In una nostra prima analisi dell’ultima bozza dell’attesissimo decreto con gli incentivi alle rinnovabili elettriche non FV, avevamo sottolineato che l’aspetto positivo principale della nuova stesura è che allontana definitivamente le preoccupazioni sul raggiungimento del tetto di spesa dei 5,8 miliardi, mentre il difetto più grande riguarda il fatto che è sostanzialmente una “pezza provvisoria” […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.