Scrivi

Nel 2018 aumenta la produzione petrolifera dei paesi OECD

Output al rialzo grazie in primo luogo agli Stati Uniti. Cresce anche l’Italia, fatta eccezione per l’attività delle raffinerie.

ADV
image_pdfimage_print

Nessun picco del petrolio in vista, consumi in leggera crescita, nuovo boom della produzione americana dai giacimenti non convenzionali di scisto (shale oil): così la IEA prefigurava l’andamento dell’oro nero nei prossimi anni nel rapporto Oil 2019 .

L’Agenzia internazionale dell’energia torna a parlare di mercato petrolifero con una serie di grafici interattivi (vedi qui) che illustrano le principali tendenze dello scorso anno: Key Oil Trends 2018.

Qui segnaliamo un paio di grafici per dare il polso della situazione a livello globale.

Con il primo, vediamo che la produzione petrolifera complessiva dei paesi OECD nel 2018 è aumentata del 10,3% rispetto ai dodici mesi precedenti.

Nel grafico troviamo anche l’Italia, che secondo la IEA ha incrementato il suo output del 12,6% con 0,7 milioni di tonnellate (Mt) in più in confronto all’anno prima, grazie in particolar modo alla riapertura degli impianti in Val d’Agri che erano stati chiusi nel 2017, a causa delle ingenti perdite di greggio dai serbatoi (vedi qui).

Il secondo grafico, invece, mostra che l’attività delle raffinerie nei paesi OECD nel complesso è rimasta stabile (+0,3%) nel paragone con il 2017, grazie soprattutto all’incremento dell’output degli impianti americani, al contrario di quelli situati in molti paesi europei, che hanno lavorato di meno; per l’Italia si parla di un -3,8% con circa 3 Mt perse sul 2017.

ADV
×