A quale velocità sta avanzando la transizione energetica globale?

In che paesi si stanno diffondendo maggiormente le tecnologie pulite? E dove, invece, le fonti fossili continuano ad avere un ruolo preponderante?

Per “afferrare” l’evoluzione del mix mondiale dell’energia con uno sguardo d’insieme, segnaliamo le mappe elaborate da un gruppo di esperti dell’Imperial College londinese e della società di consulenza E4tech: lo studio completo, Energy Revolution: A Global Outlook, commissionato dalla società elettrica inglese Drax, è allegato in basso, di seguito presentiamo alcune carte particolarmente rilevanti.

Precisiamo che il documento evidenzia i progressi compiuti negli ultimi dieci anni da 25 grandi economie, considerando alcuni settori essenziali per ridurre le emissioni inquinanti e contribuire così a combattere il cambiamento climatico, in linea con gli accordi di Parigi: potenza installata nelle fonti rinnovabili, diffusione dei veicoli elettrici, efficienza energetica nei trasporti e nelle industrie e così via.

Con la prima mappa osserviamo quanto è “pulita” o “sporca” l’elettricità prodotta nel mondo (carbon content): la media è intorno a 450 grammi di CO2/kWh con differenze notevoli tra le aree geografiche.

Cina, India, Polonia e Sudafrica, si legge nel commento a questo grafico, utilizzano ancora tanto carbone quindi il loro output elettrico contiene circa il doppio di anidride carbonica rispetto alla media complessiva.

Tra 2008 e 2017, chiariscono gli esperti che hanno redatto lo studio, l’intensità del carbonio (carbon intensity) del settore elettrico è diminuita solo del 7% circa. La Gran Bretagna, grazie alla sua politica di carbon pricing, è stato il paese che ha de-carbonizzato più rapidamente di tutti gli altri la generazione di energia (vedi anche QualEnergia.it).

E con la seconda mappa che abbiamo scelto, vediamo quanto siano carbone-dipendenti diverse nazioni, soprattutto in Asia e nell’Europa orientale.

La terza mappa, invece, ci fa entrare nel mondo dei trasporti, mostrando a quanto ammontano le vendite di auto plug-in (elettriche pure e ibride).

Con l’eccezione della Norvegia, dove quasi metà del mercato è fatta dalle vetture elettriche, nessun paese riesce al momento (dati aggiornati a settembre 2018) ad arrivare al 10% di nuove immatricolazioni di veicoli plug-in. L’Italia, ad esempio, è ben sotto l’uno per cento.

Con la quarta e ultima mappa esploriamo l’andamento di una tecnologia controversa ma sempre più citata negli ultimi rapporti sul clima (IPCC e altri: vedi QualEnergia.it): il CCS, Carbon Capture and Storage, cioè quei sistemi che consentono di catturare la CO2 emessa dalle industrie e stoccarla nel sottosuolo.

Secondo un numero crescente di studi climatici, il CCS sarà indispensabile per raggiungere gli obiettivi di riduzione dell’inquinamento su scala planetaria.

Eppure, in questa fase esistono soltanto 18 impianti CCS in sei paesi, con una capacità totale pari a 32-40 milioni di tonnellate di CO2/anno, circa lo 0,1% delle emissioni totali.

In definitiva, dalle varie mappe emerge un quadro “misto”, con molti progressi ma anche molte lacune, confermando così la necessità di accelerare gli investimenti in fonti pulite e di tagliare drasticamente le emissioni di gas-serra nei prossimi anni.

Il seguente documento è riservato agli abbonati a QualEnergia.it PRO:

Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito a QualEnergia.it PRO