Tra i vari effetti della Brexit, c’è quello di aver reso più interessanti gli investimenti nel fotovoltaico britannico. Dopo il referendum dello scorso 23 giugno, infatti, sterlina debole, tassi di interesse bassi e alti costi dell’energia stanno attirando nel Regno Unito investitori domestici e internazionali sulla tecnologia solare. I volumi trattati da tre grandi fondi […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.