Le rinnovabili italiane non hanno di che temere dall’incognita del post voto. Quello dell’energia pulita, infatti, non è più il settore fragile di cinque anni fa, che le associazioni dovevano difendere da chi lo avrebbe voluto frenare. Oggi, grazie uno spostamento degli equilibri notevole nel mondo dell’energia e dell’industria e a una maggior apertura da […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.