Ennesimo capitolo della “persecuzione antirinnovabili” italiana? O un altro esempio di mala burocrazia? O forse semplicemente l’inevitabile andamento di una complessa procedura tecnico-legislativo? Parliamo del caso delle modifiche alle norme CEI (Comitato elettrotecnico italiano) 016 e 021, che regolano il cosiddetto CdR (Codice di Rete), cioè gli standard per la connessione dei generatori alla rete […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.