Skip to Content
Condividi contenuti RSS
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Il mercato nazionale si è contratto del 25% dal 2013 al 2014, secondo Estif. Anche a livello europeo le cose non sono andate bene con un calo complessivo del 7%, nonostante le buone performance di mercati come Grecia, Spagna e Danimarca. Grandi potenzialità sono in impianti commerciali, per l'industria e per il teleriscaldamento.
In Valle d'Aosta una cooperativa edile, dopo aver riqualificato energeticamente degli edifici esistenti, grazie a rinnovabili e tecniche di bioedilizia, li vende garantendo a chi li compra che non spenderà più un euro per il riscaldamento. Una formula originale e interessante. I consumi sono coperti con fotovoltaico e pompe di calore.
In Germania sono molte le realtà, dalle piccole comunità rurali alle grandi città, che vogliono rendersi indipendenti dai combustibili fossili. Nel 2007 è stata creata una rete delle istituzioni con l’obiettivo “100% rinnovabili”, nel 2014 erano ben 140 le comunità aderenti alla rete. E il Paese potrebbe puntare al 100% elettrico anche a livello nazionale.
Nelle realtà locali laboratori della mobilità sostenibile. Progetti interessanti, come quello in trentino in cui l'idroelettrico fa muovere una flotta di mezzi elettrici, o quello della comunità di allevatori calabresi che muove i propri mezzi con il biometano dalle deiezioni dei loro animali.
Nelle realtà locali laboratori della mobilità sostenibile. Progetti interessanti, come quello in trentino in cui l'idroelettrico fa muovere una flotta di mezzi elettrici, o quello della comunità di allevatori calabresi che muove i propri mezzi con il biometano dalle deiezioni dei loro animali.
La BP ha raggiunto un accordo con le autorità Usa per un risarcimento di 18,7 miliardi di $ da pagare in 18 anni per il disastro ambientale provocato dalla fuoriuscita di petrolio dalla piattaforma Deepwater Horizon nel golfo del Messico, avvenuto nel 2010. Sui danni reali però c'è un balletto di cifre.
I consumi dei 13mila edifici della pubblica amministrazione potrebbero essere tagliati del 40%, con un risparmio di 73 milioni l'anno, quelli delle 43.000 scuole del 45%, con un risparmio di 169 milioni di €. Poi ci sono gli edifici della PA centrale. Il tutto creando oltre 55mila posti di lavoro. Riqualificare il patrimonio edilizio pubblico è una opportunità.
Quasi tutta la nuova potenza che si installerà da qui al 2025 in Europa verrà da fotovoltaico ed eolico, in crescita rispettivamente del 60 e 80%. Lo prevede Entso-E, l'associazione europea degli operatori di rete. In calo fossili e nucleare. Le rinnovabili non programmabili in 8 Stati saranno in grado di coprire fino al 100% del carico orario. In Italia fino al 90%.
Moltissimi i ricorsi presentati al Tar sul contestatissimo documento tecnico di riferimento (DTR) del GSE contenente le regole per il mantenimento degli incentivi per il fotovoltaico in conto energia uscito il 1 maggio. Una lettera del GSE ad assoRinnovabili sembra voler intendere l'eliminazione della soglia di producibilità incentivabile. A breve uno Speciale di QualEnergia.it
Celle fotovoltaiche che al posto del silicio usano strati sottilissimi di due tipi di polimero organico. Individuata una nicchia di mercato dove la tecnologia offre già diversi vantaggi e può essere competitiva. Una startup italiana tenterà di lanciare sul mercato questa tecnologia con le sue notevoli potenzialità future.
Isolamento, cogenerazione, bruciatori efficienti, cicli ORC e scambiatori di calore: queste sono alcune delle tecnologie che potrebbero tagliare la bolletta particolarmente salata per i consumi termici degli utenti industriali e con una grande convenienza economica. Ma c'è una forte barriera culturale da rimuovere. Il nuovo report dell'Energy & Strategy Group.
Un progetto da 30 MW in 10 turbine nella rada del porto di Taranto. Sarebbe il primo non solo nelle acque italiane, ma nel Mediterraneo. Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso del Comune di Taranto contro la sentenza del Tar Puglia: resta valida l'autorizzazione del Ministero delle Infrastrutture.
La Cina ha annunciato il suo piano INDC in vista della COP 21. Nei prossimi 15 anni taglierà l'intensità di CO2 della propria economia (rapporto tra emissioni di CO2 e Pil) con ritmi doppi rispetto ai 15 anni precedenti, triplicando entro il 2020 la potenza da fotovoltaico e raddoppiando, sempre in 5 anni, quella da eolico. Il documento.
