La pandemia sta riducendo e rimettendo in discussione gli spostamenti delle persone e, in particolare, quelli alimentati da combustibili fossili.

Energy Intelligence, azienda che opera nel settore dell’efficienza energetica e della produzione di energia da rinnovabili, crede anche alla mobilità sostenibile come passo fondamentale nella direzione della transizione energetica. E in particolare una mobilità con meno emissioni da parte delle aziende.

Per questo motivo ha deciso di entrare nel capitale di Wecity, Società Benefit e PMI innovativa con sede a Modena, che attraverso la propria app premia ogni forma di mobilità green.

Grazie ad incentivi e gamification, Wecity genera un cambio comportamentale negli utenti, in modo da favorire sempre di più gli spostamenti a piedi, l’uso della bicicletta e del trasporto pubblico, a scapito dell’auto privata.

La riduzione delle emissioni di CO2, ottenuta lasciando l’auto in garage, è monetizzata da Wecity grazie all’algoritmo brevettato per l’individuazione del mezzo di trasporto e alla certificazione ISO14064-II, che permette di collocare sul mercato volontario della CO2 i titoli generati.

L’app Wecity permette quindi alle aziende di gestire programmi personalizzati di incentivazione alla mobilità sostenibile, rivolti ai dipendenti o ai clienti, e facilita l’adempimento ai nuovi obblighi disposti dal recente DL Rilancio.

Le aziende con unità locali aventi più di 100 dipendenti e localizzate in comuni con più di 50.000 abitanti hanno infatti l’obbligo di nominare un Mobility Manager e di redigere un piano spostamenti casa-lavoro (PSCL) per evitare quanto più possibile che i propri dipendenti si spostino in auto da soli utilizzando carburanti fossili.

Attraverso Wecity, Energy Intelligence offre così un nuovo strumento per le imprese che guardano ad un futuro green e sostenibile, impattando direttamente sulla società e sul territorio.