“L’eventuale assenza della Soprintendenza in conferenza di servizi non può certamente mutare in senso favorevole il diniego all’autorizzazione paesaggistica, espresso dal comune (o dalla regione) in ragione della rilevata difformità dell’intervento con le prescrizioni contenute nel Piano paesaggistico regionale.” A chiarirlo (neretti nostri) è l’Ufficio legislativo del ministero dei Beni culturali in un parere ( […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.