Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Il colpo alle rinnovabili nel decreto sul bonus Irpef

Per coprire i famosi 80 euro in busta paga ai dipendenti con reddito lordo tra 8.000 e 24.000 euro ci sarò anche un prelievo dalle fonti rinnovabili: si inasprisce la tassazione del reddito che le aziende agricole ricavano producendo energia pulita. Per gli agricoltori il provvedimento produrrà “effetti dirompenti per gli investimenti in rinnovabili”.

C'è anche una novità negativa per le fonti rinnovabili nel DL sul bonus Irpef, che dovrebbe essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale tra oggi e domani. Tra le misure per trovare i famosi 80 euro in busta paga che saranno assegnati ai dipendenti con reddito lordo tra 8.000 e 24.000 euro, c'è una modifica al modo in cui viene tassato il reddito che le aziende agricole ricavano producendo energia pulita.
Il comma 1 dell'articolo 22 del decreto (in basso allegato, relazione tecnica e schema riassuntivo), modifica a partire dal periodo di imposta 2014, la determinazione del reddito imponibile derivante dalla produzione e cessione di energia elettrica e calore da fonti rinnovabili agroforestali e fotovoltaiche, nonché di carburanti prodotti da coltivazioni vegetali provenienti prevalentemente dal terreno effettuata dagli imprenditori agricoli.

In particolare si stabilisce – spiega la relazione tecnica - “che il reddito sia determinato apportando ai corrispettivi delle operazioni (cessioni), effettuate ai fini IVA, il coefficiente di redditività del 25%, laddove a legislazione vigente tale operazioni (produzione e cessione) si considerano attività connesse e produttive di reddito agrario (quindi determinato in via catastale)”. Ciò significa che tutte le entrate che derivano dalla produzione di energia pulita saranno tassate al 25%, mentre finora quelle entrate, costituendo 'reddito agricolo', potevano essere tassate tramite rivalutazione delle rendite catastali, dunque molto meno.

Resta aperta l'alternativa di optare per la tassazione analitica, nella quale cioè si tassa, in base all'aliquota dello scaglione di reddito del soggetto, solo la differenza tra costi e ricavi: una soluzione conveniente solo in certi casi rispetto alla nuova tassazione del 25% su tutte le entrate da rinnovabili, spiega a QualEnergia.it l'ufficio fiscale di Confagricoltura.

La misura interessa un fatturato totale di 615,5 milioni all'anno: 110 milioni riguardano impianti fotovoltaici presso le aziende agricole, 500 milioni biomasse e biogas e 6,5 milioni biocarburanti. Al netto del calo nei redditi catastali, il recupero di gettito IRPEF atteso è di circa 45 milioni di euro l'anno dal 2015 e 33,8 per il 2014 (dato che si prevede che i contribuenti debbano ricalcolare l’acconto 2014 in sede di autotassazione come se già nel 2013 fosse stata in vigore la modifica normativa, il cosiddetto “anticipo dell’acconto” in termini di cassa, con un acconto del 75%).

Dura la critica degli agricoltori alla nuova norma: “Dopo gli interventi normativi introdotti con il decreto 'Destinazione Italia', che ha ridotto pesantemente i prezzi minimi di vendita dell’energia elettrica da fonti rinnovabili, l’aggravio fiscale previsto con il provvedimento approvato dal Governo venerdì scorso rischia di compromettere definitivamente l’equilibrio economico-finanziario delle imprese agricole che hanno investito nel settore delle rinnovabili”, denuncia Agrinsieme, il Coordinamento tra Cia, Confagricoltura e Alleanza delle Cooperative Agroalimentari.

La determinazione del reddito con l’aliquota del 25% sull’ammontare dei corrispettivi, con il cambio delle regole d’imposizione “in corso d’opera”, secondo l'associazione produce, infatti, “effetti dirompenti sui piani d’investimento e sulle fonti di finanziamento bancario”. Peraltro, sottolinea Agrinsieme, "la pesante tassazione genera un gettito di gran lunga superiore a quanto stimato dal Governo, che impone un profondo ripensamento della misura, in particolare per i settori del biogas e delle biomasse, che utilizzano materia prima agroforestale, effluenti zootecnici, sottoprodotti, con positive ricadute economiche sul territorio”.

Occorre, a parere del coordinamento, “assolutamente rivedere l’impianto delle nuove norme, al fine di assicurare un futuro alle rinnovabili agricole che stanno dando un grande contributo alla diminuzione delle emissioni e più in generale alla tutela dell’ambiente. In questo ambito è indispensabile rilanciare una strategia di settore che eviti provvedimenti estemporanei, con effetti retroattivi”.

Il decreto (pdf)

La relazione tecnica (pdf)

Lo schema di riepilogo (pdf)





Commenti

Renzi contro le rinnovabili

Ai 3 milioni di italiani che hanno votato Renzi alle primarie! ALIM&%$OR6€@@À# !!!

Se il provvedimento può

Se il provvedimento può ritenersi sensato, allora devono attuarlo solo per le nuove istallazioni. Non è pensabile farlo retroattivo.
In ogni caso ritengo corretta l'interpretazione originale, il Signor Adami non considera il fatto che per essere in regime agricolo il 51% dei prodotti deve essere di origine aziendale altrimenti si va a bilancio. Chi ha istallato un fotovoltaico (magari in scambio sul posto) o un piccolo biogas o biomasse funzionante prevalentemente con scarti o reflui aziendali (migliorando anche le emissioni odorose dei reflui) è ridicolo sia considerato un industriale.
Poi vorrei fare un breve off-topic: visto che acquistiamo energia dalla Francia tenendo spente le nostre centrali fossili, il capacity payment come viene realmente utilizzato?
....

Quante incongruenze...: per

Quante incongruenze...: per un Fotovoltaico l'energia viene tassata solo per la parte venduta e fatturata(minima rispetto al totale) perché l'incentivo non viene fatturato e quindi sottoposto ad iva . per il biogas essendoci la tariffa omnicomprensiva la tassazione viene fatta per l'intero dell'energia ceduta e quindi tassata in percentuale maggiore rispetto al fotovoltaico.

Il biogas e biomasse hanno spese generali alte per cui diventa obbligatoria l'opzione analitica, quest' ultima insostenibile per l'allevamento e l'attività agricola per cui bisogna dividere l'azienda agricola in due società con tutti i problemi del caso essendo un corpo unico. questo discorso può essere fattibile per chi ha impianti da 1 mw, ma chi ha piccoli impianti costruiti solo per itegrazione come fanno?
GRANDE FREGRATURA..... CON RASSEGNAZIONE TOTALE DICO SOLO: POTEVANO DIRLO PRIMA.

L'ennesimo vantaggio delle rinnovabili

L'ennesimo contributo, di chi ha investito nelle energie rinnovabili e pulite, al benessere degli Italiani, che però nel frattempo pagano sempre di più le fossili ...

A occhio, se comunque è

A occhio, se comunque è preservata la possibilità di optare per la tassazione analitica, tutti i casi di ingiusta sovratassazione sono evitabili con tale opzione, per cui ad essere colpiti dovrebbero essere solo gli ingiusti privilegi.

O ci sono casi particolari?

La vendita di energia

La vendita di energia elettrica è una attività industriale che non ha nulla a che fare con la produzione di prodotti agricoli.
Provvedimento assolutamente sensato