Scrivi

La silenziosa rimonta delle rinnovabili, un report Greenpeace

  • 23 Giugno 2011

La rivoluzione delle rinnovabili è già iniziata ed è inarrestabile: lo mostra l'ultimo studio di Greenpeace, "The Silent Energy [R]evolution”, una nuova analisi del mercato mondiale della produzione energetica. Il rapporto dimostra come a partire dagli anni '90 abbia avuto inizio una silenziosa, ma sempre più crescente, rivoluzione energetica.

ADV
image_pdfimage_print

“La rivoluzione silenziosa delle rinnovabili è già iniziata ed è inarrestabile”. E’ questa la bottom line dell’ultimo studio di Greenpeace, “The Silent Energy [R]evolution”, una nuova analisi del mercato mondiale della produzione energetica, pubblicato oggi (vedi allegati). Il rapporto dimostra come a partire dagli anni ’90 abbia avuto inizio una silenziosa, ma sempre più crescente, rivoluzione energetica.


La produzione di energia solare ed eolica, nell’ultimo decennio, è cresciuta più rapidamente di qualsiasi altra fonte energetica al punto che oltre un quarto (26%) della nuova potenza installata nello scorso decennio è imputabile alle rinnovabili, mentre il nucleare rappresenta solo un 2% della potenza installata nello stesso periodo.


Quanto successo in quest’ultimo decennio dimostra che oggi i governi possono fare una scelta semplice e chiara: rinunciare a fonti pericolose come il nucleare e il carbone e puntare sulle rinnovabili, non solo per salvare il clima, ma anche per garantire sviluppo e occupazione.


La corsa delle rinnovabili procede a scapito di nucleare e carbone. Mentre il nucleare ha avuto bisogno di 10 anni per installare circa 35.000 MW (2000-2010), l’eolico ha installato una potenza analoga nel solo 2010. Sempre nell’ultimo decennio, gli investimenti sul carbone sono diminuiti ovunque tranne che in Cina, dove però è stata raddoppiata, ogni anno dal 2003, la potenza di eolico. Ciò a dimostrazione del fatto che anche  la Cina ha deciso di puntare sulle rinnovabili.


E l’Italia? Dopo la schiacciante vittoria referendaria e la decisione della Germania di uscire dal nucleare e puntare su rinnovabili ed efficienza energetica, ora anche il governo italiano dovrebbe investire nell’energia pulita. Soprattutto se si considera che a partire dal 2004 si è registrato un forte incremento degli investimenti sul gas, mentre nel 2009 e 2010 sono state le rinnovabili a dominare la scena.


I prossimi anni saranno decisivi per un’ulteriore affermazione del settore delle energie pulite. Per questo chiediamo che siano riviste le politiche energetiche attraverso l’introduzione di tariffe modulate per fonte energetica e taglia (feed-in premium tariffs) con accesso prioritario dell’energia rinnovabile alla rete elettrica.


(da comunicato Greenpeace)

ADV
×