Fotovoltaico made in China, altre aziende verso uscita da accordo UE

PRO
CATEGORIE:

In cinque potrebbero essere escluse dall'accordo sul minimum import price per averne aggirato le regole e dover affrontare i dazi. Ma tre hanno già deciso autonomamente di uscire dall'accordo sul MIP, visti gli attuali prezzi dei moduli, scesi anche sotto agli 0,50 €/W.

ADV
image_pdfimage_print

I riflettori della Commissione Europea sono puntati su cinque aziende cinesi del fotovoltaico che potrebbero essere escluse dall’accordo sul minimum import price (MIP) e, dunque, essere costrette a pagare i dazi sui loro prodotti importati in Europa. Peccato che alcune di queste abbiano già deciso autonomamente di abbandonare il recinto dei prezzi minimi, dato che […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO
Sei abbonato PRO? Accedi con le tue credenziali.
Non sei abbonato PRO? Scopri i servizi dell’abbonamento annuale: provalo gratis per 10 giorni o abbonati subito.
ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti