Scrivi

O&M Enerray, un nuovo assetto organizzativo per garantire più efficienza

  • 20 Febbraio 2018

Con 580 MW di impianti gestiti in Italia, l'azienda si conferma tra i leader dell'O&M, grazie anche al nuovo assetto organizzativo, pensato per risolvere più tempestivamente e in maniera più efficace i problemi dei clienti.

ADV
image_pdfimage_print

Ha chiuso il 2017 con 580 MWp in gestione, 100 in più del 2016, e per il 2018 punta quota 700, grazie anche a un nuovo assetto organizzativo, pensato per risolvere più tempestivamente e in maniera più efficace i problemi dei clienti.

Enerray, controllata di Seci Energia (Gruppo Industriale Maccaferri) e specializzata nella manutenzione di impianti FV, si sta mettendo in luce nel panorama estremamente competitivo dell’O&M fotovoltaico in Italia.

“Abbiamo saputo distinguerci attraverso la differenziazione e il potenziamento delle offerte, sviluppando nuove procedure e meccanismi di misurazione dell’efficienza e della redditività”, spiega Aldo Moretti, direttore O&M dell’azienda.

Chiave del successo il nuovo assetto organizzativo, che ha portato a un miglioramento nel processo di gestione, creando nuove figure di responsabilità.

Si è creato ad esempio un help desk per la gestione del sistema digitalizzato di risoluzione dei danni chiamato “Trouble Ticketing”; il “Field Force” dedicato al coordinamento delle attività di manutenzione e dei tecnici sul campo; il “Performance Specialist” in grado di effettuare analisi sui dati di produzione e sui guasti, proponendo attività finalizzate al perfezionamento delle prestazioni; e l’“Admin Management” che fornisce assistenza per tutto ciò che riguarda le pratiche amministrative. In quest’ottica si inserisce anche la figura del “Service Manager”, punto di riferimento per l’investitore e responsabile della gestione del contratto.

“In particolare – spiega Aldo Moretti – al fine di velocizzare la risoluzione di eventuali malfunzionamenti, Enerray ha ideato il sistema proprietario di ‘Trouble Ticketing’, che consente la comunicazione istantanea dell’allarme e del tipo di guasto dalla control room ai tecnici, nonché la tracciabilità automatica di tutti i dati relativi a ciascun intervento, permettendo così di avere una banca dati per ogni impianto sempre aggiornata. Un potenziamento che, ad oggi, ci consente di effettuare il 98% dei nostri interventi entro 3 ore dalla segnalazione. Come riscontro abbiamo avuto la grande soddisfazione dei nostri clienti, abilitati all’uso di questo sistema con la possibilità di seguire in tempo reale la cronologia degli interventi ed eventualmente aprire, loro stessi, ticket informativi o di guasto”.

Il nuovo progetto organizzativo di Enerray è volto ad una logica di customer care e mira a passare da una logica di “gestione degli eventi” a una logica di “gestione del processo”, a incrementare la qualità della relazione con il cliente e ad assegnare una responsabilità univoca di specifici processi ad una determinata risorsa o team, garantendo inoltre meccanismi di misurazione dell’efficienza e della redditività.

Al fine di garantire un migliore servizio O&M è stato quindi necessario passare da un servizio “reattivo” a un servizio “proattivo” volto alla prevenzione dei guasti dei componenti dell’impianto fotovoltaico: verifiche termografiche, attenzione contro i furti e ottimizzazione della gestione delle parti di ricambio.

Il tutto abbinato ad attività volte alla massimizzazione del profitto dell’impianto fotovoltaico come l’analisi comparativa delle performance e dei costi, la calendarizzazione di interventi migliorativi e un rapporto con l’investitore in una logica win-win.

In Italia oggi l’O&M di Enerray conta: 2 control room attive 7 giorni su 7, 24 ore su 24; 20 accordi quadro con produttori di inverter; 5 magazzini di proprietà dislocati su tutto il territorio nazionale, 22 tecnici fidelizzati sul territorio nazionale.

Inoltre, l’azienda ha acquisito 6 impianti in Tailandia, per una potenza totale di 75 MWp, la gestisce oltre 100 MWp in Turchia, 33 MWp in Giordania, sommata a diversi MWp su copertura in Latino America.

ADV
×