Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Effetto transizione energetica: forti cali degli utili per RWE ed E.ON, bene solo le rinnovabili

RWE nel 2014 ha perso il 45% dei profitti, mentre E.ON vede utili in calo del 26% e va bene solo nelle rinnovabili, sulle quali si concentrerà d'ora in avanti. Una situazione economica difficile che dipende dal calo dei prezzi dell'energia e dalla concorrenza delle fonti pulite.

L'effetto della transizione energetica e della crescita di generazione distribuita e delle rinnovabili in Germania fa sentire i suoi effetti sui grandi dell'energia convenzionale: RWE nel 2014 ha perso il 45% dei profitti; E.ON vede utili in calo del 26% e va bene solo nell'ambito delle rinnovabili, sulle quali si concentrerà d'ora in avanti, mentre, come da storico annuncio di qualche mese fa, le attività legate alle fossili saranno cedute ad una newco.

La concorrenza di eolico, fotovoltaico e autoproduzione e i prezzi  bassi sul mercato elettrico (si veda il recente allarme di Eurelectric) hanno evidentemente messo in difficoltà i business tradizionali, impianti a gas in primis.

L'utile netto di RWE è passato da 2,48 miliardi di dollari del 2013 a 1,38 mld $, con vendite calate del 7%. Male in particolare la generazione da fonti convenzionali con profitti scesi del 29% a 1 mld $.

Gli utili di E.ON sono passati, invece, dai 2,1 miliardi di euro del 2013 a 1,6 mld €, una perdita record. “L’andamento economico – si legge in una nota aziendale - riflette la situazione sui mercati dell’energia in Germania e in Europa che permane difficile, nonché gli effetti di cambio e i cambiamenti del portafoglio.”

Bene per E.ON è andata l'attività nel comparto eolico e fotovoltaico, dove i profitti (al lordo di tasse e ammortamenti) sono cresciuti del 20%.

L'azienda nel comunicato ribadisce la svolta verso le energie pulite già annunciata a dicembre: il futuro di E.ON si concentrerà esclusivamente sulle energie rinnovabili, sulle reti energetiche, e sulle soluzioni per i clienti. Nel 2016 il gruppo intende raccogliere le altre attività – la produzione di energia elettrica da fonte convenzionale incluso l’idroelettrico, le sue attività in Russia, il trading globale di energia e la produzione di petrolio e gas – in una nuova società indipendente, che avrà una nuova ragione sociale.

Anche da RWE qualche segnale di adattamento ai cambiamenti del mondo dell'energia: attraverso la partnership con Conergy investirà con decisione in Germania sul fotovoltaico su tetto

Il comunicato E.ON (pdf)

Il comunicato RWE





Commenti

Complimenti per la censura

Complimenti per la censura dei messaggi!!!... CLAP!... CLAP!... CLAP!...

R.

Ho trovato questo video in

Ho trovato questo video in rete: https://vimeo.com/77488550 e volevo segnalarlo alla redazione di qualenergia.it perchè mi sembra molto interessante.

Sul documento di RWE:

Sul documento di RWE:

"Renewables Division
The operating result for this division decreased by 8% to EUR 186 million. "

... quindi perdono anche le rinnovabili...

E contiua:

"Electricity generation fell by 5% to 208.3 billion kilowatt hours (kWh) in 2014. This was mainly attributable to unplanned overhauls of lignite power stations and the closure of the Didcot A hard coal-fired power station in the UK in 2013. "

... quindi il calo nel settore elettrico ha nulla a che fare con la transizione energetica per se... e' la chiusura della centrale a carbone, una delle piu' grandi dell'UK, che ha avuto un ruolo preponderante... nulla a che fare con LA VOSTRA frase...

"crescita di generazione distribuita e delle rinnovabili in Germania "

... sulle rinnovabili in Germania!... il gruppo RWE ha perso all'estero!... come confermato anche da questo...

"The drastic reduction in green energy subsidies in Spain and the transfer of German biomass activities to Supply/Distribution Networks Germany as of 1 January 2014 contributed to this decline in earnings."

... che dimostra una volta di piu' che le rinnovabili sono un buon affare se e solo se sono lautamente "incentivate"... senno' nisba.

Leggere bene i documenti prima di scrivere articoli NON dovrebbe essere un'opzione!... fatelo!...

Mah...

R.