Da oggi è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati in comune diverso da quello in cui si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute.

Lo stabilisce l’ordinanza adottata congiuntamente dal ministro della Salute e dal ministro dell’Interno che rimarrà efficace fino all’entrata in vigore di un nuovo decreto del presidente del Consiglio.

Qui l’ordinanza del 22 marzo 2020.

Oggi è entrato in vigore anche il Dcpm 22 marzo 2020 che dispone la chiusura di varie attività non essenziali: lo abbiamo riportato qui andando a vedere quali imprese nel campo dell’energia possono continuare a lavorare.

Qui trovate la raccolta aggiornata delle notizie sull’emergenza coronavirus.