Scrivi

Revamping di una centrale termica a vapore con Viessmann

Presso l'azienda Indena Spa, che opera nella ricerca e nella produzione fitochimica, sono state sostituite due caldaie con due generatori di vapore Vitomax Hs M73 di Viessmann. Le nuove performance della centrale e il risparmio ottenuto.

ADV
image_pdfimage_print

Per soddisfare i fabbisogni energetici richiesti dai sistemi produttivi dall’azienda Indena spa, Viessmann ha realizzato una riqualificazione energetica della centrale termica a vapore

Dal 1921, Indena Spa è una realtà d’avanguardia nell’ambito della ricerca e della produzione fitochimica.

Presso i laboratori e impianti pilota del principale sito produttivo di Settala, vicino a Milano, si individuano e sintetizzano principi attivi di origine vegetale che poi vengono prodotti su scala industriale per gli usi dell’industria farmaceutica, cosmetica e alimentare. Tra le esigenze del cliente c’era anche quella di abbattere le quote di CO2 ai fini dell’Emission Trading (ETS).

Per soddisfare i fabbisogni energetici richiesti da questi processi produttivi, in centrale termica sono installate sia caldaie che un cogeneratore.

Nel 2021 è stato completato il revamping della centrale termica per aumentarne le performance. L’intervento, progettato e realizzato da Viessmann, ha visto la sostituzione di due caldaie esistenti con due generatori di vapore Vitomax di Viessmann.

La scelta di installare generatori di vapore Vitomax è motivata a livello tecnologico dalla eccellenza delle loro performance. L’economizzatore integrato nella caldaia consente di massimizzarne il rendimento.

L’impianto in dettaglio

Due generatori di vapore Vitomax Hs M73 sono stati dunque installati nell’ambito dell’intervento di riqualificazione energetica della centrale. Ciascuno con una produzione di vapore di 4 t/h.

Uno dei generatori produce vapore esclusivamente per i processi di lavorazione; l’altro anche per alimentare una turbina che soddisfa il fabbisogno elettrico nei periodi in cui la produzione non è al massimo regime e quindi i consumi sono minori.

L’intervento di revamping sul generatore di vapore per i processi di lavorazione consente un risparmio sui consumi elettrici del 15%. Nel caso della caldaia collegata alla turbina, si tratta invece di un upgrade totale, in quanto si ha ora una produzione contemporanea di vapore di processo e di energia elettrica.

I generatori hanno livelli di emissioni molto bassi (NOx < 75 mg/Nm3), grazie anche all’alloggiamento bruciatore raffreddato ad acqua. A ciò si aggiungono i vantaggi dal punto di vista della manutenzione della caldaia, in particolare grazie alle 72 ore di evitare la presenza del manutentore patentato a presidio della centrale termica.

Il video sul progetto:

ADV
×