Fit for 55, due giorni decisivi per energia e clima al Parlamento Ue: su cosa si voterà?

Gli eurodeputati discuteranno e voteranno tra oggi e domani otto dossier del pacchetto Fit for 55, tra cui lo stop alle auto termiche dal 2035 e la revisione del mercato Ets.

ADV
image_pdfimage_print

Nella plenaria del Parlamento Ue si gioca un pezzo importante del futuro europeo su energia e clima.

A Strasburgo gli eurodeputati prima discuteranno (oggi, martedì 7 giugno) e poi voteranno (domani, mercoledì 8 giugno) otto dossier del maxi pacchetto Fit for 55 varato lo scorso luglio 2021 dalla Commissione Ue, al fine di rafforzare la politica climatica dei 27 Stati membri con il Green deal.

Lo stop alla vendita di auto termiche dal 2035 è il tema che ha raccolto la maggior parte delle attenzioni negli ultimi giorni, con lo scontro tra sostenitori e oppositori di una transizione accelerata verso la mobilità 100% elettrica.

La revisione del mercato europeo della CO2 (Ets, Emission trading scheme) e la prossima introduzione di una tassa alle frontiere sulle importazioni di determinati prodotti ad alto contenuto di CO2 (Cbam, Carbon border adjustment mechanism) sono altri punti molto dibattuti.

Nel complesso, il voto resta molto incerto, perché su alcuni dossier non si sono raggiunte posizioni convergenti e bisognerà vedere gli sviluppi in aula, tra emendamenti e compromessi tra le varie forze politiche, tenendo conto delle forti pressioni esercitate dalle lobby industriali, che spingono per ammorbidire i nuovi obiettivi sulle auto e sulla riduzione/eliminazione delle quote gratuite di emissione assegnate in ambito Ets.

Di seguito gli otto dossier su cui si esprimerà il Parlamento Ue:

  • nuovo standard per le emissioni di CO2 di auto e furgoni con la proposta di azzerare le emissioni allo scarico entro il 2035 (di fatto sarebbe un bando alla vendita di veicoli benzina e diesel);
  • revisione del mercato Ets con suo allargamento a edifici e trasporti;
  • introduzione del meccanismo di adeguamento del carbonio alle frontiere;
  • fondo sociale per il clima per distribuire risorse alle famiglie a basso reddito e sostenere i loro investimenti in tecnologie pulite ed efficienza energetica;
  • revisione del regolamento sulle riduzioni annuali vincolanti delle emissioni di gas serra a carico degli Stati membri per il periodo 2021-2030;
  • revisione del sistema Ets per il trasporto aereo con graduale eliminazione delle quote gratuite assegnate al settore;
  • implementazione nel sistema Ets delle notifiche Corsia (Carbon Offsetting and Reduction Scheme for International Aviation), lo schema internazionale che regola le emissioni dei voli;
  • revisione del regolamento su uso del suolo, cambiamento degli usi del suolo e silvicoltura (Lulucf).

Le votazioni determineranno la posizione finale del Parlamento Ue su questi temi, da cui si partirà per i successivi negoziati istituzionali con il Consiglio e la Commissione.

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti