A fine maggio, rinnovabili al 37,7% su domanda elettrica. Eolico e FV record con 20 TWh

In cinque mesi generati 48 TWh da rinnovabili, di cui il 41,6% da fotovoltaico ed eolico. I dati Terna su produzione e consumo elettrico del paese.

ADV
image_pdfimage_print

La domanda elettrica a maggio in Italia è stata di 24,5 TWh, pari a +8,5% rispetto al maggio 2020.

Poiché soprattutto la prima parte dello scorso anno, causa lockdown, può considerarsi anomala, è bene confrontare il dato con il maggio 2019: in questo caso inferiore del 4,4%.

La produzione da fonti rinnovabili (11,3 TWh al netto del consumo del pompaggio) è stata in termini assoluti pressoché simile al maggio 2020 (- 120 GWh) e come quota pari al 46,9% (contro il 51,5% del maggio di un anno fa).

A maggio la punta in potenza è stata registrata mercoledì 12 alle ore 10-11, ed è stata pari a 45.135 MW.

Questi i dati pubblicati da Terna nel suo rapporto mensile (allegato in basso). Sotto i dati sulla produzione, anche da rinnovabili, e il confronto con maggio 2020.

Dati per il periodo gennaio-maggio 2021

Nei primi cinque mesi dell’anno la domanda di energia elettrica è cresciuta del 6,6% rispetto al 2020, ma è in calo dell’2,1% sul periodo gennaio-maggio 2019.

Tra gennaio e maggio 2021 le rinnovabili hanno generato circa 48 TWh, pari al 37,7% della domanda di elettricità.

La generazione di rinnovabili è aumentata di poco più di 1 TWh rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Tra le rinnovabili la generazione da idroelettrico è cresciuta del 2,2% e quella dell’eolico dell’11,5% in confronto al periodo gennaio-maggio 2020. In leggero calo la produzione da fotovoltaico (-3%).

Il solare fotovoltaico ha coperto finora l’8% della domanda elettrica, mentre l’eolico il 7,7% parte dell’anno, (15,7% in totale).

La produzione di eolico e FV insieme (20 TWh), la più elevata di sempre per il periodo, è di 700 GWh in più dei primi cinque mesi del 2020, ed è maggiore di 500 GWh rispetto al 2019.

La produzione idroelettrica con 18,2 TWh (circa 400 GWh in più del 2020) ha soddisfatto a fine maggio il 13,6% della richiesta elettrica. La generazione da bioenergie è al 5,9%, la geotermia all’1,8%.

Finora, a maggio, eolico e fotovoltaico insieme hanno rappresentato il 41,6% di tutte le fonti rinnovabili, mentre l’idroelettrico è al 38%.

Il seguente documento è riservato agli abbonati a QualEnergia.it PRO:

Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito a QualEnergia.it PRO

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti