Banco BPM e Viessmann Italia hanno siglato un accordo per la cessione in forma “pro soluto” dei crediti fiscali, Superbonus 110% ed Ecobonus, a valere su un plafond di 40 milioni di euro.

Viessmann Italia, che opera nel settore della produzione di caldaie, sistemi di riscaldamento, climatizzazione e fotovoltaico, ha strutturato e perfezionato l’operazione grazie al management del Centro Corporate Verona Trentino Alto Adige di Banco BPM, con la collaborazione di 2 R Capital SpA Milano in qualità di advisor tecnico.

L’intesa con Banco BPM permetterà a Viessmann Italia di monetizzare fino a 40 milioni di euro di crediti fiscali da “Superbonus 110% ed Ecobonus”, consentendo alla società di ottimizzare le fonti di finanziamento e di dotarsi di risorse per accrescere il proprio posizionamento di mercato.

“Viessmann Italia opera direttamente su tutto il territorio nazionale con una rete di installatori professionisti – commenta Stefano Dallabona, Amministratore Delegato di Viessmann Italia – con cui abbiamo sviluppato rapporti di fiducia. Offrire un servizio che li facilita nella proposta di soluzioni efficienti sfruttando le opportunità degli incentivi è indubbiamente strategico. La collaborazione che si è sviluppata nel corso degli anni con Banco BPM ci permette di affermare il nostro ruolo di riferimento per gli attori del mercato dell’efficientamento energetico».

“L’operazione siglata con Viessmann Italia – commenta Luca Manzoni, Responsabile Corporate Banco BPM – è frutto dell’impegno che la Banca pone nella ricerca di prodotti, soluzioni e processi che soddisfino le esigenze dei clienti più sofisticati. Banco BPM è in grado di supportare le aziende anche nel nuovo mercato dei crediti da Superbonus 110% ed Ecobonus mettendo a disposizione, grazie alla propria esperienza, i servizi più aggiornati e di standard più elevato. E nei confronti di aziende come Viessmann Italia, leader nel loro particolare mercato, ci candidiamo ad essere banca di riferimento per accompagnarli nei loro percorsi di crescita aziendale”.