Lazio: 28 mln per efficienza e rinnovabili in edifici pubblici e PMI

  • 6 Novembre 2015

Con l'emanazione di due bandi la Regione Lazio stanzia 15 milioni per il risparmio energetico nelle PMI e 13,2 milioni per efficienza e rinnovabili negli edifici pubblici. I bandi e le relative scadenze.

ADV
image_pdfimage_print

La Regione Lazio ha destinato 28 milioni di euro di fondi europei del POS FESR all’efficienza energetica e alle rinnovabili negli edifici pubblici e nelle PMI della regione, attraverso l’emanazione del bando Smart Energy Fund dedicato alle imprese e della Call for proposal “Energia sostenibile 2.0”.

La prima delle due misure (allegata in basso) è finalizzata a sostenere la realizzazione di investimenti di riduzione delle emissioni delle PMI (comprese le attività commerciali e artigiane) del Lazio. Queste ultime potranno beneficiarne sia che realizzino direttamente l’investimento, sia che beneficino di un programma realizzato tramite un soggetto terzo (un Ftt Provider).

Per la presentazione delle domande è previsto un ‘click day’ il 10 dicembre 2015. Il bando mette a disposizione 15 milioni di euro e gli investimenti previsti devono essere di minimo 10mila euro.

I fondi saranno concessi a sportello, tramite mutuo a tasso zero, che per importi fino a 500.000 euro non necessiterà di un cofinanziamento e potrà essere restituito in 5 anni (salvo alcune eccezioni per cui potrà essere prolungato fino a 10 anni). Per gli importi superiori a 500.000 euro – e fino a un massimo di 1 milione – dovrà essere presente un contestuale cofinanziamento da parte di una banca scelta dal richiedente, nella misura minima di un terzo del prestito agevolato.

Gli investimenti energetici, da realizzarsi obbligatoriamente nel Lazio, che potranno essere finanziati sono ad esempio l’istallazione di pannelli solari termici, di apparecchi a LED, di impianti a biomassa legnosa o di caldaie a condensazione o la sostituzione di serramenti e infissi.

Con la Determinazione G12962 del 28 ottobre 2015 la Regione Lazio ha invece approvato – come detto – la Call for Proposal (allegata in basso) “Energia Sostenibile 2.0 – Investire sugli edifici pubblici per migliorare la sostenibilità economica e ambientale attraverso interventi per l’efficienza energetica e l’incremento dell’uso delle energie rinnovabili” (POR FESR 2014-2020 – Asse 4 “Energia sostenibile e mobilità”).

L’obiettivo è individuare immobili pubblici sui quali realizzare interventi per ridurre la spesa corrente delle Pubbliche Amministrazioni, con tutti i conseguenti benefici per le finanze pubbliche, e al tempo stesso per incrementare la sostenibilità energetica e ambientale degli edifici e del territorio nel quale vengono realizzati gli interventi.

La dotazione finanziaria è di 13,2 milioni di euro, incluso il servizio di Diagnosi energetica (di cui all’art. 9 della Call for Proposal).

Possono presentare la propria candidatura i Soggetti Pubblici proprietari o titolari ope legis della gestione dell’immobile da candidare per un intervento di miglioramento dell’efficienza energetica:

  • Roma Capitale (gli interventi relativi ai Municipi saranno candidati da Roma Capitale)
  • Comuni
  • Province e Città Metropolitana.

Qualora il Soggetto beneficiario fosse titolare della gestione dell’immobile, la candidatura dovrà essere presentata specificando gli estremi della normativa di riferimento e degli atti che regolano i rapporti tra il proprietario e il gestore.

Le tipologie di immobili o i complessi immobiliari ammissibili sono i seguenti:

  • Strutture pubbliche sedi di Enti locali
  • Strutture di servizi socio-educativi (asili nido, scuola dell’infanzia, scuole primarie e secondarie)
  • Strutture sportive (palestre, piscine e campi sportivi)
  • Strutture eroganti servizi sociali.

Le candidature dovranno essere presentate esclusivamente online previa registrazione del Legale Rappresentante del Soggetto proponente, che dovrà richiedere il rilascio di un’utenza composta da User-id e Password – dal 6 novembre 2015 all’11 gennaio 2016. I contenuti del Dossier di candidatura sono riportati nell’appendice all’Avviso pubblico.

Ciascun Soggetto proponente potrà presentare un numero di candidature variabile, secondo quanto stabilito dall’Avviso pubblico.

Al termine della procedura verrà generata una stampa del Dossier di candidatura che dovrà essere firmata digitalmente dal Legale Rappresentante, o da un suo delegato con potere di firma; il Dossier di candidatura dovrà essere inviato entro e non oltre lo stesso termine suddetto attraverso posta elettronica certificata all’indirizzo [email protected].

Scheda informativa Smart Energy Fund (pdf)

Scheda informativa sulla Call for proposal (pdf)

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti