Tunisia, nella nuova Costituzione anche la lotta al cambiamento climatico

Con la nuova Costituzione appena approvata la Tunisia diventa uno dei pochissimi Paesi al mondo ad aver inserito la protezione del clima tra i principi fondanti del proprio ordinamento.

ADV
image_pdfimage_print

Nella Costituzione approvata ieri dall’Assemblea costituente nazionale tunisina c’è anche la lotta al cambiamento climatico.

La carta costituzionale, una delle più progressiste in quell’area geo-politica, nell’introduzione riconosce “la necessità di contribuire alla sicurezza climatica e alla protezione ambientale per assicurare la sostenibilità delle nostre risorse naturali e una vita sana per le generazioni future” (traduzione nostra da testo in inglese, ndr).

Un concetto ribadito all’articolo 45, che sancisce “il diritto ad un ambiente appropriato ed in equilibrio e a un clima adeguato” e impegna lo Stato “a fornire i mezzi necessari per combattere l’inquinamento ambientale”.

Prima della Tunisia solo Ecuador e Repubblica Dominicana hanno incluso la lotta al cambiamento climatico nelle loro Costituzioni.

Qui una traduzione non ufficiale in inglese della nuova carta costituzionale tunisina (pdf).

 

Segui QualEnergia.it  anche su e

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti