Negli ultimi anni nel campo ambientalista molti hanno pensato che la transizione energetica sia inevitabile perché mossa, oltre che dalla necessità di fermare il global warming, dall’inesorabile calo dei costi di produzione dell’energia da fonti rinnovabili. Un nuovo studio pubblicato al MIT di Boston avverte che non esattamente è così.

Questo contenuto è riservato agli Abbonati a QualEnergia.it PRO
Seleziona una delle due seguenti opzioni:
Già abbonato a QualEnergia.it PRO?
Accedi subito a questo contenuto.
QualEnergia PRO