Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Online la “Mini guida alla scelta dell’accumulo per il fotovoltaico residenziale”

In occasione di KeySolar, evento di KeyEnergy 2017 (7-10 novembre), la redazione di QualEnergia.it, in collaborazione proprio con l’evento di Rimini, ha realizzato una breve guida divulgativa sugli accumuli focalizzata sulle piccole utenze: informazioni di base e consigli per il consumatore.

Per aumentare l’autoconsumo di elettricità solare generata da un impianto fotovoltaico residenziale una soluzione sempre più interessante è dotarsi di un sistema di accumulo elettrochimico.

Un sistema di batterie che consente, cioè, di stoccare l’energia solare prodotta e non consumata durante il giorno per poterla poi utilizzare quando se avrà bisogno, ad esempio la sera o al mattino presto.

Questo prodotto, ancora di nicchia ma con i costi in discesa, attrae molto anche le famiglie italiane, sia quelle che già dispongono di un impianto fotovoltaico sia quelle che intendono installarlo.

Per fare il punto sul settore fotovoltaico tra pochi giorni si svolgerà a Rimini Fiera KeySolar, un appuntamento espositivo e convegnistico nell’ambito di KeyEnergy 2017 (7-10 novembre). E da quest’anno si affiancherà alla manifestazione anche KeyStorage, un’area dedicata proprio all’immagazzinamento dell’energia da fonti rinnovabili, a testimonianza del grande interesse di queste tecnologie tra operatori e utenti.

A questo scopo, la redazione di QualEnergia.it, in collaborazione con KeySolar, ha realizzato una breve guida divulgativa sugli accumuli focalizzata sulle piccole utenze.

Se da una parte c’è molta curiosità nella tecnologia, dall’altra, visti i prezzi ancora piuttosto elevati, è opportuno prima di acquistare una di queste apparecchiature avere chiari alcuni aspetti tecnici ed economici.

La “Mini guida alla scelta dell’accumulo per il fotovoltaico residenziale” vuole fornire quindi alcune informazioni di base al consumatore, partendo dall’analisi del profilo dei consumi.

In queste pagine si spiega poi in modo semplice come funziona un sistema di storage, quali sono le differenze tra una batteria al litio e una al piombo, quali sono i costi chiavi in mano, quale può essere l’eventuale risparmio sulla bolletta elettrica e, infine, quali sono gli incentivi disponibili, oltre che fornire dei link utili al lettore.

La parte conclusiva del documento è dedicata alle schede delle aziende del settore che esporranno a KeySolar 2017.

“Il fotovoltaico è un settore che potrà ritornare ad avere in Italia uno sviluppo molto importante grazie anche al crollo del prezzo degli accumuli che sta già avvenendo e che proseguirà nei prossimi anni; una tecnologia che potrà essere ancora più attraente in vista dei prossimi mutamenti della normativa”, ha spiegato Gianni Silvestrini, direttore scientifico di Key Energy.

SCARICA LA GUIDA (pdf)