Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Fotovoltaico con accumulo: conviene già ora?

Quanto costa e quanto fa risparmiare installare un piccolo impianto fotovoltaico dotato di un sistema di accumulo a batterie che consenta di massimizzare l'autoconsumo? Abbiamo provato a capirlo con alcune simulazioni economiche basate sui prezzi attuali. Scoprendo che, grazie alle detrazioni fiscali, il bilancio è già attraente.

L'interesse per i sistemi d'accumulo da abbinare al fotovoltaico domestico in Italia negli ultimi tempi è altissimo. Non c'è da meravigliarsi: con prezzi dell'elettricità dalla rete tra i più alti in Europa e con la fine della tariffa feed-in del Conto Energia, nel nostro paese la parola d'ordine nel FV , ora più che mai, è massimizzare l'autoconsumo (vedi anche il nostro Speciale Tecnico su FV e autoconsumo).

Come abbiamo raccontato (QualEnergia.it, FV e sistemi di accumulo: cosa si sta facendo in Italia?), qualcuno le batterie abbinate all'impianto ha già iniziato ad installarle, ma il mercato è in sostanza ancora fermo in attesa delle disposizioni normative dell’Autorità per l'Energia. Normative che stanno per arrivare: secondo alcuni rumors potrebbero essere pronte già a fine mese.

E' dunque il momento di capire se, con i prezzi attuali, sia già conveniente installare un piccolo sistema di accumulo abbinato al fotovoltaico. Abbiamo costruito dei business plan ipotetici, scoprendo che grazie alla detrazione fiscale del 50% già ora installare un piccolo impianto FV con accumulo sembra un buon affare. Si parla di tempi di rientro dell'investimento di circa 9-10 anni e un tasso interno dell' 8-10%.

Ma andiamo a vedere da vicino le simulazioni economiche, per le quali ci siamo avvalsi della preziosa consulenza dell'ingegner Rolando Roberto e dei suoi colleghi di ATER, l'associazione dei tecnici delle rinnovabili. I casi che abbiamo ipotizzato sono due: il primo (riassunto qui) si riferisce a una casa abitata da 3 persone con consumi annui tali da poter ipotizzare un impianto FV da 3 kWp e una capacità di accumulo di 5,5 kWh effettivi; la seconda ipotesi (vedi qui) è stata fatta raddoppiando i consumi, installando così un generatore FV da 6 kWp con accumulo da 11 kWh effettivi. In entrambi i casi per la produttività del FV abbiamo ipotizzato che gli impianti si trovino in Centro Italia.

Di che tecnologia di storage stiamo parlando? “In attesa che scendano i prezzi delle batterie al litio, il mercato si sta muovendo utilizzando prodotti al piombo-acido. Il miglior compromesso in questo momento sembrano le batterie al gel per applicazioni solari long life; abbiamo utilizzato un sistema equipaggiato con questa soluzione”, spiega l'ingegner Roberto.

Il costo? Per l'impianto FV da 3kWp con batteria da 5,5 kWh abbiamo stimato un prezzo, chiavi in mano e Iva compresa, di 14.200 euro, per l'impianto da 6 kWp con accumulo da 11 kWh si sale a 25mila euro. Un costo iniziale cui abbiamo aggiunto le spese di manutenzione: nella nostra analisi abbiamo previsto, nei 20 anni, due sostituzioni dei pacchi batterie e una sostituzione dell'inverter, ipotizzando per la seconda sostituzione una riduzione dei prezzi di almeno il 30%.

Gli accumuli delle nostre simulazioni sono dimensionati in modo da innalzare l'autoconsumo dal 35 a circa il 90%, abbiamo ipotizzato che gli impianti abbiano la possibilità di effettuare lo scambio sul posto e che il costo dell'elettricità dalla rete aumenti del 4% l'anno (incremento medio degli ultimi anni). Il dimensionamento è stato pensato analizzando il profilo dei consumi nei vari mesi dell’anno e dalle fasce orarie in cui l’utente spende di più. Per esigenze di semplificazione abbiamo considerato un giorno tipo senza tenere conto delle variazioni infrasettimanali o dovute alle festività.

“Ricordiamo sempre - commenta l'ingegner Rolando Roberto - che l’utente al quale converrà maggiormente installare un impianto del genere sarà quello che concentra i consumi prevalentemente nelle fasce serali. Tenete poi in considerazione anche futuri acquisti come motocicli o auto elettriche: difficilmente li potrete ricaricare durante il giorno sotto la pensilina di casa vostra”.

E veniamo ai risultati (che trovate sintetizzati con tutti i dettagli nei pdf in allegato in basso). Come detto, anche con i prezzi attuali delle batterie, decisamente alti e per i quali si prevede un drastico calo nei prossimi anni, il bilancio economico sembra accettabile, a patto di poter accedere alle detrazioni fiscali del 50% (che dal 2015 scenderanno al 40% e dal 2016 al 36%).

Nella nostra ipotesi l’impianto domestico da 3 kW con accumulo si ripaga in 10 anni e, nell'arco dei 20 anni, si ha un risparmio, al netto delle spese, di oltre 14.600 euro, con un ritorno dell'investimento annuo del 5,2%, un IRR dell'8% e un VAN al tasso del 2% che arriva a 19.800 euro.

Ancora più conveniente il caso del 6 kW in cui, a fronte di valori di IRR del 10% e ROI del 6,3%, abbiamo un rientro in circa 9 anni, un risparmio netto di oltre 31.500 euro e un VAN di 38.600 euro.

Numeri abbastanza buoni, dunque: siamo alla vigilia di un boom? Il potenziale c'è, ma i tempi sono forse ancora poco maturi. “La convenienza economica dei sistemi di accumulo non è ancora tale da superare quella degli impianti fotovoltaici tradizionali. Per il momento si tratta di un mercato di nicchia, ma che presenta interessanti potenzialità”, commenta dopo aver esaminato le nostre simulazioni l'ingegner Francesco Groppi, docente di impianti tecnici presso il Politecnico di Milano.

“I prezzi sono in evoluzione, le tecnologie anche”, commenta Roberto. Al momento sono due gli aspetti che frenano lo sviluppo del settore: la mancanza di un adeguato regime incentivante, dati i costi ancora elevati, e la carenza di una normativa snella: vedremo se nella versione finale della normativa AEEG ci saranno delle semplificazioni rispetto ai testi presentati nelle consultazioni (vedi qui, ndr)".

(Nota: business plan aggiornati il 5 marzo per correggere un piccolo errore, ci scusiamo per l'inconveniente)

 

facebook

Commenti

michele

Senza incentivi le rinnovabili non stanno in piedi ed a mio parere ancora meno con sistemi di accumulo come batterie al piombo, inquinanti ed a basso rendimento. Inoltre vanno smaltite e questo grava ancor più sul ciclo produttivo del sistema. A conti fatti ottengo un sistema che ha un rendimento del 5 - 6 % sr va' bene ad ogni kwh di irraggiamento ottenuto.

Robertok06

Robertok06 = un disco rotto ,ormai sono anni che ripeti sempre le stesse cose,le ho imparate a memoria.....peccato che son tutte caxxate!....
la realtà ti smentisce ogni volta
ahahahahahha

o che pizza che

si, testa di troll, nella cina del carbone....lo studio serio solo tuo.... io ti ho fatto un'altra domanda, e cioè i gwh di prodoti dal fv ed eolico, quante vite hanno risparmiato in italia?
cosa vuoi che ti dica...che anno dopo anno le rinnovabili producono meno? ok, se ci tieni....continua a vivere nel tuo piccolo mondo di plutonio, mentre il mondo cambia.

@ Enric - 05/03/2014 -

@ Enric - 05/03/2014 - 11:19

Esatto!... NON SI DEVE mettere fonti intermittenti e NON intermittenti assieme, e' illogico.

Siamo d'accordo troll, peccato che io ti ho chiesto i gwh di fv ed eolico quante vite hanno risparmiato, e tu mi hai risposto "l'idroelettrico in cina ha causato dei morti".

Inizia ad accordarti con te stesso
--------------
Neanche per idea!... ti ho detto quanti morti puoi associare, sulla base di STUDI SERI, ad ogni GWp di FV fabbricato in Cina, gia' prima di aver installato i moduli/pannelli sul tetto di casa... quanto all'idroelettrico in Cina e altrove (il Vajont si trova in Italia, cicciooo!) ho riportato il dato perche' sono SETTIMANE che continui a nasconderti dietro alle "rinnovabili" includendo l'idroelettrico... quindi la mia risposta e' CONSONA alla tua (il)logica, ciccioooo!

L'idro e' "rinnovabile" come eolico e FV o no? Si o no?
Devi deciderti, lo capisci questo? Non puoi flip-floppare a 1 THz cambiando opinione quando e come ti fa comodo, lo capisci questo?

Riprova.

R.

