Gas, freddo e tensioni non spaventano: TTF sotto ai 30 euro/MWh

CATEGORIE:

Stoccaggi pieni e domanda industriale debole tengono i prezzi sui valori minimi degli ultimi due anni.

ADV
image_pdfimage_print

Nonostante le ondate freddo negli Usa e in Nord Europa e le operazioni militari nel Mar Rosso che stanno rallentando i transiti di metaniere dal Canale di Suez, i prezzi del gas in Europa restano bassi.

Mentre scriviamo, le quotazioni sull’indice di riferimento olandese TTF sono sotto i 30 euro/MWh: sono cioè a livelli pre-crisi, dato che da giugno 2021, con l’eccezione della primavera 2023, i prezzi sono sempre stati superiori a quel valore (con punte che hanno sfiorato i 340 €/MWh ad agosto 2022, si veda grafico sotto da Yahoo Finance).

Grazie agli stoccaggi molto al di sopra dei livelli abituali e alla domanda industriale relativamente debole, i trader ritengono infatti che il mercato sia ben rifornito per terminare questa stagione invernale, giunta ormai a metà.

Nonostante i prelievi di gas in tutta Europa abbiano accelerato negli ultimi 10 giorni, secondo i dati di Gas Infrastructure Europe al 13 gennaio i siti di stoccaggio del gas dell’Ue erano pieni al 79,7%, da confrontarsi con una media quinquennale del 68% per questo periodo dell’anno e con l’obiettivo Ue di arrivare al primo febbraio con almeno il 45% di riempimento.

Gli analisti del gruppo bancario Ing (Internationale Nederlanden Groep) al momento prevedono che l’Ue arrivi a primavera con gli stoccaggi pieni circa al 52%, il che suggerisce un rialzo limitato dei prezzi.

L’elevato livello di riempimento degli stoccaggi è stato sottolineato anche dalla commissaria Ue all’Energia, Kadri Simson, che ha inoltre rassicurato su un eventuale stop delle esportazioni di Gnl dall’Egitto a causa del conflitto nella Striscia di Gaza.

Rispondendo a un’interrogazione parlamentare lo scorso venerdì 12 gennaio, Simson ha ricordato che nel 2022 la Ue ha ridotto la domanda di gas di oltre il 18% rispetto ai 5 anni precedenti e ha sottolineato che “le forniture di Gnl da Israele ed Egitto all’Ue, in questo momento, sono limitate” e, pertanto, “eventuali interruzioni dalla regione non avranno alcun impatto sulla sicurezza dell’approvvigionamento dell’Unione”.

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti