Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Restituzione adeguamento ISTAT per il I Conto Energia FV: pagare o fare ricorso?

Il GSE sta chiedendo ai soggetti beneficiari che hanno avuto accesso al I Conto Energia la restituzione dell’aggiornamento ISTAT delle tariffe incentivanti, applicato dal 2006. Per un impianto fotovoltaico da 50 kWp si parla di circa 20mila euro da pagare. Ma c'è la strada del ricorso al Tar.

Dopo le comunicazioni di avvio dei procedimenti arrivate la scorsa primavera, molti proprietari di impianti fotovoltaici italiani stanno ricevendo dal GSE nuove raccomandate (vedi allegato in basso) in cui viene loro chiesto di restituire somme a volte anche ingenti. Il Gestore dei Servizi Energetici sta infatti chiedendo ai produttori che hanno avuto accesso al primo Conto Energia la restituzione dell’aggiornamento ISTAT delle tariffe incentivanti, applicato dal  ...

Questo contenuto è riservato agli Abbonati a QualEnergia.it PRO
Seleziona una delle due seguenti opzioni:
Già abbonato a QualEnergia.it PRO?
Accedi subito a questo contenuto.
NON sei abbonato?
Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati.
QualEnergia PRO





Commenti

recupero fiscale

Nell'articolo si parla di IRES, cioè di imposte sulle Società. In questo caso è vero che l'erogato passato è stato oggetto di tassazione..ma il minor erogato futuro a compensazione si porta dietro il relativo credito fiscale, in quanto abbatterà i ricavi degli anni 2016 e 17. Se si creassero addirittura perdite in quegli anni, si potrà riportare a nuovo le perdite per compensare utili 2018 e successivi.
Quindi fiscalmente , per i soggetti IRES, si tratta solo di aver anticipato tasse su soldi realmente percepiti (e goduti dal punto di vista finanziario), che non saranno piu dovuti negli anni di compensazione.
Non si crea alcuna tassazione supplementare, con cui giustificare una restituzione "parziale" delle somme richieste dal GSE.
Inoltre siccome è l GSE che finanziariamente compensa con incentivi, di fatto il Soggetto responsabile non avrà modo di "non versare" intera somma trattenendone una parte.

Diverso per chi ha dovuto tassare IRPEF , in quanto non è possibile riportare a nuovo una perdita fiscale che si crea oggi per il futuro, ma per i percettori IRPEF dovrebbe trattarsi di piccole somme, come dice giustamente l'articolo.