Come giudicare il documento di riforma del mercato elettrico, presentato martedì 22 settembre da Confindustria. Sinteticamente, possiamo definirlo il classico bicchiere mezzo pieno (quindi anche mezzo vuoto). Individua con chiarezza il difetto di fondo del funzionamento attuale del mercato, basato su contratti di compravendita dell’energia in larga parte stipulati il giorno prima della cessione effettiva, […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.