Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Prezzi e promesse del Solar Roof di Tesla. Le prime valutazioni

Resta difficile, per il momento, calcolare con assoluta precisione se e quanto sia conveniente sostituire le vecchie tegole con quelle fotovoltaiche proposte da Elon Musk. Vediamo qualche esempio. Prime installazioni previste in estate in California. Prezzo medio del tetto solare Tesla chiavi in mano è poco più di 200 euro per metro quadrato.

Il tetto solare di Tesla è un buon affare o no? Com’era prevedibile, anche dopo l’annuncio di Elon Musk sui prezzi del nuovo solar roof, a questa domanda non c’è una risposta univoca.

Partiamo dai dettagli diffusi dal colosso americano dell’energia pulita, che ormai spazia dalle auto a zero emissioni alle rinnovabili integrate con le batterie: in media la copertura fotovoltaica costerà 21,85 $/piede quadrato, circa 233 $-212 € al metro quadrato (1 piede corrisponde a 0,0929 metri).

Il tetto solare, si legge nella nota rilasciata da Tesla, nella maggior parte dei casi ripagherà il suo investimento riducendo o azzerando la bolletta elettrica domestica. Il comunicato fa riferimento alle stime pubblicate lo scorso dicembre da Consumer Reports, secondo cui il prezzo del solar roof avrebbe dovuto essere inferiore a 24,50 $/piede quadrato, circa 238 €/mq, per essere competitivo con un tetto comune.

Obiettivo raggiunto? In realtà la situazione è più complessa, perché molto dipende dalla quantità di tegole fotovoltaiche inserite nella nuova copertura.

L’esempio ripreso da Consumer Reports considera un 35% di tegole solari con un valore aggiunto, dato dall’elettricità prodotta in 30 anni, pari a 53.500 dollari, comprendendo anche il costo di una batteria Powerwall per ottimizzare l’autoconsumo energetico.

In sostanza, Tesla promette di offrire un tetto solido, bello e duraturo, capace di generare tutta l’energia che serve alla propria casa, con tegole fotovoltaiche indistinguibili da quelle “normali”, perfino più conveniente di una copertura realizzata con materiali convenzionali e l’aggiunta di pannelli solari.

Le installazioni partiranno a giugno in California, per poi estendersi ad altri Stati americani secondo le richieste e l’andamento complessivo del mercato. Tesla, si legge in un articolo di GTM Research, propone un contratto chiavi in mano, dove il prezzo include tutti i materiali, la posa in opera e la rimozione dei vecchi coppi, escludendo però altri eventuali lavori, come la sostituzione di grondaie e lucernari.

Un aspetto importante è la garanzia: 30 anni per le celle solari - fabbricate da Panasonic - e letteralmente “infinita” per quanto riguarda la durata complessiva del tetto.

Gli analisti di Bloomberg, da un lato, non si aspettavano un prezzo così basso per il nuovo prodotto di Tesla, dall’altro, però, non mancano di evidenziare alcuni elementi critici.

La domanda è se le tegole rimarranno un prodotto glamour di nicchia o conquisteranno un mercato più ampio.

Il problema è l’elevato investimento iniziale: per sostituire un tetto di circa 2.000 piedi quadrati (185 metri) di una casa nello Stato di New York, con un solar roof costituito dal 40% di tegole “attive”, ecco l’esempio fatto da Bloomberg, bisogna sborsare circa 50.000 dollari.

Certo, la spesa si ripagherà totalmente secondo il calcolatore web di Tesla, perché il valore dell’energia generata in 30 anni - grazie anche all’utilizzo di una batteria - sarà superiore (64.000 $) al costo di partenza, ma il tempo di ritorno dell’investimento può essere troppo lungo per molti potenziali clienti.

Ancora più critiche sono le valutazioni del blog Pick my solar, secondo cui il tetto solare di Tesla è ben più costoso di una copertura tradizionale abbinata a un impianto FV da 6 kW: 52.300 $ per un solar roof di circa 185 metri quadrati in California, contro circa 26.000 $ per una soluzione standard più i pannelli.

Tra l’altro, è bene osservare che stiamo parlando di una tecnologia appena introdotta, le cui prestazioni sono da verificare sul campo.

Vedremo allora quanti ordini riceverà Tesla e quali saranno le reazioni dei primi clienti: nei prossimi mesi, di sicuro, molte incognite troveranno risposte più precise.