Dai residui delle biomasse un bio-olio per le caldaie domestiche

  • 4 Gennaio 2018

PRO
CATEGORIE:

Secondo i primi risultati del progetto europeo “Residue2Heat", mediante il processo di pirolisi veloce i residui della biomassa possono essere trasformati in un biocarburante di seconda generazione adatto alla combustione in una caldaia domestica opportunamente modificata.

ADV

Utilizzare vari flussi di residui della biomassa per la generazione di calore nelle abitazioni. Questo l’obiettivo del progetto di ricerca dell’Unione Europea “Residue2Heat“. Un progetto, finanziato all’interno del programma europeo Horizon 2020, che vede, tra gli altri, la partecipazione del Politecnico di Milano. La pirolisi veloce Secondo un’analisi condotta nell’ambito di Residue2Heat, mediante il processo […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO Sei abbonato PRO? Accedi con le tue credenziali.
Non sei abbonato PRO? Scopri i servizi dell'abbonamento annuale: provalo gratis per 10 giorni o abbonati subito.
ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti