Che cosa deve fare un installatore, quando si trova a sostituire una caldaia a gas il cui scarico finisce in una canna fumaria condominiale non idonea?

A chiarire come ci si deve comportare in casi del genere, interviene una recente sentenza del TAR Lombardia, la n. 1808/2017 (allegata in basso).

Nel caso specifico, i giudici amministrativi hanno esaminato le vicende intercorse in un palazzo a Gallarate, dove la società proprietaria di un monolocale ha voluto sostituire la vecchia caldaia di tipo C con una nuova a condensazione e basse emissioni di NOx, dovendo però adottare la soluzione dello scarico a parete anziché nella canna fumaria collettiva ramificata del condominio.

Quest’ultima, infatti, in seguito alle video ispezioni eseguite da una ditta specializzata, era stata dichiarata non a norma e pertanto avrebbe dovuto essere risanata.

Poiché il condominio non …

Questo contenuto è riservato agli Abbonati a QualEnergia.it PRO
Seleziona una delle due seguenti opzioni:
Già abbonato a QualEnergia.it PRO?
Accedi subito a questo contenuto.
QualEnergia PRO