Il Sunday Times HSBC International Track 200 riconosce a Solarcentury i successi ottenuti nelle vendite sui mercati internazionali. La società è stata classificata al 103mo posto tra le aziende che sono cresciute più velocemente nelle vendite a livello internazionale, con un giro d’affari di £ 61mln, ed è l’unica azienda presente nel settore delle energie rinnovabili.

Con le vendite internazionali in espansione del 167% dal 2008 al 2011, con un tasso composto di crescita annuo del 39% dal 2009 al 2011 ha visto una una progressione del fatturato in due anni da £12,6 mln a £ 24,4 milioni.

L’azienda ha realizzato il ponte fotovoltaico di Blackfriars e molti dei più grandi progetti fotovoltaici del Regno Unito. Ha uffici nel Regno Unito, Italia, Francia e recentemente, a giugno 2012, ed ha annunciato la sua espansione verso il Benelux. La domanda per la costruzione di prodotti solari integrati, come la tegola C21e e l’ardesia, vincitrici del “Queens Award”, hanno contribuito significativamente al successo dell’azienda.

Il CEO Frans van den Heuvel ha dichiarato: “Il successo di Solarcentury è conseguenza di una chiara strategia di espansione verso nuovi mercati esteri, la realizzazione di progetti internazionali, ottenuti per la nostra alta reputazione nel Regno Unito. Sono compiaciuto che le nostre realizzazioni internazionali siano state riconosciute. Abbiamo intenzione di fare leva sul successo ottenuto per rafforzare la nostra presenza in Italia, Francia e Benelux, sviluppando anche nuove opportunitá al di fuori dell’Europa. Infatti l’energia solare diventa competitiva in un numero crescente di paesi al mondo rispetto ai tradizionali sistemi di produzione dell’energia elettrica. Cosa importante, più riusciamo a crescere con profitto in molteplici mercati, più riusciamo a contribuire all’azienda senza scopo di lucro che abbiamo creato, SolarAid, anch’essa velocemente in crescita in termini di vendite di energia solare in Africa”.

Il Country Manager per l’Italia, Mario Micali, ha aggiunto: “Solarcentury è nata con la chiara vocazione di realizzare impianti fotovoltaici su edifici. Quando però è stata avviata nel 2008 l’attività in Italia è subito emersa l’opportunità di realizzare campi a terra. Grazie quindi all’esperienza ottenuta nella realizzazione dei campi completati in Italia, Solarcentury ha realizzato oltre 20 MW nel 2011 e ha una pipeline di oltre 100 MW da realizzare nel Regno Unito e in molti altri paesi del mondo.”