@ Enric - 05/03/2014 -

@ Enric - 05/03/2014 - 11:24

e sul portogallo: 70% per tre mesi è poco? mesi freddi e con poca luce peraltro.
-------------
Poca luce?... non e' che stai scambiando il Portogallo con la Finlandia?... ahahaah... "poca luce"!... intendi perche' sono 3 mesi invernali?... o forse perche' di FV per loro fortuna i portoghesi non ne hanno praticamente installato?... basta dare un'occhiata AI DATI che ho linkato... MENO DELL'1% DI produzione da FV, cicciooooo!!!... anche se avessero avuto il sole a picco 24h/giorno non sarebbe cambiato nulla, ciccioooo!!
Riprova.

--------------
e medie del 50% ad esempio spagna lo trovo un successo.
--------------
Certo che lo e' un successo, ma e' dovuto in larga parte ad una eccezionale piovosita', che non si ripetera' ogni anno, basta guardare i dati passati... l'idro fluttua naturalmente da un anno all'altro, la Spagna non e' il Brasile, non si trova ai tropici!

--------------
Soprattutto quando nemmeno 10 anni fa si parlava di percentuali da prefisso telefonico.
--------------
Ma neanche per idea! Da prefisso telefonico erano le rinnovabili INTERMITTENTI, le rinnovabili incluso l'idro come piace a te erano ben di piu', le dighe e le centrali idro esistono da piu' di un secolo, ciccioooo!!!
Riprova.

--------------
Diventi buffo, quando lo specchio è verticale e continui a salire, sgrat sgrat....sei sempre + estremista, segno che hai sempre meno argomenti.
--------------
Non sapevo che BASARE LA PROPRIA OPINIONE SUI DATI come faccio io fosse equiparabile a estremismo, mentre basare la propria opinione su teorie farlocche e invenzioni come fai tu fosse la cosa da fare.
Riprova.

---------------
Più insulti, più dimostri di non avere nulla da dire.
---------------
Intendi non ho nulla da dire oltre alle DECINE di links a documenti e studi SERI?
Riprova.

---------------
Dammi un anno, ti prometto che installerò anche l'accumulo se me lo consentono, appena mi riprendo da questo giro di permessi....attacco gli accumuli, dato che oramai fv di notte non è più impossibile.....sfruttiamolo fino in fondo.
---------------
Eh!... purtroppo non sei l'ombelico del mondo, solo in Italia ci sono altre 22 e piu' milioni di famiglie la stragrande maggioranza delle quali NON hanno il tuo potere d'acquisto... quindi anche se lo farai (che non ci credo) dal punto di vista energetico del paese non cambiera' assolutamente nulla.
Riprova.

---------------
Vado a fare una doccia, l'acqua dei miei pannellini è bella caldina, 50 gradi e 0 uso di gas, alla facciazza tua
---------------
Vedi sopra... non sei l'ombelico del mondo, sei uno dei POCHI FORTUNATI che possono permettersi di farlo... renditene conto.
Ad ogni modo, anch'io faccio docce con acqua scaldata grazie ad una tecnologia che non emette gas a effetto serra, particolato, metalli pesanti, ossidi vari, etc... e che e' disponibile a TUTTI i francesi che possano pagare 11 cEuro/kWh... cioe' UNA FRAZIONE di quanto costerebbe loro se si dotassero di tutti i gadgets (inutili quasi tutti) di cui ti sei dotato tu.... nota che tutto questo non e' una mia opinione, si basa su DATI e NUMERI noti.

R.

P.S.: quanto "alla facciazza mia", io ho la fortuna di non condividere fisicamente il paese di residenza con minus habens come "enrico", la realta' e' che tutti i tuoi gadgets li hai solo perche' "alla facciazza degli altri italiani d'Italia" ti intaschi delle laute somme sotto forma di "incentivi", estorti a forza dalle loro bollette elettriche.
Riprova... magari dopo esserti vergognato di aver sputato nel piatto dove mangi.

Ma conviene?

Buongiorno, una domanda al sig. Meneghello
leggendo l'articolo e i business plan ci sono cose che non comprendo: Caso impianto FV 6kWp e accumulo da 11kWh (stessa cosa con altri numeri per i 3kWp).
Viene ipotizzata una Energia accumulabile effettiva pari alla potenza nominale di accumulo per 365gg, energia fornita dall'impianto FV e non immessa in rete, la stessa Energia è quella prelevabile dalle batterie. Che a me risulti non tutta l'energia immessa nelle batterie è quella poi prelevabile, c'è una sorta di rendimento di accumulo variabile con il tipo di accumulatore usato, nel caso specifico dovremmo essere intorno al 75% per batterie al Pb.
Quindi dovrebbe essere: Carico con 4015kWh/anno, per averne al massimo disponibile i 3011kWh/anno.
Altro elemento che non mi è chiaro, il confronto netto con un impianto FV senza accumulo connesso in rete e con contratto di Scambio sul Posto. Ovvero ipotizzando sempre i 4015kWh annui non scambiati con la rete dovrei considerare il mancato rimborso per l'energia scambiata. Ipotizzando che per effetto dell'accumulo NON IMMETTO 4015kWh/annui e non ne prelevo al massimo 3011kWh/anno, ovvero per effetto dello scambio sul posto PERDO circa 4015x0,18 (energia non immessa) e GUADAGNO 3011x0,28 (costo medio alto) per energia non prelevata, con un guadagno reale di appena circa 120€.
Credo che l'impianto di accumulo sia poco fruttifero.

e sul portogallo: 70% per tre

e sul portogallo: 70% per tre mesi è poco? mesi freddi e con poca luce peraltro.
e medie del 50% ad esempio spagna lo trovo un successo. Soprattutto quando nemmeno 10 anni fa si parlava di percentuali da prefisso telefonico. Diventi buffo, quando lo specchio è verticale e continui a salire, sgrat sgrat....sei sempre + estremista, segno che hai sempre meno argomenti. Più insulti, più dimostri di non avere nulla da dire.
Dammi un anno, ti prometto che installerò anche l'accumulo se me lo consentono, appena mi riprendo da questo giro di permessi....attacco gli accumuli, dato che oramai fv di notte non è più impossibile.....sfruttiamolo fino in fondo. Vado a fare una doccia, l'acqua dei miei pannellini è bella caldina, 50 gradi e 0 uso di gas, alla facciazza tua

Esatto!... NON SI DEVE

Esatto!... NON SI DEVE mettere fonti intermittenti e NON intermittenti assieme, e' illogico.

Siamo d'accordo troll, peccato che io ti ho chiesto i gwh di fv ed eolico quante vite hanno risparmiato, e tu mi hai risposto "l'idroelettrico in cina ha causato dei morti".

Inizia ad accordarti con te stesso

@enrico "Non vuoi mettere

@enrico

"Non vuoi mettere insieme nel fv + eolico+ idro quando si parla di crescita di produzione."

Esatto!... NON SI DEVE mettere fonti intermittenti e NON intermittenti assieme, e' illogico, e serve solo a nascondere alle menti deboli come la tua le lacune delle intermittenti... basta guardare i grafici di produzione giornaliera dalle diverse fonti... col FV il mondo intero si ferma dal tramonto all'alba, con l'eolico si ferma o riparte a velocita' folle quando vuole Eolo, in maniera imprevedibile... ti farei vivere un anno d'inferno cosi', e poi vedresti come cambieresti idea.... ma e' comodo e facile invece incassare "incentivi" scandalosi coi 4 pannellini che hai sul tetto mentre continui a sfruttare il backup delle altre fonti, no?... hai il cappottino, hai i pannelli termici, staccati da 'sta cacchio di rete e mostra al mondo come si fa!.... cosa aspetti?

"Talk the talk, and walk the walk", come dicevano dalle mie parti.

R.

@Enrico - 04/03/2014 -

@Enrico - 04/03/2014 - 23:16
gnurant, mi citi dati del portogallo del 2012, con tanto di link.
Sai che sono passati due anni?
Prima di inviare link obsoleti.....superscienziato della mia cippa, svegliati, è il 2014.
ha, ancora parli del solo fv in questo caso...per parlare di tutte le rinnovabili....mah.

http://www.rinnovabili.it/energia/efficienza-energetica/portogallo-ren-e...
----------------
Gnurant io?... ahahaahah... riporta qui cosa c'e' scritto nella linea sopra la titolo "Portogallo: il 70% della produzione elettrica è green".

Dimmi che ci fai... perche' se ci sei a questo punto veramente devi farti vedere da uno bravo.

"I dati rilasciati dalla REN sui primi 3 mesi del 2013"

... cosa significa nella lingua italiana SUI PRIMI 3MESI DEL 2013?

Pascolare, pascolare!

R.

roberto....lo specchio si è rotto

gnurant, mi citi dati del portogallo del 2012, con tanto di link.
Sai che sono passati due anni?
Prima di inviare link obsoleti.....superscienziato della mia cippa, svegliati, è il 2014.
ha, ancora parli del solo fv in questo caso...per parlare di tutte le rinnovabili....mah.

http://www.rinnovabili.it/energia/efficienza-energetica/portogallo-ren-e...

la tua logica è ridicola. Non

la tua logica è ridicola.
Non vuoi mettere insieme nel fv + eolico+ idro quando si parla di crescita di produzione.

Poi per parlare di morti....usi l'idro per parlare dei morti del fv.

Sei completamente fuori ragazzo.
Oramai deliri talmente tanto che è impossibile seguirti! Tra l'altro, se non sbaglio...la Cina è il paese con + forte crescita di nuke, e continui a dire cina cough cough....quindi ammetti che il nucleare non risolve il problema. Nucleare??cough cough.

"Sarà per quello che in

"Sarà per quello che in portogallo sono arrivati al 75% di rinnovabili"

Giusto per precisare e non correre il rischio che qualche lettore disattento credesse alle BUFALE COLOSSALI del nostro giovane tuttologo enri...

... ma la produzione elettrica in Portogallo nel 2012 era questa...

http://www.energies-renouvelables.org/observ-er/html/inventaire/pdf/15e-...

... 55,8% da centrali a combustibili FOSSILI... fosse per il FV con MENO dell'1% i portoghesi resterebbero senza corrente!

Ripijate, amico mio... che dei TUOI DELIRI non se ne puo' piu'!... ahahaahah... 75% da rinnovabili!... ma cosa fumi?... ma chi te la vende sta roba di prima scelta?... e io sarei quello che insulta?... e tu che scrivi ste 4 ca.cate una peggio dell'altra cosa faresti?... delizieresti la sete di sapere dei lettori?

Tu confondi, in quanto anello debole della catena, una fluttuazione temporanea della produzione elettrica dovuta a particolari condizioni meteorologiche con la media annuale su parecchi anni, che e' quello di cui ha bisogno un paese moderno NON medioevale... produzione elettrica affidabile e prevedibile.

Vai, pascola.

R.

@enric, salvatore di vite...

@enric, salvatore di vite...

"Mr impossibile, tu in sostanza sostieni "o 100% rinnovabili o niente rinnovabili", solo che già avere un 50% rinnovabili salva un bel po di vite umane, oltre ad avere un sacco di benefici, ambientali, politici, economici, sociali ecc ecc."

Oppps!... pare che non ti abbiano chiesto approvazione prima di pubblicare questo!... le "rinnovabili" che salvano vite:

http://en.wikipedia.org/wiki/Dam_failure

"According to Benjamin K. Sovacool, while responsible for less than 1 percent of the total number of energy accidents, hydroelectric facilities claimed 94 percent of reported immediate fatalities. Results on immediate fatalities are dominated by one accident in which the Shimantan Dam (Henan Province, China) failed in 1975 and 171,000 people perished.[1]"

Un piccolo reminder, per te che sei giovane e all'epoca non eri ancora nato:

http://en.wikipedia.org/wiki/File:VajontDiga.jpg

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Disastro_Vajont.jpg

Sei im-pa-ga-bi-le!... ti prego, continua!

R.

@enric...che lui col

@enric...che lui col cappottino sui muri ci salva le vite!... ahahaha...

"Bah, intanto grazie agli investimenti miei e di migliaia di altri italiani, molte aziende hanno lavorato, e molti lavoratori hanno avuto uno stipendio."

Glazie mille, onolevole enlico!... noi dipendenti cinesi di fablica di moduli FV linglaziale te, cough!... cough!... no impolta se nostle fabliche funzionano con collente eletlica plodota da calbone!... cough! cough!...

"Come se i problemi dell'italia dipendessero solo dalle rinnovabili, non ti rendi conto di quanto patetico è il tuo ragionamento???"
E quando mai avrei detto una stupidaggine del genere? Sei veramente TARDO!... io sto dicendo che con un'italia alla canna del gas, ci sono pochi fortunati che possono installare i gadgets sulle loro case come te!... tutto li!... toh,leggiti questo...

http://www.repubblica.it/economia/2014/01/27/news/bankitalia_povert_fami...

"Dallo stesso studio emerge che metà delle famiglie italiane vive con meno di 2.000 euro al mese: "

Capitoo?????

"La pensi allo stesso modo di Scaroni, che gestisce un'azienda che produce più del 50% della sua elettricità da carbone...sarà perchè piace anche a te?? Sempre più stretta sarà la tua via, aspettando flamanritardoville e votfallimentotecnicogle."
Eh!... meglio tardi che mai,come queste!... ahahaahah...

http://www.greentechmedia.com/articles/read/Rest-in-Peace-The-List-of-De...

R.I.P. !

"Si sente il rumore delle unghie sullo specchio insaponato su cui stai arrampicandoti."
Se scivolo ti cado in testa... ahahahaha...

"Solo una domanda: i GWh/anno prodotti dalle rinnovabili, quante vite hanno risparmiato in Italia?"
Le vite risparmiate in Italia (dove la corrente elettrica prodotta dal FV sarebbe stata prodotta, in assenza di esso, al 60% con centrali termoelettriche a gas naturale)sono state AMPIAMENTE equilibrate dai morti in Cina, non preoccuparti!... te l'ho gia' detto piu' volte... ogni GWp prodotto in Cina ha un energy payback time di 2-3 anni, quindi necessita di 1-1.5 TWh di energia elettrica prodotta bruciando carbone cinese, che produce fra 30 e 50 morti DIRETTE in Cina...

"quanto vale per te una vita?"

Guarda, la penso come lui...

http://pubs.acs.org/doi/abs/10.1021/es3051197?source=cen

"Using historical production data, we calculate that global nuclear power has prevented an average of 1.84 million air pollution-related deaths and 64 gigatonnes of CO2-equivalent (GtCO2-eq) greenhouse gas (GHG) emissions that would have resulted from fossil fuel burning. On the basis of global projection data that take into account the effects of the Fukushima accident, we find that nuclear power could additionally prevent an average of 420 000–7.04 million deaths and 80–240 GtCO2-eq emissions due to fossil fuels by midcentury, depending on which fuel it replaces."

... che si conclude cosi':

"By contrast, we assess that large-scale expansion of unconstrained natural gas use would not mitigate the climate problem and would cause far more deaths than expansion of nuclear power."

Domanda al giovane genio tuttologo: con cosa si bilancia la produzione delle rinnovabili intermittenti che ti fanno bagnare le mutandine dall'eccitazione al solo pensarci? :-)

Ciao bello.

R.

@IMPOSSIBILE!!!!

TROLL:
fisicamente IMPOSSIBILE sostituire le centrali termoelettriche con un mix di rinnovabili dove le intermittenti abbiano un peso preponderante?
----------------------
Sarà per quello che in portogallo sono arrivati al 75% di rinnovabili, in spagna al 50&, in italia ad 1/3 ed in danimarca vogliono raggiungere il 100% nel 2020.

Mr impossibile, tu in sostanza sostieni "o 100% rinnovabili o niente rinnovabili", solo che già avere un 50% rinnovabili salva un bel po di vite umane, oltre ad avere un sacco di benefici, ambientali, politici, economici, sociali ecc ecc.

sarà per come dici tu che le

sarà per come dici tu che le rinnovabili avanzano e le convenzionali arretrano, buffonix!!
Bah, intanto grazie agli investimenti miei e di migliaia di altri italiani, molte aziende hanno lavorato, e molti lavoratori hanno avuto uno stipendio.
Come se i problemi dell'italia dipendessero solo dalle rinnovabili, non ti rendi conto di quanto patetico è il tuo ragionamento??? La pensi allo stesso modo di Scaroni, che gestisce un'azienda che produce più del 50% della sua elettricità da carbone...sarà perchè piace anche a te?? Sempre più stretta sarà la tua via, aspettando flamanritardoville e votfallimentotecnicogle.

Si sente il rumore delle unghie sullo specchio insaponato su cui stai arrampicandoti.
Solo una domanda: i GWh/anno prodotti dalle rinnovabili, quante vite hanno risparmiato in Italia? quanto vale per te una vita?

Della serie "realta' virtuale sui vostri schermi"...

... REALTA' VIRTUALE...

"Continua così, leggendo le tue argomentazioni mi ero convinto nel mettere i pannelli fotovoltaici, prima che iniziassi a risponderti ogni tanto, e ora che ho anche pannelli termici, cappotto e tripli vetri (installati da aziende locali...) me la godo come un riccio mentre ti agiti per nulla."

... e SITUAZIONE REALE... il piccolo genio sotutto si installa tutti i gadgets esistenti, gli altri tirano la cinghia... cherchez l'erreur, come dicono da 'ste parti...

http://economia.leonardo.it/poverta-italia-2014-un-italiano-su-sei-vive-...

"Povertà Italia 2014: un italiano su sei vive con meno di 640 euro al mese"
"... La cosa peggiore è che ormai ci abbiamo fatto quasi l’abitudine: l’indagine biennale di Bankitalia sui bilanci delle famiglie italiane mette in evidenza che, tra il 2010 e il 2012, il reddito familiare medio è diminuito del 7,3% (-6,9% anche per la ricchezza media). Cresce invece la povertà passata dal 14 al 16% tra il 2010 ed il 2012.

Per la Banca d’Italia la soglia di povertà è fissata ad un reddito di 7.678 euro netti l’anno – ovvero circa 640 euro al mese, che sale a 15.300 euro per una famiglia di tre persone. Secondo i calcoli della nostra banca centrale vivono sotto questa soglia un italiano su sei…"

Quanti cappottini sui muri, pannellini sul tetto, etc.. ci puo' installare una famiglia di tre persone con 15300 Euro/anno... 1275 Euro/mese?
Dai, spara, fammi cadere le braccia per l'N-esima volta...

R.

@enric "nel gennaio 2011

@enric

"nel gennaio 2011 (non un secolo fa) eolico + fv erano a 621 GWh, nel gennaio 2014 eolico + fv sono a 2496 GWh."

Eh!... appunto!... nel gennaio 2014... e 6,7 MILIARDI DI EURO/anno per 20 anni dopo ("piccolo" dettaglio, no?)... nonostante la crisi economica e industriale che attanaglia l'Italia (gli operai della Electrolux di Porcia di Pordenone non sembrano essere al corrente, come dice il genio "consoler", del fatto che nel nord Italia si viva come in Germania, stessa ricchezza... spiegaglielo tu che sei economista tuttologo affermato)... il termoelettrico e l'elettronucleare importato sommati assieme hanno fatto quasi VENTI TWh ciccioooooo!!!!... cioe' OTTO volte quanto prodotto assieme dalle farlocche rinnovabili intermittenti, ciccioooo!!!

Carta canta, e come canta!... canta benissimo!... basta saperla ascoltare e non fare come la terza scimmietta, quella che si tappa le orecchie... sulla sinistra nella foto...

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Hear_speak_see_no_evil_Toshogu.jpg

Riprovaahahahaah...

R.

@enric alias Enry alias enri

@enric alias Enry alias enri alias nogherivo...

"Vuoi parlare di dati? escludiamo dal discorso il geotermico, e notiamo che le rinnovabili nel gennaio 2014 hanno prodotto 1158 GWh in più dell'anno scorso (vedi il link terna da te citato) nel gennaio 2011 (non un secolo fa) eolico + fv erano a 621 GWh, nel gennaio 2014 eolico + fv sono a 2496 GWh."

Giovane, inesperto e tardo amico mio... tu potrai continuare con la tua tecnica farlocca di discussione, nascondendoti dietro al termine generico ed impreciso "rinnovabili"... nel gennaio 2014 le rinnovabili INTERMITTENTI eolico e FV hanno generato MENO di quanto hanno generato nel gennaio 2013...nonostante un paio di GW in piu' installati!...
... e' solo grazie all'idroelettrico NON INTERMITTENTE che c'e' stato un aumento... ma questo non e' scalabile a piacere, ha dei limiti di miglioramento ben noti e documentati... circa 3 GW da idro in acqua corrente sfruttando il 100% del potenziale non ancora utilizzato (vado a memoria)... idem per l'idro da pompaggio.... documento Eurelectric gia' citato e discusso qui, non perdo tempo a ridiscuterlo con il minus habens cronico di turno!...

... questi DATI INOPPUGNABILI, rapporto mensile di Terna, costituisconola "prova provata" della farloccaggine e inadeguatezza di queste due inutili tecnologie!... se non riesci a capirlo non so cosa farci, te l'ho ripetuto con dovizia di esempi concreti basati su DATI anche per altri paesi, Germania, Spagna, UK, Danimarca, Francia... ripeto... se non ci arrivi posso solo consigliarti di metterti nei primi posti della fila, e non in fondo, la prossima volta che distribuiranno neuroni... ahahaahah...

Riprova, se ci riesci.

R.

robertroll...ancora????

Roberto, nel tuo ridicolo sbraitare solitario, dimentichi che proprio i dati parlano di un progressivo aumento della energia da fonti rinnovabili nel mondo.

Gli stessi dati (vedi corte dei conti francese) parlano di un progressivo aumento dei costi dell'energia convenzionale.

La IEA prevede una produzione da rinnovabili doppia rispetto al nucleare nel 2016, tanto per dirne una.

Quindi, negare questo cambiamento in modo così violento ti espone al pubblico ludibrio, come vedi sempre più persone si stufano e ti rispondono, e altre migliaia pensano "a mo sto qua....che rompip...."

Vuoi parlare di dati? escludiamo dal discorso il geotermico, e notiamo che le rinnovabili nel gennaio 2014 hanno prodotto 1158 GWh in più dell'anno scorso (vedi il link terna da te citato) nel gennaio 2011 (non un secolo fa) eolico + fv erano a 621 GWh, nel gennaio 2014 eolico + fv sono a 2496 GWh.

Inoltre ignori l'aspetto economico delle detrazioni...puoi trovare mille studi, anche enea, che dimostrano la convenienza per lo stato a prevedere simili meccanismi (uno su tutti emersione lavoro nero).

Al di la di tutto, forse ti senti importante a darti quel tono, ma fidati, non ne esci bene, diventi un tantinello patetico alla lunga.

Comunque è chiaro, a te non interessa ragionare, ti basta sentirti grande nell'insultare, capita che persone frustrate si sfoghino nel web....

per fortuna sono convinto che non hai ragione, così come credo che il tuo modo di fare sia un'ottimo boomerang per le fonti tradizionali di cui difendi gli interessi con i tuoi commenti.

Continua così, leggendo le tue argomentazioni mi ero convinto nel mettere i pannelli fotovoltaici, prima che iniziassi a risponderti ogni tanto, e ora che ho anche pannelli termici, cappotto e tripli vetri (installati da aziende locali...) me la godo come un riccio mentre ti agiti per nulla.
Buona continuazione.

" L'italia ti ricordo che è

" L'italia ti ricordo che è divisa in due tra un sud con ricchezza ai livelli rumeni e un nord a livelli tedeschi. Qui al nord impianto da 30 mila euro per una coppia con figli e una villetta qualunque è un ottimo investimento alternativo con rendimenti dell'8-10%. "

Forse il giardino della tua villa è troppo esteso per vedere cosa accade all'esterno, ma la stragrande maggioranza della popolazione non ha una "villetta qualunque". E la maggiore preoccupazione non è certo scegliere i migliori investimenti per decine di migliaia di euro di risparmio.

Nonostante tutto ciò, in questo momento è il 95% più povero della popolazione a pagare gli incentivi dei pannelli per il 5% che ha una viletta e può installarli.

@giacomo Intervistare

@giacomo

Intervistare Lovelock?... non ho bisogno di farlo io,basta cercare un'intervista recente, anche post-Fukushima...

http://www.newstatesman.com/culture/culture/2013/03/james-lovelock-man-a...

... dove si vede che non solo l'ideatore del concetto di Gaia e' pro-nucleare (fervente, come James Hansen e tanti altri), ma e' anche pro-gas da fracking!...

Ahahaahaahah... non riesci a scriverne una giusta!.... vai di zappa sui tuoi piedi di continuo... prima parli di Lovelock come se fosse morto e sepolto da 30 anni, poi chiedi un'intervista recente quando se ne trovano parecchie in 2 secondi su google!... ma hai finito la scuola elementare o no?

Lo sa mamma che sei davanti alcomputer?

Ahahahaah...siete dei veri fenomeni voi "ambientalisti"!... chi vi batte?

R.

@KKKonsoler "Un po come

@KKKonsoler

"Un po come come i "tecnici" GSe arrivati "col blocchetto delle multe in mano" e andati via con la cosa tra le gamche sussurrrando "è impossibile"...
Eri uno di loro? Ah ah"

Amico mio... che ci possano essere fessi piu' fessi dei fessi non e' una novita'... ma I DATI parlano chiaro... il FV italiano produce con una efficienza media inferiore al 15%... ogni GWp intermittente e stagionale produce come 150 MWe scarsi continui... ovviamente gli altri possessori dei 19 GWp meno il tuo impianto sono tutti fessi e non sanno che basta costruire un villino in cima allo Stelvio, come hai fatto tu, per produrre trilioni di kWh...

... ahahah... e magari ti prendi anche sul serio!... ahahaahah...

Toh, fatti una flebo ricostituente di realta':
http://www.gse.it/it/Dati%20e%20Bilanci/GSE_Documenti/osservatorio%20sta...

... pag.7... mappe irraggiamento medio su 2 anni completi... 2011 e 2012... sai leggere una scala di colori?... riesci ad identificare la posizione della Lombardia sulla carta geografica del tuo paese?... si o no?...
... pag.24... frazione della potenza di picco installata vs categoria di soggetto responsabile... persone fisiche 10% scarso...
... pag.36... curva delle ore di utilizzazione equivalenti... media nazionale di 1107 ore, cioe' 12,6% di efficenza media... amico mio!...

DATI non opinioni! Ciao ciccio!

R.

meglio

sgrammaticato che spargi fesserie come te. Lo so che non è morto ma la sua teoria pro nucleare è un pò datata, oggi sarebbe connesso con il cambiamento verso le rinnovabili, vai ad intervistarlo un attimo , ti dò la delega :). Aggiornati.

@KKKonsoler "Io

@KKKonsoler

"Io l'esperienza che porto è la mia diretta, non propaganda. E tu? "

Io?
http://www.terna.it/default/Home/SISTEMA_ELETTRICO/dispacciamento/dati_e...

