Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Droni e rinnovabili, matrimonio di convenienza: ecco come usarli

I velivoli senza pilota comandati da remoto nell’ambito delle energie rinnovabili permettono di ridurre i tempi per il monitoraggio degli impianti ed evitano agli operatori di effettuare lavori in posizioni potenzialmente rischiose. Vediamo come si usano i droni al servizio di impianti fotovoltaici ed eolici.

Tanti ritengono che siano per lo più un simpatico hobby per la domenica pomeriggio, o che al massimo, fuori dai teatri di guerra, possano consentire di realizzare dei bei video che poi vediamo in film e documentari. In realtà i droni (o tecnicamente RPAS-Remotely Piloted Aircraft Systems, vale a dire Aeromobili a Pilotaggio Remoto) possono fornire un aiuto non da poco anche agli operatori delle rinnovabili, abbattendo i tempi delle fasi di ispezione e manutenzione degli impianti.

Si stima che un impianto fotovoltaico da mezzo megawatt di potenza possa essere ispezionato in circa 7 minuti di volo e, se si dispone degli strumenti appropriati di analisi dati, in circa un’ora si ottiene un rapporto completo ...

Questo contenuto è riservato agli Abbonati a QualEnergia.it PRO
Seleziona una delle due seguenti opzioni:
Già abbonato a QualEnergia.it PRO?
Accedi subito a questo contenuto.
NON sei abbonato?
Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati.
QualEnergia PRO