Energia e intelligenza artificiale, una borsa di studio per giovani laureati

L'iniziativa è promossa dalla Fire (Federazione Italiana per l'uso Razionale dell'Energia). Il bando scade il 15 maggio: durerà 12 mesi con un importo di 30mila euro lordi.

ADV
image_pdfimage_print

Una borsa di studio da 30mila euro lordi destinata ai giovani laureati, in tema di intelligenza artificiale applicata nell’ambito delle soluzioni per l’efficienza energetica e le fonti rinnovabili, della durata di 12 mesi.

Questa la nuova iniziativa promossa dalla Fire, Federazione Italiana per l’uso Razionale dell’Energia, battezzata “Bette Mebane” Fellowship Grant.

La ricerca, si spiega, mira a indagare e relazionare sui seguenti aspetti:

  • tipologia di soluzioni per l’intelligenza artificiale e relativo grado di sviluppo;
  • stato dell’arte dell’utilizzo dell’intelligenza artificiale nelle attività legate all’energy management e nelle soluzioni disponibili sul mercato (sistemi di monitoraggio e automazione, macchine e processi industriali, sistemi energetici, manutenzione e gestione impianti etc.);
  • evoluzione attesa delle tecnologie per l’intelligenza artificiale, opportunità di applicazione nel settore energetico, barriere all’impiego, potenziali limiti tecnici ed etici nel loro utilizzo;
  • individuazione dei principali provider di soluzioni che utilizzano sistemi di intelligenza artificiale;
  • indagine presso gli stakeholder del mondo dell’energia – quali produttori di tecnologie che possono trarre vantaggio dall’intelligenza artificiale, utility, ESCO, imprese, enti, professionisti, etc. – in merito all’impiego dell’intelligenza artificiale attuale e futuro e alle attese per i prossimi anni.

Il bando, aperto il 18 aprile, scadrà il 15 maggio 2024.

ADV
×