La “guerra incivile” delle soprintendenze contro il fotovoltaico

PRO
CATEGORIE:

Centinaia di MW di impianti fotovoltaici già autorizzati rimangono bloccati dai ricorsi del MIBAC. Gli operatori si preparano a rispondere con denunce penali.

ADV
image_pdfimage_print

In Italia, le soprintendenze archeologiche hanno indetto una “guerra civile”, o forse meglio “incivile”, contro gli operatori del fotovoltaico. È uno scontro che nel breve termine rischia di compromettere investimenti e posti di lavoro, e che nel medio-lungo termine, a causa della crisi climatica, contribuirà a desertificare o stravolgere e spopolare ulteriormente quegli stessi territori […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO
Sei abbonato PRO? Accedi con le tue credenziali.
Non sei abbonato PRO? Scopri i servizi dell’abbonamento annuale: provalo gratis per 10 giorni o abbonati subito.
ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti