Rendere più flessibili i contratti di rendimento energetico degli edifici, anche grazie a proprietari sempre più “smart”. Questo l’obiettivo del progetto europeo AmBIENCe–Active Managed Buildings with Energy Performance Contracting, che vede la partecipazione di sette partner di quattro Paesi: Enea per l’Italia; VITO, BPIE e Energinvest per il Belgio; IK4 per la Spagna; INESC TEC […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.