Bassi prezzi del gas, domanda fiacca ed eccesso di capacità secondo l'agenzia di rating faranno continuare il calo dei prezzi dell'elettricità all'ingrosso, che scenderanno dagli attuali 48-51 €/MWh per assestarsi tra i 42 e i 47 € per MWh fino al 2020. Per i grandi dell'energia convenzionale sarà dura e il capacity market non potrà fare molto.
Intervenire sull'edifico nella sua globalità è il modo migliore per massimizzare il risparmio di energia e soldi. Coibentando l'involucro e adeguando l'impiantistica è più facile tagliare i consumi energetici anche fino all'80-90%. Ma come si procede ad una deep renovation e quali ostacoli frenano questo tipo di riqualificazione energetica?
Il solare termico per applicazioni su scala commerciale necessita di appropriati e innovativi modelli di business per affrontare i diversi potenziali rischi di questo tipo di investimento per l'industria e i condomini. Un recente seminario via web organizzato dall'International Solar Energy Society ha messo in luce le problematiche più attuali e mostrato alcuni esempi di progetti realizzati.
La soluzione più diffusa per chi utilizza l’impianto prevalentemente d’estate, ma che ha bisogno anche di calore in inverno, è un sistema multi split a pompa di calore elettrica aria-aria. Attenzione alle prestazioni degli apparecchi, ai lavori d’installazione, alle verifiche minime obbligatorie per legge. I costi e le detrazioni fiscali.
L'ultima versione del testo in circolazione sembra recepire alcune delle modifiche chieste dalle associazioni del settore. Limato lo spazio per gli ex-zuccherifici, c'è un contingente per l'eolico off-shore, possibilità registro anche per potenze sotto soglia, cancellata l'esclusione degli impianti a sansa vergine d'oliva. La bozza.
Le spinte che remano contro il cambiamento del sistema di approvvigionamento energetico e la lotta al global warming sono forti e agguerrite, e dalla loro parte stanno i governi da sempre organici all’industria energetica tradizionale. Uno sguardo, senza troppe illusioni, dal livello mondiale fino al nostro Paese. Ovunque si prova a rallentare un cambiamento che richiede invece una forte accelerazione.
Ridurre i costi e trovare nuove forme di finanza per valorizzare l'edilizia esistente. Il risparmio di energia e i soldi che si possono generare dal nostro inefficiente parco edilizio sono enormi. Servono l'industrializzazione degli interventi e strumenti adeguati per valorizzarlo. Da REBuild.
La riforma delle tariffe elettriche dei clienti domestici, che eliminerà la struttura progressiva, diminuirà il risparmio ottenibile con il fotovoltaico e renderà meno care le bollette per chi consuma di più. Per la maggioranza dei prosumer con impianto FV il danno economico sarà consistente, mentre in alcuni casi i conti potrebbero migliorare leggermente.
La diffusione delle driverless car appare più vicina di quanto si pensasse solo poco tempo fa. Nei prossimi 5-10 anni si vedranno i primi esemplari in circolazione e fra un paio di decenni le 'auto autonome' potrebbero essere la norma. Ma quali sarebbero le conseguenze di una diffusione su larga scala delle auto senza guidatore?
Sostituire porte e finestre può essere un'ottima occasione per tagliare la bolletta e migliorare il comfort abitativo con un intervento che, almeno fino a fine anno, gode della detrazione fiscale del 65%. Tipologie di infissi e di vetro, prezzi, prestazioni energetiche e potere fonoisolante: uno sguardo al mondo dei serramenti.
E' stata presentata oggi alla Camera dei Deputati la Relazione annuale dell'Autorità per l'energia. Molti i temi affontati dal presidente Guido Bortoni nella sua relazione introduttiva. Qui pubblichiamo uno stralcio dei principali contenuti sullo scenario energetico nazionale e i due volumi della relazione annuale.
Il TAR del Lazio ha sollevato la questione di legittimità costituzionale dello “spalma incentivi” fotovoltaico. Quindi il provvedimento sarà sottoposto all’esame della Corte Costituzionale. Il GSE rischia di dover restituire la differenza tra l’incentivo spettante e quello inferiore effettivamente corrisposto, più l’eventuale risarcimento dei danni.
Novità nel Dco. Spostamento degli oneri rivisto in modo da non penalizzare troppo il risparmio energetico e il fotovoltaico. Marcia indietro sulla cancellazione della distinzione tra residenti e non residenti e applicazione più graduale. Osservazioni entro il 4 settembre. Il documento.


agenzia di comunicazione roma marketing roma