L’Italia – nell’interesse dell’economia dell’intero sistema-Paese – prenda una posizione ambiziosa in sede Ue rispetto alla revisione della direttiva sull’efficienza energetica negli edifici, la EPBD, che la presidenza estone del Consiglio europeo vuole concludere entro il prossimo 5 dicembre. L’appello, contenuto in una lettera indirizzata al ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, arriva a EU-ASE, […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.