Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Conto Termico, aggiornato il Contatore al 1 gennaio 2016

Al 1° gennaio 2016 risultano ammesse all’incentivo del conto termico 15.764 richieste, 830 in più rispetto al mese precedente.

​Il GSE ha aggiornato sulla home page del proprio sito il Contatore che consente di visualizzare i principali dati sull’andamento del meccanismo incentivante Conto Termico”, introdotto dal DM 28 dicembre 2012. Il Contatore è focalizzato sulla procedura di Accesso Diretto agli incentivi.

Al 1° gennaio 2016 risultano ammesse all’incentivo 15.764 richieste, 830 in più rispetto al mese precedente (m/m), per un totale di incentivi complessivamente impegnati pari a 56,4 milioni di euro (+2,75 mln. m/m), di cui 45,6 milioni di euro (+2,17 mln. m/m) riconducibili ad interventi effettuati da Soggetti privati e 10,8 milioni di euro (+0,58 mln. m/m) a interventi effettuati da Amministrazioni pubbliche.

L’impegno di spesa annua cumulata per il 2016 è pari a 23,49 milioni di euro (+1,67 mln. m/m), di cui 4,20 milioni di euro (dei 200 mln. disponibili) riconducibili alle Amministrazioni pubbliche e 19,29 milioni di euro (dei 700 mln. disponibili) a Soggetti privati.

L’impegno di spesa annua cumulata per il 2017 è pari a 7,73 milioni di euro, di cui 0,60 milioni di euro (dei 200 mln. disponibili) riconducibili alle Amministrazioni pubbliche e 7,13 milioni di euro (dei 700 mln. disponibili) a Soggetti privati.

L’impegno di spesa annua cumulata per il 2015 si è, invece, attestato a 19,12 milioni di euro, di cui 14,52 milioni di euro per i Soggetti privati e 4,6 milioni di euro per le Amministrazioni pubbliche.

Di seguito, i principali dati sul funzionamento del meccanismo incentivante, emersi confrontando i dati 2015 con quelli pubblicati nella “Relazione sul funzionamento del Conto Termico” (giugno 2013 – dicembre 2014):

  • nel 2015 sono stati attivati più di 7.800 contratti per oltre 31 milioni di euro di incentivi impegnati, a fronte dei complessivi 7.720 contratti attivati al 31/12/2014 per 23,8 milioni di euro;
  • la dimensione media dell’incentivo impegnato per ogni contratto attivato è aumentata, passando da circa 3.100 euro nella fase di avvio (2013-2014) a 4.000 euro nel 2015;
  • nel 2015 sono stati realizzati 8.300 interventi (riferiti ai 7.800 contratti attivati), a fronte dei 7.948 interventi complessivamente realizzati al 31/12/2014;
  • anche per il 2015 è confermata la forte prevalenza degli interventi “2.B – Generatori a biomasse” e “2.C – Solare termico” che costituiscono, insieme, circa il 94% degli interventi realizzati.

Il Gestore segnala, infine, l’incremento delle richieste di concessione dell’incentivo (RCI) inviate al GSE, passate da una media di 580 RCI/mese nei primi 9 mesi del 2015, a oltre 900 in ottobre e novembre, fino a quasi 1.200 nel mese di dicembre, con un tempo medio di istruttoria delle valutazioni concluse negli ultimi 6 mesi del 2015 di 11 giorni, da considerarsi al netto dei tempi impiegati dal Soggetto Responsabile per fornire eventuali integrazioni documentali e/o osservazioni.