... e un saluto alla soleggiatissima provincia di Bergamo!... ahahaah... che pistola che sei!

http://re.jrc.ec.europa.eu/pvgis/apps4/pvest.php?lang=en&map=europe#

... coordinate 45.722N, 9.690W ... mappa "solar radiation, optimal angle"... colore verdognolo, bassa produzione, come del resto TUTTA la pianura padana, dove risiede una larga fetta della popolazione italiana... quelli col villino in montagna coi pannellini sopra come te non li caca nessuno, energeticamente parlando!... conti ZERO... lo vuoi capire questo?... c'e' un paese intero da mandare avanti 24 ore su 24, il secondo paese in europa in fatto di industria manifatturiera... le fabbriche le mandi avanti col FV?... ahahaahah...

Vai, pascola.

R.

@KKKonsoler "IL punto è che

@KKKonsoler

"IL punto è che non lo farebbero solo le famiglie ma anche enti pubblici, scuole, caserme, università e AZIENDE."

Ahahaahahaha!.... ahahaha... che stupidaggine colossale!... prendi il rapporto mensile di Terna di gennaio (quello di febbraio uscira a giorni e confermera' quanto ho scritto qui sotto)

http://www.terna.it/default/Home/SISTEMA_ELETTRICO/dispacciamento/dati_e...

... fai la somma della produzione elettrica di FV e eolico negli ultimi 4 mesi, da ottobre a gennaio, poi somma la produzione del termoelettrico in crisi profonda... dividi il secondo per il primo... ci siamo, riesci a farlo?... ti anticipo il risultato, e' un numero maggiore di 6, vado a memoria, diciamo 6,5.

Questo vuol dire che se uno volesse sostituire la produzione di termoelettrico delle perfide lobbies dei fossili (e....brrr!... lascio fuori il terribile nucleare francese/svizzero/sloveno importato, senno' andiamo in tilt con i conti....) bisognerebbe installare altri 100 GWp di inutile farlocchissimo FV e 45 GW di ventoline/turbinette che nessuno vuole vicino a casa, nelle zone turistiche, nei parchi, lungo le coste, o vicino alle citta'... il tutto, sommando pannellini e ventoline installate adesso (quasi 20 GWp di FV e 8 di eolico) farebbe 120 GWp e 53 GW di eolico... che a momenti potrebbero produrre ben piu' di 100 GW di potenza elettrica reale, a fronte di consumi di poco piu' di 50 quando fa veramente caldo... cioe' bisognerebbe poter stoccare almeno 2-4 ore di sovraproduzione di 50 GW e piu', cioe' 100-200 GWh... cosa che e' IMPOSSIBILE fisicamente da fare, lo vuoi capire questo o no?... per stoccare meno di 10 GWh a Campolattaro hanno dovuto costruire una diga e trivellare 12 km di tunnel per 5 anni, spendendo 600 milioni di Euro... inoltre nella sequenza di pompaggio/produzione ci si perde quasi il 30%... ovviamente offri tu di coprire questi costi?

... l'idro da pompaggio italiano, in maggioranza installato sulle Alpi, al nord, ha prodotto negli anni in cui andava bene 8 TWh, nel 2013 ha prodotto 2,4 TWh, cioe' una media di 6,6 GWh/giorno... dove diavolo la metteresti l'acqua per produrre 30 volte tanto?... nella piscina di casa tua?

Adesso prendi il rapporto di agosto 2013, alta produzione FV e basso consumo (le poche industrie rimaste NEL SECONDO PAESE EUROPEO per industria manufatturiera, finche' dura...)... al picco delle ore 14 FV e eolico hanno generato circa 14 GW di potenza, moltiplica per 6,5 e arrivi a 91 GW... a fronte di una domanda di picco di 50 scarsi... questione per il tuttologo consoler... dove li metteresti i 41 GW in eccesso?...anche azzerando l'import praticamente continuo di 5 GW?...
...poi dedica la tua attenzione alle ore dalle 20 alle 8 di mattina, quando ventoline e pannellini anche ad agosto producono sempre MENO di 3 GW... a fronte di una domanda in quelle stesse ore da 46 GW a 31 GW... una media a occhio e croce di ~ 37 GW x 12 ore fanno quasi 450 GWh mancanti!... e ti ri-abbuono l'import!
Te lo vuoi mettere nella zucca che e' una mission impossible?... che e' fisicamente IMPOSSIBILE sostituire le centrali termoelettriche con un mix di rinnovabili dove le intermittenti abbiano un peso preponderante?

Vai, pascola, impara a fare le 4 operazioni e poi ripassa.

R.

@KKKonsoler "L'italia ti

@KKKonsoler

"L'italia ti ricordo che è divisa in due tra un sud con ricchezza ai livelli rumeni e un nord a livelli tedeschi. "

Uh!... come no? Sono appena tornato da un funerale in Italia... nel MI-TI-CO nordest!... ho incontrato un po' di gente, familiari e non, la maggior parte con problemi economici legati alla crisi... coppia quarantenne che ha perso il lavoro, entrambi, e non han potuto fare altro che andare a vivere con i genitori di lei... pensionati a 1000 Euro/mese... ho parlato con una cugina che lavora in un supermercato COOP... dice che sono mesi e mesi, e peggiora di continuo, il fenomeno di NON vendita neanche di cibi nelle settimane che precedono la paga o il pagamento della pensione... ho visto DECINE di bar chiudere nella mia citta' natale... roba che nel nordest NON succedeva mai...se c'era una cosa che ha sempre tirato bene sono proprio i bar...

Tu vivi di leggende metropolitane... i negri francesi immigrati che fanno 10 figli per vivere a sbafo... adesso il nord Italia che vive a livelli tedeschi!... tutti biondi e con gli occhi azzurri,immagino.

Vai pascola, che non ho tempo da perdere con i minus habens razzisti.

R.

Eh!... e se anche fosse?...

Eh!... e se anche fosse?... copriresti, se TUTTE LE FAMIGLIE ITALIANE LO FACESSERO, il 20% dei consumi elettrici.
------------------------
IL punto è che non lo farebbero solo le famiglie ma anche enti pubblici, scuole, caserme, università e AZIENDE.

----------------------------------
1) Se tu hai 30 mila Euro da buttare via in questo modo non puoi portarti ad esempio... lo ascolti mai un telegiornale?... hai idea della contrazione delle risorse finanziarie della famiglia quadratica media italiana?
----------------------------------
Il telegiornale? In Italia? Forse sei tu che non ne hai mai visto uno visto che l'unico scopo che ha è plasmare la massa.
L'italia ti ricordo che è divisa in due tra un sud con ricchezza ai livelli rumeni e un nord a livelli tedeschi. Qui al nord impianto da 30 mila euro per una coppia con figli e una villetta qualunque è un ottimo investimento alternativo con rendimenti dell'8-10%. Rendimenti SICURI, al contrario dell'azionario e con percentuali che i titoli di stato vedono col binocolo nei periodi normali. Un qualunque imprenditore o libero professionista ( al nord una bella metà di chi lavora ) non ha nessun problema e investe regolarmente tra i 100 e i 200mila euro in attività finanziarie. Anche fregandosene altamente dell'energia pulita una fetta di quei soldi li metterebbe tranquillamente in un impianto fotovoltaico che aumenterebbe pure il valore dell'immobile.

-------------------------------------
Il FV senza "incentivi" non sta in piedi, lo dicono persino le simulazioni e i numeri di questo articolo che stiamo commentando!... comprendi la lingua italiana?... sai interpretare una tabella di numeri?... guarda il pdf sull'impianto da 3 kWp... togli i piu'di 7000 Euro di detrazione d'imposta (che viene colmata dalla collettivita', ovviamente) e poi rifai il conto...
----------------------------------------
Secondo me ignori il significato di collettività e quello di credito d'imposta. Chi guadagna sul credito d'imposta non è solo il consumatore ( che recupera parte dell'iniqua tassazione italiana ) ma anche lo stato. su un impianto da 15 mila, 7000 vanno in credito d'imposta. Senza quei 7000 l'impianto non sarebbe stato fatto.
Ora, di quei 15 mila di impianto 2700 sono di iva. Supponendo un 25 per cento di guadagno della società che li posa ( quindi molto basso ) con un'aliquota ires del 27.5% sono altri 900 euro di recupero. Irap, molto variabile ma si paga anche sulle imprese in perdita e resta sul territorio e finanzia la regione e il servizio sanitario. In questo caso corrisponde a un trasferimento stato regione e non si scappa. Credito o non credito quei 15k di impianto finanziano gli ospedali.
Poi, risparmio di cassa tendenziale che su piccole imprese con 3 dipendenti fanno mediamente 700 euro mese a impiegato in caso di peerdita di lavori che il credito d'imposta produce.che divisi per i 3 impianto che una società con 3 operai può posare mensilmente ( stando bassi ) fa altri 1000 euro circa che lo stato non spende.
A cascata sulla produzione di pannelli che c'è ANCHE in italia e di inverter che c'è molto in italia.
Totale per 7000 euro che lo stato non ruba al cittadino ne incassa/risparmia circa 5000 euro. Ah, mettici pure il non calcolabile con precisione cioè mancate emissioni, rispamio sui costi sanitari dovuti all'inquinamento, creazione di professionalità tecnichè e substrato imprenditoriale.

lo dicono pure loro che e' IMPOSSIBILE utilizzare tutta l'energia elettrica prodotta, quindi il surplus estivo lo devi vendere sulla rete... da cui discende la NECESSITA' di essere comunque collegati alla rete tradizionale... e d'inverno alle latitudini medie della famiglia italiana media (la maggioranza della popolazione abita nel "soleggiatissimo" nord... hai presente la Lombardia o il FVG?... col cacchio che ci accumuli la corrente da utilizzare dopo il tramontooooo!...
-----------------------------------------
Lombardia? Forse per te la lombardia è è Milano. Invece guarda un po, tutta la fascia alpina ha una produttività pari e superiore a quella siciliana per insolazione ottima e temperature rigide...
IL soleggiatissimo nord lo è davvero e compensa l'insidenza della radiazione con l'aumento di efficenza delle basse temperature e della ventosità "di raffredamento".
Caschi male, il gse è venuto a controllare me e il vicinato perchè secondo loro non potevo produrre così tanto così a nord. Alla faccia della leggenda metropolitana.

