Detrazioni fiscali, ministro Galletti: “ecobonus da stabilizzare”

Per il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti, sentito in audizione dalla X Commissione del Senato, nel prossimo ddl di stabilità “gli ecoincentivi devono essere stabilizzati tenendo conto dell'entità dei positivi effetti in termini ambientali e valutando eventuali rimodulazioni.”

ADV
image_pdfimage_print

“Nel prossimo disegno di Legge di Stabilità dovranno essere valutate le conseguenze della stabilizzazione dell’ecobonus, la cui precarietà ha avuto, sino ad oggi, l’effetto di anticipare consumi e investimenti che altrimenti sarebbero stati posticipati e diluiti nel tempo”. Ad affermarlo è stato il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, precisando che “gli ecoincentivi devono essere stabilizzati tenendo conto dell’entità dei positivi effetti in termini ambientali, valutando eventuali rimodulazioni anche in termini percentuali secondo la spesa effettuata”.

L’intervento (allegato in basso) è stato tenuto presso le Commissioni riunite Industria e Ambiente del Senato. Sulle detrazioni fiscali note come ecobonus Galletti è stato incalzato da diversi senatori favorevoli alla stabilizzazione – di M5S, PD e GAL – tra i quali il presidente della Commissione Industria Massimo Mucchetti.

Pochi giorni fa una mozione per la stabilizzazione dell’ecobonus, promossa dal senatore M5S Gianni Girotto aveva raccolto un lungo e trasversale elenco di firme di senatori oltre che pentastellati di PD, GAL e SEL .

Il ministro durante l’audizione si è anche soffermato sul Green Act, che “può rappresentare un punto fondamentale per la realizzazione di un grande piano industriale nazionale”. Galletti ha ribadito che il Minambiente, sin dalla prossima legislatura, dovrebbe avere maggior peso sulle questioni energetiche, “tenuto anche conto del notevole contributo delle fonti rinnovabili al fabbisogno energetico nazionale”. Energie rinnovabili, ha aggiunto, che dovrebbero ricevere contributi “concepiti in un’ottica temporanea nell’ambito di un piano strategico che coinvolga anche il ministero dell’Ambiente”.

L’audizione (pdf)

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti