Le rinnovabili da sole da qui al 2020 possono dare 200mila nuovi posti di lavoro. Che le fonti pulite facciano bene anche all’occupazione è cosa che abbiamo riportato più volte su queste pagine. Solo per citare un dato, il Green Jobs Report dell’Unep conta 2,3 milioni di posti di lavoro nel mondo legati alle fonti pulite e stima che entro il 2030 si arrivi a oltre 20 milioni. Ma i dati del Green Jobs Report – come spiegano gli autori stessi – sono parziali. Mancano infatti i numeri di molti paesi, tra cui quelli per l’Italia.

La stima di quanto lavoro le rinnovabili possano creare nel nostro paese da qui al 2020 l’ha data invece oggi Giovan Battista Zorzoli, presidente di Ises Italia, intervenuto al convegno Energia Ambiente 2009, il cui tema centrale erano appunto i green jobs. Partendo dagli obiettivi del position paper 2007 del Governo per l’elettricità, e dalle stime degli investimenti necessari per raggiungerli (fatte dal prof. Arturo Lorenzoni dell’Università di Padova) Zorzoli ha valutato le ricadute sull’occupazione avvalendosi della tavola intersettoriale dell’economia italiana, elaborata dall’Istat.

Risultato? Cifre diverse a seconda del fatto che siano presi in considerazione vari fattori. Considerando la sola produzione di elettricità, per raggiungere gli obiettivi del position paper (per il quale ad esempio il fotovoltaico dovrà arrivare a 7.500 MW), secondo le stime di Lorenzoni occorrerebbe un investimento di 79.300 milioni di euro. In questo caso i posti di lavoro creati nel settore dell’elettricità pulita sarebbero circa 135mila. Considerando però i costi in diminuzione delle varie tecnologie, a causa delle previste innovazioni tecnologiche e le economie di scala, per realizzare gli obiettivi del position paper potrebbero bastare 67.500 milioni di euro. In questo caso i nuovi occupati sarebbero circa 120mila. A questi andrebbero tolti i posti di lavoro che si perderebbero per le centrali tradizionali non costruite: si arriverebbe così a 112.500.

Questo dato però è limitato al solo settore delle rinnovabili elettriche, e senza considerare il solare termodinamico e l’energia dalle maree, ancora in una fase che rende difficili fare stime.

Se si aggiungono le rinnovabili non elettriche i nuovi i posti di lavoro, calcolati utilizzando la tavola intersettoriale Istat, risultano 140mila. Ma forse in questo ambito c’è ancora una sottovalutazione delpotenziale del settore. Tuttavia, la tavola, se calcola occupazione diretta e indiretta, non va a calcolare l’impatto che le retribuzioni dei nuovi occupati avrebbero sull’economia, cioè l’aumento del risparmio, del gettito fiscale, della maggior domanda di beni e servizi.
 
Tenendo conto di tutto ciò, i nuovi posti di lavoro che si creerebbero al 2020 salirebbero ad almeno 200mila. Cifra che potrebbe essere addirittura più alta se si realizzasse uno sviluppo sul territorio di attività produttive legate alle rinnovabili maggiore del previsto e capace di far diminuire le importazioni del settore. Lavori che – spiega Zorzoli – soprattutto per fotovoltaico ed eolico sarebbero soprattutto al Sud e che comunque sarebbero distribuiti in vari settori: dall’hi-tech per il fotovoltaico, al minerario per la geotermia, all’agricoltura e al trasporto per le biomasse.

GM

21 gennaio 2009