Forse dovresti guardare un po meno i "telegiornali" e toglierti il prosciutto dagli occhi.
Oppure Negli anni che hai vissuto "di fianco alla centrale multicombustibile" ti sei bruciato un po di neuroni ;-)

Io l'esperienza che porto è la mia diretta, non propaganda. E tu? Blateri se 1. aver molsso il culetto dalla sedia. 2. senza ever investito un euro di tasca tue. 3. senza conoscere minimamente il territorio.
Un po come come i "tecnici" GSe arrivati "col blocchetto delle multe in mano" e andati via con la cosa tra le gamche sussurrrando "è impossibile"...
Eri uno di loro? Ah ah

@ Giacomo - 04/03/2014 -

@ Giacomo - 04/03/2014 - 12:54

James Lovelock ma , pur avendo le sue ragioni, che condivido in termini di co2, non aveva conosciuto questo cambiamento, era connesso con il pianeta e oggi lo sarebbe ancora essendo connesso con il progresso in atto. Tu no.
--------------
Io no cosa? Sei sgrammaticato come pochi... e parli di Lovelock come se fosse morto... e' ancora vivo e vegeto e non ha cambiato idea.
Abbandonati alla realta', parti dal mondo virtuale nel quale vivi!... sei giovane e ancora in tempo!...

R.

Avevo già citato

James Lovelock ma , pur avendo le sue ragioni, che condivido in termini di co2, non aveva conosciuto questo cambiamento, era connesso con il pianeta e oggi lo sarebbe ancora essendo connesso con il progresso in atto. Tu no.

@ Roberto - 04/03/2014 -

@ Roberto - 04/03/2014 - 11:51

Direi di fermarsi qui ...
Credo che personaggi come questo robertok non meritino il mio tempo dal momento che si dimostrano competamente refrattari al ragionamento, abituati come sono a fare propri ragionamenti di altri.
------
Caro omonimo, fai come vuoi, fermati o continua... capisco e' difficile per qualcuno che vive di leggende metropolitane in un mondo virtuale confrontarsi con altri che presentano DATI... vai solo ad aggiungerti ad una lunga lista! Bye bye!

---
Io ho molti dubbi sull'argomento, tu nessuno !!
----
Il mio unico dubbio e' quello di non poter prevedere i DANNI che milioni di non-habens che credono alle leggende metropolitane "ambientaliste" potrabnno fareoltre ai danni gia' fatti... in Italia pagherete 6,7 mùiliardi di Euro/anno per altri 20 anni!... per pdorurre una quantita' aneddotica di energia elettrica, generata in maniera aleatoria e scaricando sul altri l'onere di bilanciare la rete.
Nota che questi sono FATTI non mie opinioni.

"Aggiungo che basterebbe avere un minimo di umiltà per capire che l'attuale modello di produzione e consumo dell'energia si è sviluppato sulla disponibilità di petrolio e che non è logico cambiare il modello di produzione senza prevedere un cambio di modello di consumo ... a meno che non si voglia supportare una propria tesi in maniera ottusa e arrogante."
Ma dai!... vivo da 17 anni in un paese che produce piu' del 90% della sua energia elettrica senza emissioni di gas a effetto serra... e, guarda un po', ZERO MWh bruciando derivati del petrolio!... tu, lo ripeto, vivi in un mondo distaccato dalla realta'!... devi STUDIARE PRIMA DI PARLARE, perche' senno' continuerai a dire stupidaggini assurde!

"Oggi non abbiamo bisogno di queste persone ....
Un saluto a tutti"
Eh!... certo!... resta lontano dal mondo reale, e buona continuazione di sogno "ambientalista"... le centrali termoelettriche continueranno a coprire la TOTALE ASSENZA di generazione elettrica del FV durante TUTTE le notti di ogni anno presente e futuro... per fortuna tua e dei tuoi sodali. Non lo meritereste, meritereste di restare AL BUIO, ma bisogna pur prendersi cura dei meno fortunati.

Ciao bello.

R.

P.S.: Rapporti mensili Terna, li trovi qui...

http://www.terna.it/default/Home/SISTEMA_ELETTRICO/dispacciamento/dati_e...

... leggi, interpreta correttamente I DATI e poi ripassa, OK?

Direi di fermarsi qui

Direi di fermarsi qui ...
Credo che personaggi come questo robertok non meritino il mio tempo dal momento che si dimostrano competamente refrattari al ragionamento, abituati come sono a fare propri ragionamenti di altri.
Io ho molti dubbi sull'argomento, tu nessuno !!
Aggiungo che basterebbe avere un minimo di umiltà per capire che l'attuale modello di produzione e consumo dell'energia si è sviluppato sulla disponibilità di petrolio e che non è logico cambiare il modello di produzione senza prevedere un cambio di modello di consumo ... a meno che non si voglia supportare una propria tesi in maniera ottusa e arrogante.
Oggi non abbiamo bisogno di queste persone ....
Un saluto a tutti

@consoler "Un po come nella

@consoler

"Un po come nella tua cara francia dove le imposte servono a mantenere immigrati che fanno 10 figli per rubare i contributi e vivere senza produrre nulla se non criminalità."

Certo... gli immigrati fanno solo cose cosi'.
Sei incommentabile, una risposta consona a questo delirio razzista non la posso scrivere qui, perche' me la censurerebbero... adesso ricordo che una frase cosi' l'hai gia' scritta, qui o su altro blog... ma non provi mai vergogna? La tessera del Ku Klux Klan te la rinnovano d'ufficio ogni anno?
Che pena!

"La prossima volta cosa ci tirerai fuori? CHe chi mette il fotovoltaico mangia i bambini?"
Solo tu potresti scrivere una frase abominevole come questa, io al massimo posso dirti la verita', e cioe' che 2/3 e piu' dei moduli FV vengono prodotti nella democratica Repubblica Popolare Cinese, dove l'energia elettrica per produrli viene dalla combustione del carbone al 60%...con annessi e connessi problemi di inquinamento e di salute pubblica... ma dato che l'utente "KKK" Konsoler i cinesi non li vede fa come se non esistessero, giusto?

Vai, pasKKKola.

R.

@consoler "Argomentazioni

@consoler

"Argomentazioni sempre più ridicole. "
Vero!... una lunga lista la tua...

"quello che conta, ma forse ancora non te ne sei accorto, è il consumo. Posso CONSUMARE energia fotovoltaica anche la notte e coprire praticamente TUTTI i MIEI consumi con il fotovoltaico."

Eh!... e se anche fosse?... copriresti, se TUTTE LE FAMIGLIE ITALIANE LO FACESSERO, il 20% dei consumi elettrici.

"Dovrei preoccuparmi della collettività? Me ne sono preoccupato quando ho speso 30 mila euro facendo lavorare società e operai sul mio tetto e per la manutenzione ordinaria degli impianti. Ho spostato i soldi dalle tasche delle multinazionali a quelli di altre e delle piccole società che lavorano nel MIO territorio."
1) Se tu hai 30 mila Euro da buttare via in questo modo non puoi portarti ad esempio... lo ascolti mai un telegiornale?... hai idea della contrazione delle risorse finanziarie della famiglia quadratica media italiana?
2) Le societa' che hanno lavorato per produrre i moduli/pannelli sono, in media, per piu' di 2/3 IN CINAaaaaa!... svegliaaaaa!... e gli inverter sono fatti in Germania o da sussidiarie di societa' tedescheeee!.... agli italiani restano le impalcature e le arrampicate sui tettiiiii!...
Il FV senza "incentivi" non sta in piedi, lo dicono persino le simulazioni e i numeri di questo articolo che stiamo commentando!... comprendi la lingua italiana?... sai interpretare una tabella di numeri?... guarda il pdf sull'impianto da 3 kWp... togli i piu'di 7000 Euro di detrazione d'imposta (che viene colmata dalla collettivita', ovviamente) e poi rifai il conto... lo dicono pure loro che e' IMPOSSIBILE utilizzare tutta l'energia elettrica prodotta, quindi il surplus estivo lo devi vendere sulla rete... da cui discende la NECESSITA' di essere comunque collegati alla rete tradizionale... e d'inverno alle latitudini medie della famiglia italiana media (la maggioranza della popolazione abita nel "soleggiatissimo" nord... hai presente la Lombardia o il FVG?... col cacchio che ci accumuli la corrente da utilizzare dopo il tramontooooo!...

