Skip to Content
Condividi contenuti RSS
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Mentre a Rebuild il settore mostra quanto si può fare, anche dal punto di vista energetico, con le nuove soluzioni edilizie off-site e digitalizzate, il Governo sembra voler frenare l'Europa sui target per l'efficienza energetica. Sarebbe un errore, perché per l'innovazione e gli investimenti servono obiettivi ambiziosi.
Due modelli, all'apparenza contrapposti, possono trovare una sintesi efficace nello sviluppo del FV dei prossimi anni. Il mercato sembra aver assimilato il nuovo modello FV come un'iniziativa di efficienza energetica. Ma non è da escludere un ritorno agli impianti utility scale in market parity.
Secondo uno studio olandese, la finanza verde globale dovrebbe puntare maggiormente sui progetti di generazione distribuita nei paesi più poveri, per garantire l’accesso...
Una guida curata dall’EEFIG rivolta alle istituzioni finanziarie, ma non solo, con raccomandazioni dettagliate su come valutare gli investimenti e mitigarne i rischi in materia di...
Tenendo come riferimento la SEN, al 2030 si dovrà generare con il FV una quantità di elettricità oltre due volte e mezzo quella attuale. Uno scenario che richiede di arrivare...
ENEA ha fornito 10 indicazioni per usare al meglio i climatizzatori. Mercoledì 28 giugno dalle ore 11 sulla pagina Facebook @ENEAUfficioStampa esperti ENEA daranno in diretta...
ENEA ha fornito 10 indicazioni per usare al meglio i climatizzatori. Mercoledì 28 giugno dalle ore 11 sulla pagina Facebook @ENEAUfficioStampa esperti ENEA daranno in diretta informazioni, risposte e chiarimenti via social. Su QualeEnergia.it anche una guida per la scelta dell'apparecchio giusto.
La Camera ha approvato il disegno di legge sulle aree protette che vorrebbe coniugare la tutela e la valorizzazione del territorio e delle biodiversità con lo sviluppo economico sostenibile dei parchi. "Un passo indietro di 40 anni", lo ha definito il WWF. Ora il DL andrà in Senato.
La società americana quotata al Nasdaq è attiva a livello mondiale nel mercato del demand response e della gestione intelligente dell'energia. L’operazione dovrebbe essere completata entro il terzo trimestre del 2017, con l’acquisto di tutte le azioni di EnerNOC da parte di EGPNA.
I titoli assegnati, nella disponibilità del GSE, sono relativi alla produzione da gennaio ad aprile 2017. La prossima sessione d’asta è fissata per il 20 settembre 2017.
Ogni giorno, per gli abbonati di QualEnergia.it PRO, progetti europei, finanziamenti locali, regionali e nazionali, bandi per gare d'appalto in tutta Italia per la fornitura di beni e servizi su energia, edilizia ed efficienza energetica, mobilità sostenibile. I bandi del giorno e l'archivio di quelli in scadenza.
Burocrazia opprimente, tempi lunghi per le autorizzazioni, conflitti di attribuzione: in Italia le procedure per valutare gli impatti ambientali e paesaggistici delle rinnovabili sono sempre state complesse e costose per gli operatori. Ora si cerca di snellirle. Come e con quali limiti?
Il rapporto dell’Osservatorio Recycle, promosso da Legambiente, approfondisce i cambiamenti in corso nelle infrastrutture e in edilizia. Assenza di riferimenti chiari e di obblighi, vuoti normativi e capitolati obsoleti tra le principali problematiche che frenano il settore.
Deloitte propone lo scenario per un’economia a basse emissioni di CO2 nel nostro paese: gli sforzi maggiori sono attesi nei trasporti e nella produzione energetica. Investimenti stimati in circa 9 miliardi di € l’anno per le rinnovabili, le misure di efficienza e i sistemi di accumulo.
Quest'anno il convegno Rebuild della durata di due giorni, apertosi oggi a Riva del Garda, è centrato sul tema dell'edilizia off-site, cioè quella che si sposta dal cantiere alla fabbrica. Pubblichiamo il documento proposto dagli organizzatori come spunto per la discussione nell'ambito del settore.
Un nuovo report avverte che è necessaria una decarbonizzazione profonda, anche con l’eliminazione del gas che ha comunque emissioni molto elevate. Nuove e inutili infrastrutture per questa fonte, previste anche nella SEN, ci allontaneranno dalla rapida diffusione delle rinnovabili e dall’Accordo di Parigi.
Il sesto argomento della rubrica di approfondimento sul Conto Termico 2.0, che segue al webinar curato da Valeria Verga, riguarda i documenti che in genere il GSE richiede e quali caratteristiche devono avere, documenti che vanno quindi caricati sul Portaltermico.
Uno studio europeo appena pubblicato getta una nuova ombra sull’attendibilità dei consumi dichiarati in etichetta: i test non riflettono le condizioni di utilizzo reale dell’apparecchio e non seguono il cambiamento tecnologico. Il Movimento Difesa del Cittadino denuncia il pericolo di un “dieselgate” degli elettrodomestici.
Per tutelarsi dalla possibilità di incorrere nella sospensione degli incentivi e al loro rimborso a seguito di un controllo del Gestore Servizi Energetici, chi possiede un impianto fotovoltaico incentivato deve essere assolutamente certo che tutto sia regolare. Qualche consiglio da Claudio Conti di MC Energy.
Proroga del superammortamento, incentivi all'imprenditoria giovanile, valorizzazione di terreni incolti e immobili non utilizzati e creazione di zone economiche speciali (ZES) per aumentare l’occupazione nel meridione. Una sintesi delle misure previste e il testo integrale.
Oltre undici ore di registrazioni online dei webinar tecnici di QualEnergia.it. Gli argomenti trattati: fotovoltaico, conto termico, micro turbine eoliche, Tremonti Ambientale. In aggiunta gli Atti video (4h 30') di un workshop sul FV del dicembre 2015. Gratuiti solo per gli abbonati a QualEnergia.it PRO.
Gli analisti di McKinsey prevedono che, entro il 2020, sarà la norma che gli impianti eolici offshore producano a meno di 4 centesimi di euro per kWh. Già oggi, in alcuni casi, le turbine in mare hanno mostrato di essere competitive senza incentivi. Vediamo come si stanno riducendo i costi e cosa potrà succedere.
Le auto sono progettate per raggiungere una percorrenza di almeno 250.000 chilometri, un limite che consentirebbe di ammortizzare il loro elevato “costo energetico”. Tuttavia quella media annua, per esempio in Italia, è stata nel 2015 di appena 11.000 km. Con quali danni in termini di emissioni di CO2?
La società di consulenza e certificazione norvegese DNV GL ha pubblicato la sua classifica annuale di oltre 50 modelli di moduli FV sottoposti a diverse prove di durata in laboratorio. L'obiettivo è capire quanto ogni prodotto sia in grado di sopportare le condizioni ambientali “estreme”.
ll processo di elettrificazione dei consumi di energia in atto potrebbe favorire lo status quo energetico, con un mix di fonti dove prevalgono fossili e nucleare, oltre ad altre implicazioni negative per il sistema. Il tema è affrontato da un position paper delle associazioni europee delle rinnovabili termiche.
In una lettera al Parlamento Europeo, all'attenzione dell'ITRE - Industry, Research and Energy committee - che sta discutendo sulle direttive per migliorare le performance energetiche degli edifici, 7 associazioni propongono un sistema di etichettatura di stufe e caldaie già installate.
Il bando, rivolto ai concessionari del pubblico servizio di distribuzione dell’energia elettrica delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, finanzia gli interventi di costruzione, adeguamento, efficientamento e potenziamento delle infrastrutture elettriche per la distribuzione. Domande dal 15 settembre al 2 ottobre 2017.
I progetti doranno incrementare la quantità di energia immessa in rete derivante da impianti di generazione a fonti rinnovabili connessi alla rete di distribuzione e ridurre le criticità presenti sulla rete di trasmissione AT/AAT, causate dall’incremento della generazione da rinnovabili sulle reti di distribuzione.
La SEN in consultazione e il pacchetto di proposte sull'energia della Commissione europea fanno ben sperare per il futuro di fonti rinnovabili e per la generazione distribuita. Forse ancora più incoraggiante è il cambio di strategia di molte grandi utility. Possiamo essere ottimisti? Lo abbiamo chiesto al presidente del Coordinamento FREE, GB Zorzoli.
Negli Stati Uniti si stanno diffondendo gli accordi di lungo periodo tra imprese e produttori di elettricità verde, sulla scia delle esperienze maturate dai colossi dell’informatica come Apple e Google. In Italia si parla di corporate PPA nella nuova SEN. Attenzione però ai possibili rischi finanziari.
Qual è stato in questi anni l'andamento dei prezzi negativi sul mercato elettrico tedesco? Cosa implica per un sistema un mix di tecnologie che lo renda più o meno flessibile? Quali effetti si potranno avere in Italia quando i prezzi negativi verranno adottati anche da noi? Ne parliamo con un'analista del settore.
Il giudizio di Legambiente sulla nuova Strategia Energetica Nazionale presentata dal Governo: nel documento vari aspetti positivi, ma un programma troppo modesto e vago per affrontare la sfida del clima e che è concreto solo sui piani che riguardano il gas. “Ci vuole più coraggio e lungimiranza”.
Grazie alla dimostrazione, alla progettazione e allo sviluppo di un innovativo reattore a membrana progettato per convertire il biogas in idrogeno, saremo presto in grado di produrre energia pulita in modo totalmente green, efficiente e più economico. Il progetto.
Durante il suo intervento il ministro ha ribadito l'importanza dell'accordo di Parigi, ritenendo fondamentale un dialogo costruttivo che riporti gli USA in barca. Si è poi soffermato sull'importanza della riduzione delle emissioni dei settori non ETS e della contabilizzazione delle emissioni del settore agricolo-forestale.
La differenza di valore economico tra l’energia prelevata e quella ceduta alla rete richiede di aumentare l’autoconsumo. Tra le soluzioni c’è l’accumulo, ma la natura discontinua dei carichi elettrici domestici e il carattere di stagionalità della fonte solare non giustifica sempre il loro utilizzo. C’è poi la possibilità di controllare i carichi elettrici. Un articolo dell’ing. Francesco Groppi.
Il piano ha una dotazione finanziaria di 15 mln di €, di cui 10 per l'acquisto di veicoli e infrastrutture. La rete di infrastrutture sarà concentrata su 5 aree: Città Metropolitana Cagliari, Rete Metropolitana Sassari, Reti urbane Olbia, Nuoro e Oristano. Diversi interventi nelle isole minori sarde.