Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Ritardo inaccettabile per il biometano in rete. assoRinnovabili si appella a Renzi

assoRinnovabili ha scritto al Presidente del Consiglio affinché intervenga, sollecitando MiSE e Autorità per l'Energia, per avviare in tempi brevi un tavolo di lavoro con l’obiettivo di recuperare il ritardo fino ad oggi accumulato, e far partire la filiera del biometano immesso in rete.

Sono passati ormai 7 anni dall’approvazione della Direttiva Europea sulle fonti rinnovabili e ben 5 dal suo recepimento nel nostro ordinamento, eppure il quadro normativo e regolatorio che dovrebbe disciplinare la produzione del biometano resta ancora avvolto nel mistero. Il risultato è che nel 2016 in Italia tale produzione semplicemente non è possibile. Mentre gli altri Paesi europei hanno sostenuto e promosso questo settore, creando opportunità, mercato e lavoro, l’Italia, ancora una volta, resta in panchina, spettatrice di una partita che potrebbe e dovrebbe giocare da titolare.
 
Il MiSE anziché porre finalmente rimedio a questo ritardo ha espressamente vietato l’immissione in rete di biometano derivante da biogas da discarica o dalla frazione organica dei rifiuti urbani (art. 8, comma 9, DM 5 dicembre 2013); allo stesso tempo, l’AEEGSI ha consentito l’immissione in rete del biometano soltanto a condizione che sia “assolutamente puro”, cosa che non è tecnicamente realizzabile e che infatti non è richiesta negli altri Paesi europei.
 
“Il biometano è l’ennesimo treno che stiamo per perdere”, ha detto Agostino Re Rebaudengo, Presidente di assoRinnovabili. “L’introduzione di tali divieti e ostacoli appare del tutto incomprensibile e sta impedendo la realizzazione di molte iniziative e la creazione di posti di lavoro. Siamo alle solite: se la situazione non si sblocca saremo costretti ad importare dall’estero tecnologia e know how sviluppati da altri”.
 
Per questo motivo assoRinnovabili ha scritto direttamente al Presidente del Consiglio Matteo Renzi perché intervenga, sollecitando gli enti coinvolti affinché avviino in tempi brevi un tavolo di lavoro con l’obiettivo di recuperare il ritardo fino ad oggi accumulato, consentendo finalmente l’avvio del settore.

da comunicato assoRinnovabili