Come si effettua un’operazione di revamping? Uno studio di SMA Italia

CATEGORIE:

I malfunzionamenti dell’inverter sono responsabili di oltre il 69% dei guasti che portano ad una mancata produzione dell’intero impianto fotovoltaico. Lo studio di SMA Italia realizzato su un una base installata di decine di megawatt di potenza.

ADV
image_pdfimage_print

“La tariffa incentivante legata a impianti FV allacciati negli scorsi anni è davvero ottima. Primo, secondo e terzo conto energia”, dichiara Attilio Bragheri, responsabile della divisione Power Plant Solutions di SMA Italia e che si occupa di grandi impianti fotovoltaici. “Tuttavia ogni giorno gran parte del compenso viene perduto poiché gli inverter installati non consentono di produrre quanto promesso”, spiega Braghieri.

Un recente studio effettuato dall’azienda produttrice di inverter su una base installata di diverse decine di MW ha evidenziato come i malfunzionamenti dell’inverter siano responsabili di oltre il 69% dei guasti che provocano una mancata produzione dell’intero impianto fotovoltaico. Ciò vuol dire che se le performance di un inverter non sono al 100%, l’intero business plan dell’investimento ne risente.

In questo contesto, si inserisce e si rende necessaria l’operazione di revamping: sostituendo l’inverter si ha un impatto diretto e rapido sull’IRR (Internal Rate of Return, tasso interno di rendimento) dell’impianto e si aumenta il valore sul mercato secondario del fotovoltaico.

SMA Italia, grazie alla propria struttura integrata, diventa quindi un punto di riferimento per utenti finali e asset manager che intendono migliorare le performance del loro impianto fotovoltaico. Da un lato, infatti, l’azienda può vantare un’elevata affidabilità nel settore, dimostrata da oltre trent’anni di attività nel fotovoltaico, e una gamma prodotti contraddistinti da tecnologia all’avanguardia. Dall’altro lato, invece, SMA Italia fornisce servizi di due diligence di inverter già installati sul campo tramite simulazioni sia tecniche che finanziarie e un servizio di assistenza tecnica, formato da professionisti estremamente qualificati, tutti dipendenti diretti dell’azienda.

L’analisi di sensitività effettuata da SMA Italia prima di ogni operazione di revamping prende in esame due principali caratteristiche dell’impianto: la qualità degli inverter (efficienza di conversione, derating termico, perdite per autoconsumo, ecc.) e il servizio erogato dal produttore di inverter, direttamente correlato alla producibilità e alla remunerazione dell’impianto.

Se rispetto a quanto calcolato nel business plan iniziale si nota che l’impianto sta subendo una perdita di produzione, vuol dire che le performance dell’inverter non sono in linea con quelle attese.

Ciò può dipendere sia da una perdita nell’efficienza di conversione del prodotto sia da una diminuzione della disponibilità operativa dell’inverter, legata ai servizi di assistenza tecnica del produttore. In questo caso, la produzione dell’impianto si attesta a un valore molto minore rispetto a quanto preventivato nel business plan. Ció si traduce inevitabilmente in mancati guadagni.

Per sopperire alla perdita di produzione e quindi di guadagno, andando a impattare direttamente e rapidamente sull’IRR dell’impianto, SMA valuta, in collaborazione con il cliente, la possibilità di effettuare un’operazione di revamping, ovvero la sostituzione dell’inverter: così facendo, si aumenta immediatamente la produzione dell’impianto e quindi la remunerazione e il valore sul mercato secondario del fotovoltaico.

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti