Decreto rinnovabili alla firma. Anev: “Ora serve continuità e stabilità normativa”

  • 24 Giugno 2016

CATEGORIE:

L'associazione dell'eolico spera che si possa recuperare il gravissimo ritardo accumulato e predisporre i nuovi interventi necessari a dare continuità e stabilità al quadro normativo. Anev stigmatizza la mancanza del provvedimento che regolamenterà lo sviluppo delle rinnovabili dal 2017 al 2020.

ADV
image_pdfimage_print

In merito alla conferenza stampa tenuta ieri dal Premier e nella quale si è data notizia della prossima pubblicazione del tanto atteso DM rinnovabili non fotovoltaiche, l’ANEV, Associazione Nazionale energia dal vento, sottolinea – in una nota stampa – che finalmente gli operatori potranno cercare di realizzare gli investimenti programmati da tempo.

Nonostante il ritardo ingiustificabile con cui arriva il provvedimento – scrive l’ANEV – almeno oggi vi è certezza rispetto ai meccanismi di sostegno per il periodo fino a tutto il 2016″.

L’Associazione tiene a sottolineare, tuttavia, l’irrituale presenza alla conferenza stampa di presentazione del provvedimento degli amministratori delegati di due sole aziende attive nel settore (Eni ed Enel). “Tale presenza – si legge nel comunicato – stride con la mancanza delle numerose aziende concorrenti che del settore delle rinnovabili hanno fatto il loro faro e che non si comprende perché siano state completamente dimenticate nell’occasione”.

Il Presidente Simone Togni ha dichiarato in merito al provvedimento: “Accogliamo con favore la notizia della finalizzazione del provvedimento segnalando tuttavia con amarezza che lo stesso farà appena in tempo ad entrare in vigore che già decadrà (il DM scade il 31.12.2016). Auspichiamo tuttavia che lo sforzo apprezzabilissimo del Ministro Calenda nel firmare il decreto a pochi giorni dal suo insediamento porti in tempi rapidi a recuperare il gravissimo ritardo accumulato e a predisporre i nuovi interventi necessari a dare continuità e stabilità al quadro normativo che vede ancora mancante il provvedimento che regolamenterà lo sviluppo delle FER dal 2017 al 2020”.

Per quanto riguarda la valutazione complessiva sul Decreto Ministeriale, l’ANEV sottolinea come la tecnologia eolica in questi anni a dimostrato di poter avvicinarsi a una piena maturità tanto che per continuare la sua crescita necessita di sostegni molto inferiori a quelli di altre tecnologie che, pur valide, ancora necessitano di incentivi significativi.

“L’auspicio del mondo eolico – conclude l’ANEV – è che questa accelerazione sulle rinnovabili possa portare ad una rivisitazione in senso rinnovabile della strategia energetica nazionale e a dare continuità al settore indicando strumenti di medio e lungo periodo.

Sul testo del provvedimento, una sintesi di quel che prevede e qualche analisi si veda Decreto rinnovabili firmato: il testo, cosa prevede e le criticità.

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti