Chi inquina paga, anzi no, perché la CO2 la regala l’Europa

PRO

Prezzi bassi dell’anidride carbonica sul mercato europeo ETS, quote gratuite di CO2 assegnate senza controllo alle imprese energivore, sussidi per l’utilizzo di combustibili fossili: ecco perché chi avvelena l’aria non sta pagando quello che dovrebbe, realizzando anche ricavi inaspettati.

ADV

Cementifici, acciaierie, cartiere, stabilimenti petrolchimici, raffinerie: queste e altre aziende “energivore” in Europa sono incentivate a diffondere sostanze inquinanti, anziché contribuire a tagliare le emissioni di CO2, che difatti, dopo alcuni anni, sono tornate a salire in vari comparti industriali. Nel suo nuovo rapporto, European Fat Cats (documento allegato in fondo all’articolo), l’organizzazione indipendente Climate […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO Sei abbonato PRO? Accedi con le tue credenziali.
Non sei abbonato PRO? Scopri i servizi dell'abbonamento annuale: provalo gratis per 10 giorni o abbonati subito.
ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti