Clima ed “eco-bufale”, Zichichi su Il Giornale ruba le firme agli scienziati

Gli scienziati internazionali citati dal professor Antonino Zichichi come firmatari di una petizione contro “l'eco-bufala” del cambiamento climatico causato dell'uomo, in realtà, o non hanno firmato l'appello o si sono detti in disaccordo con le tesi negazioniste del professore siciliano.

ADV
image_pdfimage_print

Lascia senza parole quanto scoperto dal gruppo di esperti di clima riuniti attorno al blog Climalteranti.

Gli scienziati citati da Il Giornale come firmatari di un “Appello della Scienza contro le eco-bufale” (sic), interpellati direttamente, si dissociano tutti dalla petizione, nell’articolo di accompagnamento alla quale per “eco-bufala” si intende esplicitamente il cambiamento climatico di origine antropogenica.

La vicenda inizia il 5 luglio scorso, giorno in cui è apparso su Il Giornale un articolo in cui il professor Antonino Zichichi ha ribadito le sue posizioni estreme sulla questione climatica, parlando appunto di “eco-bufale”, di “terrorismo” e criticando in modo radicale la modellistica climatica.

L’articolo è stato presentato da un titolo (si presume della redazione) in cui si definivano “ciarlatani” gli scienziati che ritengono che le attività umane stiano modificando il clima del pianeta, cioè oltre il 97% degli studiosi che si sono occupati del tema, come conclude uno studio del 2013 pubblicato su Environmental Research Letters (Quantifying the consensus on anthropogenic global warming in the scientific literature, John Cook et al.).

Sullo scarso spessore scientifico degli argomenti portati da Zichichi nell’articolo rimandiamo a questa analisi dello stesso gruppo di Climalteranti: le uscite ardite del professore siciliano non sono certo una novità, tanto da essere state ribattezzate ironicamente “zichicche” dagli esperti di clima.

Quello che colpisce è che in questo caso si sia arrivati addirittura a “rubare” il nome a una ventina di scienziati internazionali.

I venti firmatari, quasi tutti fisici delle particelle o fisici teorici e nessun climatologo, infatti, o negano di aver firmato la petizione in oggetto, dal contenuto per altro vago, o smentiscono di averla firmata sapendo di sostenere le tesi negazioniste sul clima di Zichichi.

La scoperta, come anticipato, è stata fatta grazie a una lettera, firmata da 37 studiosi coordinati da Climalteranti, che hanno scritto ai 20 colleghi “firmatari” dell’appello su Il Giornale per chiedere loro se sapessero cosa avevano firmato.

Le risposte? “Dei venti firmatari – riporta Climalteranti – cinque hanno risposto esplicitamente che non hanno firmato niente del genere e che NON sono assolutamente d’accordo con le opinioni di Zichichi e nemmeno con l’idea di chiamare ‘ciarlatani’ e ‘terroristi’ quelli che si occupano di clima. Degli altri 15, nessuno ha confermato che ha firmato sapendo cosa firmava e che è d’accordo con Zichichi.”

Isabell Melzer-Pellmann dell’Università di Amburgo, ad esempio, ha risposto: “sono molto dispiaciuta che il mio nome sia stato citato nel giornale con l’articolo del Prof. Zichichi, di cui non condivido le opinioni”; Michael Duff dell’Imperial College di Londra : “potrei aver firmato una richiesta di sanzioni più dure contro l’inquinamento, ma è un peccato se la mia firma e l’articolo del professor Zichichi hanno creato l’impressione che io sia uno scettico sul clima, perché non lo sono”, e così via.

Ma come è nata la petizione di Zichichi finita su Il Giornale? In sostanza, secondo la ricostruzione di Climalteranti, sembra che in una recente scuola di fisica tenuta a Erice (dove Zichichi ha il suo centro studi) sia circolata una breve petizione (“cinque righe in inglese”) in cui si parlava di agire con più forza contro l’inquinamento atmosferico, ma non si diceva niente delle particolari opinioni di Zichichi sulla scienza e sugli scienziati del clima.

Alla fine dei conti, sembra chiaro che qualcuno abbia sfruttato la buona fede di perlomeno alcuni (e forse molti) dei firmatari della “petizione” per una delle solite operazioni politiche dove si cerca di screditare la scienza del clima.

“In conclusione – spiegano i climatologi di Climalteranti – l’appello dei 20 scienziati contro le eco-bufale semplicemente non esiste: ci sono solo le tesi senza fondamento di un fisico delle particelle, a cui, e questa è la cosa più grave, un quotidiano nazionale continua a dare credito. In spregio non tanto alle regole basilari della deontologia professionale che imporrebbero di controllare le fonti, su questo ci siamo abituati, non chiediamo tanto a Il Giornale, ma al buon senso.”

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti