La Cina punta al 40% di elettricità pulita nel 2030

Eolico e fotovoltaico potrebbero arrivare a 1.500 GW di potenza totale installata.

ADV
image_pdfimage_print

La Cina punta al 40% di elettricità pulita nel 2030 con un boom di nuovi impianti eolici e fotovoltaici.

La National Energy Administration (NEA) cinese, infatti, ha pubblicato una bozza di piano (ora in consultazione) che prevede di aumentare costantemente nei prossimi anni le quote di elettricità generata da fonti non-fossili, scrive l’agenzia Reuters.

Ricordiamo che il presidente cinese, Xi Jinping, ha annunciato lo scorso anno che Pechino intende azzerare le emissioni di CO2 entro il 2060 e arrivare a 1.200 GW di eolico e fotovoltaico nel 2030.

Per capire meglio la posta in gioco riportiamo un grafico postato su Twitter da Yan Qin, analista di Refinitiv, società globale di analisi finanziaria.

In sostanza, la NEA stima che il consumo elettrico totale in Cina salirà a circa 11.000 TWh tra dieci anni (7.500 TWh circa nel 2020) e che le rinnovabili diverse dall’idroelettrico, perlopiù eolico e solare, copriranno il 25,9% del mix di energia elettrica immessa in rete, oltre il doppio del livello registrato nel 2020 (circa 10,8%).

Sempre nel 2020, le risorse energetiche pulite, nel loro complesso, hanno rappresentato il 28% dei consumi elettrici cinesi con una quota preponderante dell’idroelettrico (18%).

Quindi nel 2030 la potenza totale installata nell’eolico e nel fotovoltaico dovrebbe portarsi sui 1.500 GW.

Da notare che le rinnovabili copriranno buona parte dell’aumento dei consumi elettrici ma il carbone, pur perdendo peso in termini percentuali scendendo sotto il 50% del mix totale di generazione (oggi è ben sopra la soglia del 50%), conserverà un ruolo ancora prioritario nel sistema energetico cinese.

Difatti, Lauri Myllyvirta, analista del Centre for Research on Energy and Clean Air (CREA, un’organizzazione di analisi indipendente), ha scritto su Twitter che si tratta di una partenza ancora un po’ “lenta” verso l’obiettivo della neutralità climatica.

Intanto secondo la China Photovoltaic Industry Association, citata da Bloomberg, la Cina installerà tra 55-65 GW di fotovoltaico nel 2021, superando il record del 2017.

Ricordiamo che Pechino nel 2020 ha realizzato 48 GW di fotovoltaico, +60% sui dodici mesi precedenti, oltre a 72 GW di eolico (il dato sull’eolico però include circa 26 GW installati l’anno precedente e collegati alla rete elettrica nel 2020).

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti