Mercato auto, a ottobre elettriche e ibride hanno quasi raggiunto il diesel

Dati e analisi sul mercato italiano. Volano soprattuto le vendite dei modelli ibridi.

ADV
image_pdfimage_print

In Italia le auto elettrificate – vale a dire le 100% elettriche assieme alle diverse tipologie di ibride elettriche – hanno quasi raggiunto le auto diesel nelle vendite di ottobre.

Dalla tabella seguente (clicca sopra per ingrandire) con i dati dell’Unrae (Unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri), si vede che la somma di tutte le alimentazioni elettriche, porta a una quota complessiva di mercato pari al 28,8% quindi più del triplo in confronto a ottobre di un anno fa.

Il diesel, invece, si è attestato al 30,8% delle nuove immatricolazioni e la benzina è scesa al 31,5% così si sono persi, rispettivamente, 5-14 punti percentuali in confronto alle quote di mercato per diesel e benzina di ottobre 2019.

Anche il nostro Paese quindi è molto vicino a quanto descritto nel grafico di Jato Dynamics sul mercato automobilistico europeo di settembre, quando per la prima volta in assoluto le vetture elettrificate hanno venduto (anche se di pochissimo) più di quelle diesel.

I modelli elettrici e ibridi a settembre hanno raggiunto 327.800 nuove immatricolazioni in Europa, il 25% del totale, con una crescita del 139% in confronto a settembre 2019.

Mentre il diesel è sceso al 24,8% del mercato, la metà di quanto faceva una decina di anni fa, quando invece la quota di elettrico e ibrido stava sotto l’uno per cento delle vendite complessive.

La definizione di auto elettrificate, è bene precisare ancora una volta, è molto ampia e comprende non solo le vetture elettriche “pure” (BEV, Battery electric vehicle) alimentate esclusivamente dalle batterie, ma anche i modelli ibridi ricaricabili (PHEV, Plug-in electric vehicle) e i modelli ibridi tradizionali (HEV, Hybrid electric vehicle).

E sono proprio questi ultimi, i veicoli ibridi tradizionali, a gonfiare parecchio i dati delle vendite europee di auto elettrificate, con il 53% delle immatricolazioni totali di BEV.

Riassumendo: l’elettrificazione sta galoppando ma con il contributo, almeno per il momento, preponderante delle vetture ibride.

A proposito di modelli ibridi, è bene chiarire due punti.

Il primo: nel segmento ci sono anche le auto ibride “leggere” o MHEV (Mild hybrid electric vehicle), sostanzialmente delle auto termiche con un piccolo aiutino della batteria per ridurre un po’ i consumi.

Il secondo: parlando invece di modelli ibridi ricaricabili, PHEV, le ultime analisi dell’ICCT rivelano che queste auto consumano e inquinano 2-4 volte più di quanto dicono i test ufficiali dei costruttori, perché il loro uso reale su strada è molto diverso da quanto si assume nelle attuali procedure di omologazione.

Tanto da far parlare, in questo caso, di “false elettriche” che utilizzano perlopiù il motore termico.

Ricordiamo che le auto PHEV hanno un motore termico più un motore elettrico con batteria ricaricabile, che permette di viaggiare per alcune decine di km in modalità a zero emissioni.

Tornando ai dati italiani di ottobre, si osserva che le auto puramente elettriche hanno sfiorato il 2% del mercato (0,6% a ottobre 2019) con 2.889 immatricolazioni e una crescita del 205% sullo stesso mese di un anno fa.

Le ibride elettriche plug-in hanno fatto il 2,3% del mercato con 3.653 modelli venduti nel nostro Paese.

Le ibride elettriche convenzionali hanno segnato un +231% di vendite, con 39.000 immatricolazioni e una quota di mercato del 24,7% (7,4% a ottobre 2019).

Al contrario, si osservano forti riduzioni per le vendite di auto diesel e benzina, rispettivamente -14% e -31% nel paragone con lo stesso mese del 2019.

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti