio che queste svolgeranno. Un articolo di Carlo Durante pubblicato sulla rivista QualEnergia.
Con una circolare l'Agenzia delle Dogane chiarisce, in base alle varie configurazioni, quando all'interno di un SEU le accise debbano essere pagate e da chi. Esente dalle accise l'autoconsumo, se da rinnovabili, anche sopra ai 20 kW. Il testo della nuova circolare 12/D.
Ridimensionamento del nucleare, meno 30% sulle fossili, taglio delle emissioni del 40% e rinnovabili al 32%: gli obiettivi per il 2030 che si è data la Francia sembrano seri. Approvata dal Consiglio dei Ministri la legge sulla transizione energetica, da ottobre sarà al vaglio dell'Assemblea Nazionale.
La sonda geotermica verticale scambia con il terreno in profondità, che rimane a temperatura sempre costante e vicina a quella che serve per il comfort. L’impianto a pompa di calore geotermica, se ben dimensionato, è autonomo ed è in grado di soddisfare al 100% le richieste di un edificio. Come funziona e quanto costa?
L'eolico in mare in Italia è bloccato dall'assenza di regole. Le stesse Regioni e Soprintendenze, solerti nel fermare l’eolico a largo delle coste, continuano invece a chiudere entrambi gli occhi di fronte alle proposte di villette, villaggi turistici, palazzi, porticcioli e perfino piattaforme petrolifere. La denuncia in un dossier di Legambiente.
Un emendamento al ddl di conversione del decreto 91/2014 rende di fatto la Sicilia un mercato amministrato, definendo transitoriamente essenziali quasi tutti gli impianti termoelettrici dell'isola. La misura, che dovrebbe far abbassare il PUN, non piace ad Assoelettrica e spaventa anche qualcuno nel mondo delle energie rinnovabili.
Tutti gli impianti fotovoltaici incentivati in conto energia fino a 400 kW non peserebbero che per meno del 3% del consumo elettrico italiano, ma solo nel caso, inverosimile, di un autoconsumo al 100%. L’allarme dell’Autorità per l'Energia è ingiustificato. Anzi, questo quadro giustificherebbe maggiori facilitazioni, ad esempio, per le potenze inferiori a 20 kW.
Il mercato del solare fotovoltaico nel 2013 ha prodotto entrate per quasi 60 miliardi di dollari e si stima che questa cifra raddoppierà raggiungendo quota 137 miliardi di dollari nel 2020. I dati del nuovo report Frost & Sullivan. A crescere di più sarà l'area Asia-Pacifico ma la società di consulenza è ottimista anche sull'Europa.
Il minieolico in Italia è ad un bivio, tra consolidamento dell’industria nazionale e speculazione finanziaria, con il rischio di ripetere gli errori commessi nel grande eolico e nel fotovoltaico. La manifattura italiana del minieolico è all’avanguardia e potrebbe occupare importanti quote di mercato a livello mondiale. Come sostenerla e liberarla da vincoli burocratici locali e incertezze del quadro normativo?