Eni e governanti italiani ci ripetono continuamente che il “verde” metano, il cugino meno cattivo del carbone e del petrolio, andrà usato sempre di più in Italia e in Europa, come mezzo obbligato di transizione fra un’economia basata su un alto consumo di carbonio fossile e una a zero emissioni di CO2. Come corollario di […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.