Oh!... vivete di miti e leggende metropolitane, vi inventane dati, e sarei io il troll nuclearista che non capisce nulla e travisa?

Vai, pascola.

R.

Sento il rumore delle unghie

Sento il rumore delle unghie sugli specchi da qui RobertoK.

Qualche mese fa c'erano gli incentivi = furto alla collettività! Chi investe e fa girare l'economia è un ladro perchè sfrutta gli incentivi.

Tolti gli incentivi = fotovoltaico tecnologia ciofeca, di notte non produce, pacco!

Accumuli iniziano a essere convenienti e con loro il fotovoltaico senza incentivi = furto di imposte! ladro chi mette gli accumuli.

Argomentazioni sempre più ridicole.
quello che conta, ma forse ancora non te ne sei accorto, è il consumo. Posso CONSUMARE energia fotovoltaica anche la notte e coprire praticamente TUTTI i MIEI consumi con il fotovoltaico.
Dovrei preoccuparmi della collettività? Me ne sono preoccupato quando ho speso 30 mila euro facendo lavorare società e operai sul mio tetto e per la manutenzione ordinaria degli impianti. Ho spostato i soldi dalle tasche delle multinazionali a quelli di altre e delle piccole società che lavorano nel MIO territorio.

Sottrazione di imposte? Forse dimentichi che in Italia il grosso delle imposte fa in sprechi e mantenimento di privilegi e solo una piccola parte in sevizi utili. Un po come nella tua cara francia dove le imposte servono a mantenere immigrati che fanno 10 figli per rubare i contributi e vivere senza produrre nulla se non criminalità.

La prossima volta cosa ci tirerai fuori? CHe chi mette il fotovoltaico mangia i bambini?

@Roberto "Quello che si

@Roberto

"Quello che si stenta a capire, a mio avviso, è che ad essere in crisi è il modello di produzione ed utilizzo dell'energia."
Neanche per idea!... l'utilizzo e' quello di sempre, e la produzione e' quella di sempre, il problema e' che ci sono dei geni "ambientalisti" che pensano di poter sostituire le centrali termoelettriche baseload che funzionano 24h/24 in maniera uguale ogni stagione con le rinnovabili intermittenti con produzione altamente imprevedibile. Tutto li. Se poi ci aggiungi livelli SCANDALOSI di "incentivazione" hai la ciliegina sulla torta.

"Non si tratta di tornare all'età della pietra ma di prendere atto di quello che si può e non si può fare senza pagare prezzi troppo alti."
Prezzi troppo alti come piu'di 30 cEuro/kWh che si e' pagato in media nel 2013 per il farlocco FV?
Riprova.

"Una produzione distribuita al posto di una centralizzata è molto più flessibile ed evita due problemi fondamentali: la distribuzione alle singole abitazioni e la dipendenza dai produttori."

Ma neanche per idea!... e' ESATTAMENTE IL CONTRARIO!... la produzione distribuita serve solo a dover creare una miriade di linee di trasporto dell'energia elettrica da un punto della rete a qualsiasi altro!... guarda la Germania che e' "piu' avanti" di tutti gli altri... il collo di bottiglia per poter utilizzare efficientemente la produzione eolica distribuita e' proprio la rete di distribuzione!...ma cosa dici?... "le singole abitazioni" NON sono il problema!... lo vuoi/volete capire?... il consumo elettrico domestico nei paesi occidentali come l'Italia, la Germania, l'UK e' circa 1/5 del totale, l'industria NON la mandi avanti con il FV, ne'con l'eolico senza una buona dose di accumulo che, estrapolando al delirio "ambientalista" NON si potra' mai avere!... esempio, centrale idroelettrica di pompaggio e stoccaggio di Campolattaro, entrata in fuzione da poco... 7 milioni di metri cubi di volume di stoccaggio e 500 m di dislivello medio, fanno circa 9 GWh di stoccaggio... cioe' 1/95 del consumo elettrico nazionale giornaliero.... costo 600 milioni di Euro... e una volta che lo usi per stoccare l'eccesso di produzione da FV e eolico sei allo stesso modo di produzione centralizzata di adesso!... cosa cambia?... inoltre i proprietari di tale manufatto sono sempre quelli, nel caso in questione il colosso energetico tedesco RWE....informarsi prima di parlare, e' un pre-requisito indispensabile per evitare di prendere dei granchi colossali!

"Guarda cosa sta succedendo in Crimea (e quanto succede da sempre in certe parti del mondo)"
Hai ragione!... il casino in Ucraina e' successo perche' non hanno un numero sufficiente di pannelli FV!... come avevo fatto a non capirlo?

Ma cosa fumi?... deve essere roba buona!

R.

Poi a margine del discorso

Poi a margine del discorso sui conti più o meno sbagliati bisogna considerare altre cose….

Per fare un business plan ragionevole bisognerebbe anche considerare che il paradigma sta cambiando e quindi i costi fissi in bolletta relativi alla connessione (e agli oneri di sistema) con tutta probabilità cresceranno. Il costo collegato alla possibilità di poter prelevare dalla rete anche pochi kWh l’anno in caso di emergenza (o meglio kW di potenza) sarà più alto dell’attuale. Senza contare che varieranno le tariffe elettriche e quindi varierà il costo della fornitura 'base' con cui fare il confronto.

Poi ancora più a margine del discorso, benissimo volersi rendere indipendenti e risparmiosi per quanto riguarda i consumi, benissimo volersi svincolare dal trasporto privato (car saring p2p e similia), benissimo comperare un paio di pantaloni l’anno anziché cinque… ma bisogna essere consci che tutto questo avrà effetto sui nostri stipendi, le nostre pensioni, sui nostri risparmi, sulla sanità, sul trasporto pubblico e così via…. Nel senso non si può dare per scontato ciò che abbiamo oggi e pensare che le cose potranno cambiare solo negli aspetti che fanno comodo a noi.

Ad esempio, oggi do per scontato di poter fare a meno dell’auto perché riesco ad andare al lavoro col treno o con il bus che passa sotto casa, ma trasporti urbani e ferrovie che da sempre convivono con bilanci in perdita ripianati da Stato o Regioni un domani, in un’economia in decrescita ‘felice’, potrebbero non essere garantiti. (in sostanza oggi i trasporti pubblici non hanno tariffe cost-reflective e che sono un incentivo indiretto al NON utilizzo dei veicoli privati). Secondo me.

@ROBERTOK Per quanto riguarda

@ROBERTOK
Per quanto riguarda la Transizione Energetica da te citata, rileggi bene: ti accorgerai che si fa riferimento alle fonti rinnovabili in genere, tutte, non solo il fotovoltaico.

Inoltre non è necesario possedere una villetta per poter rivedere le modalità di produzione ed uso dell'energia; puoi farlo a livello di condominio, di quartiere, di comune, secondo i casi.
Certo che se pensi di risolvere i tuoi problemi energetici con un pannello sul tetto, oltre che ad essere fuori strada, direi che sei in mala fede.

@ROBERTOK > Quanto alla mia

@ROBERTOK
> Quanto alla mia "disposizione" a abitare 11 anni (11?... ho scritto 31)... accanto alla porcheria... purtroppo per me sono figlio di operai, ho risieduto in un rione operaio davanti ad un cantiere navale, 57 metri quadri in tutto... non possiamo mica tutti essere frichettoni con villetta e impianto FV sul tetto e la Lexus full-hybrid in garage, no? :-)

Quindi, se capisco bene, avresti preferito non avere la centrale così vicina! Perchè? Gli operai sono sacrificabili?

Quello che si stenta a capire, a mio avviso, è che ad essere in crisi è il modello di produzione ed utilizzo dell'energia. Non si tratta di tornare all'età della pietra ma di prendere atto di quello che si può e non si può fare senza pagare prezzi troppo alti. Una produzione distribuita al posto di una centralizzata è molto più flessibile ed evita due problemi fondamentali: la distribuzione alle singole abitazioni e la dipendenza dai produttori.
Guarda cosa sta succedendo in Crimea (e quanto succede da sempre in certe parti del mondo)

@giacomo " soltanto

@giacomo

" soltanto robertok è disconnesso dal sistema terra ( Gaia )."

Bravbo, ottima citazione..."Gaia"... non a caso la persona che ha coniato questo concetto, JamesLovelock, la pensa cosi':

http://www.jameslovelock.org/page12.html

"I speak to you today as a scientist and as the originator of Gaia Theory, the earth's system science which describes a self regulating planet which keeps its temperature and its chemical composition always favourable for life. I care deeply about the natural world, but as a scientist I consider that the earth has now reached a state profoundly dangerous to all of us and to our civilisation. And this view is shared by scientists around the world.

---> Unfortunately, governments, especially in Europe, appear to listen less to scientists than they do to Green political parties and to Green lobbies. <---

Now, I am a green myself, so I know that these greens are well intentioned, but they understand people a lot better than they understand the earth, and consequently they recommend inappropriate remedies and action."

Ciao bello, e buona lettura.

R.

@Roberto - 04/03/2014 -

@Roberto - 04/03/2014 - 08:04
Caro Robertok, vorrei che mi dicessi dove hai letto/sentito che è possibile chiudere tutte le centrali di produzione elettrica attuali sostituendole con il FV...
------------------
... sostituendole con un mix di rinnovabili intermittenti, eolico e FV?... "Energiewende"...ti dice qualcosa questa parola?

-----------
Mi sembri particolarmente astioso verso questa tecnologia (e nessuno ti costringe ad usarla) ma voglio solo dirti che mi piace l'idea di produrmi il 90% (il 100% d'estate, meno nei mesi inverali) dell'energia elettrica che mi serve - in maniera pulita e senza dover pagare bollette - potendo contare su gente come te che è disposta ad abitare 11 anni vicino ad una mega-porcheria che mi fornisce quel poco che mi manca e che, prima o poi, troverò il modo di eliminare, tagliando del tutto il laccio che ancora mi tiene legato ai "signori dell'energia" ....
-----------
Non sono per nulla astioso con la tecnologia FV, la valuto in base AI DATI e alla performance che fornisce!... sono astioso verso chi si beve le leggende metropolitane secondo le quali si puo'produrre il 90% dell'energia elettrica di una famiglia normale (cioe' una che vive uno standard di vita umano, per quelli che amano il ritorno all'eta' della pietra/medioevo e/o "decrescite felici" e' altra cosa)...come fai tu scrivendo quanto hai scritto qui sopra...
Altra cosa: non ho nulla in contrario neanche che qualcuno cerchi di fare quello che tu dici di fare...purche' se lo faccia con i propri soldi e non chieda "incentivi" scandalosi per 20 anni... mi pare abbastanza ragionevole, no?

Quanto alla mia "disposizione" a abitare 11 anni (11?... ho scritto 31)... accanto alla porcheria... purtroppo per me sono figlio di operai, ho risieduto in un rione operaio davanti ad un cantiere navale, 57 metri quadri in tutto... non possiamo mica tutti essere frichettoni con villetta e impianto FV sul tetto e la Lexus full-hybrid in garage, no? :-)

Ciao.

R.

Perchè "o tutto o niente" ???

Caro Robertok, vorrei che mi dicessi dove hai letto/sentito che è possibile chiudere tutte le centrali di produzione elettrica attuali sostituendole con il FV...
Mi sembri particolarmente astioso verso questa tecnologia (e nessuno ti costringe ad usarla) ma voglio solo dirti che mi piace l'idea di produrmi il 90% (il 100% d'estate, meno nei mesi inverali) dell'energia elettrica che mi serve - in maniera pulita e senza dover pagare bollette - potendo contare su gente come te che è disposta ad abitare 11 anni vicino ad una mega-porcheria che mi fornisce quel poco che mi manca e che, prima o poi, troverò il modo di eliminare, tagliando del tutto il laccio che ancora mi tiene legato ai "signori dell'energia" ....

perchè "o tutto o niente" ???

Caro Robertok, vorrei che mi dicessi dove hai letto/sentito che è possibile chiudere tutte le centrali di produzione elettrica attuali sostituendole con il FV...
Mi sembri particolarmente astioso verso questa tecnologia (e nessuno ti costringe ad usarla) ma voglio solo dirti che mi piace l'idea di produrmi il 90% (il 100% d'estate, meno nei mesi inverali) dell'energia elettrica che mi serve - in maniera pulita e senza dover pagare bollette - potendo contare su gente come te che è disposta ad abitare 11 anni vicino ad una mega-porcheria che mi fornisce quel poco che mi manca e che, prima o poi, troverò il modo di eliminare, tagliando del tutto il laccio che ancora mi tiene legato ai "signori dell'energia" ....

Massí Giacomo, di

Massí Giacomo, di mistificatori il mondo sará sempre pieno.
Non fanno altro che dimostrare quanto risibili siano i loro argomenti che alla lunga diventano vuoti slogan, il cui eco rimanda il vuoto delle loro argomentazioni.

l'accumulo

è la nuova strada in tutti i sensi, conviene e sarà sampre migliorato. Come sempre Robertok va contro le rinnovabili perchè difende o il nucleare o le fossili, ma anche le rinnovabili sono per una parte intermittenti , meglio che si riduca la co2 in ogni caso e che si produca in maniera decentrata e distribuita così leviamo il potere a chi influenza la politica. L'idrolettelettrico è intermittente soltanto quando c'è la siccità, la siccità c'è quando ci sono i cambiamenti climatici, l'acqua può essere ripompata quando c'è il sole o il vento...è tutto interconnesso come vedi , soltanto robertok è disconnesso dal sistema terra ( Gaia ).

@gb - 03/03/2014 -

@gb - 03/03/2014 - 17:25

Prima cosa che mi è salòtata all'occhio (impianto 3 kW).
Per 443 kWh immessi in rete mi danno 292 € in Conto Scambio?
-----------------
Eh!... gb... che domande scomode che poni!... Deve trattarsi di un caso di "fine degli incentivi"... "solo" 292/443=65,9 cEuro/kWh!... oppure uno dei tanti refusi/errori di cui sono pieni gli "studi" sulle rinnovabili intermittenti... niente di nuovo sotto al sole.

R.

@ Jose - 03/03/2014 -

@ Jose - 03/03/2014 - 17:27

Prima di dichiarare che la tecnologia é ciofeca io mi informerei un po di piú....
----------------
E' esattamente quello che faccio da anni... infatti la ciofecaggine e' certificata da tutti gli studi e soprattutto dai DATI seri che si trovano in rete... per esempio la di fatto INESISTENTE produzione di elettricita' nei 4 mesi invernali da novembre a febbraio inclusi, roba ridicola.

-------------
comunque costi o non costi le consiglio di farsi un giro nelle vicinanze delle varie centrali alimentate da fossili, provi a starci almeno due giorni e poi veda se il FV é una ciofeca.
-------------
Anche qui caschi male, amico mio... io sono stato domiciliato per i primi 31 anni della mia vita a 1 km scarso da una centrale multicombustibile da 700 MW elettrici... quindi lungi da me difendere carbone e altri fossili... ma vorrei farti notare che il FV NON produce mai di notte, 365 giorni/anno, e pochissimo di giorno per 4 mesi filati... da cui la qualifica innappellabile di "ciofeca".

-------------
Bisogna ragionare in termini ambientali
-------------
E bravo!... e tu durante le 365 notti di ogni anno e durante i 4 mesi da novembre a febbraio il paese con che cosa conti di mandarlo avanti, in termini di elettricita'?... il FV?... ahahaahah....

-------------
cambiare mentalitá perche continuando cosi non andiamo da nessuna parte...
-------------
Soprattutto non andiamo da nessuna parte recitando mantra simil'ambientalisti basati sul nulla... come quello che recita che il FV potrebbe sostituire gran parte della produzione termoelettrica. E' semplicemente UNA BALLA colossale, dato che e' impossibile fisicamente farlo.

-------------
non é allarmismo o ambientalismo sono fatti reali (inondazioni caldi improvvisi e sopratutto vittime)...
-------------
A dire il vero il numero e la portata degli eventi cosiddetti "estremi" NON e"' in aumento, ne' lo e' il numero di vittime... basta dare un'occhiata al sito www.cred.be , per esempio...
E' un'altra leggenda metropolitana messa in giro ad arte da siti "ambientalisti" come questo... neanche l'IPCC ci crede, basga vedere quello che hanno scritto nell'ultimo rapporto!... la probabilita' di un aumento di eventi estremi e' bassa.

------------
poco interessanti per un telegiornale o l'opinione comune, ma sinceramente da prendere in considerazione con un po piu di serietá.
------------
Esatto... informati corretamente e poi ripassa, OK?

Roberto

Ciofeca cosa

Prima di dichiarare che la tecnologia é ciofeca io mi informerei un po di piú....comunque costi o non costi le consiglio di farsi un giro nelle vicinanze delle varie centrali alimentate da fossili, provi a starci almeno due giorni e poi veda se il FV é una ciofeca. Bisogna ragionare in termini ambientali cambiare mentalitá perche continuando cosi non andiamo da nessuna parte...non é allarmismo o ambientalismo sono fatti reali (inondazioni caldi improvvisi e sopratutto vittime)... poco interessanti per un telegiornale o l'opinione comune, ma sinceramente da prendere in considerazione con un po piu di serietá.

Prima cosa che mi è salòtata

Prima cosa che mi è salòtata all'occhio (impianto 3 kW).
Per 443 kWh immessi in rete mi danno 292 € in Conto Scambio?