Scrivi

Taglio delle emissioni del 55% al 2030, “l’Italia sostiene il nuovo target europeo”

Il comunicato del ministero dell'Ambiente.

ADV
image_pdfimage_print

L’Italia sostiene convintamente la nuova proposta di riduzione delle emissioni nel 2030 ad almeno il 55% rispetto al 1990 presentata dalla presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, precisando un impegno prospettato nel Green Deal e che come Italia avevamo già sostenuto”.

Lo afferma il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, commentando in una nota il discorso di ieri della presidente della Commissione alla plenaria del Parlamento europeo.

“La scienza è chiara – osserva il ministro – Dobbiamo accelerare la riduzione delle emissioni se vogliamo affrontare seriamente la sfida del cambiamento climatico, anche alla luce del lockdown, durante il quale è emersa con chiarezza la correlazione tra le attività dell’uomo e gli effetti sull’ambiente. Abbiamo tutti gli strumenti perché l’Unione si presenti al negoziato mondiale sul clima come continente leader. Come Paese co-organizzatore della COP 26 sul clima il prossimo anno, puntiamo sull’ambizione, un’ambizione non declaratoria, bensì fondata su realismo e concretezza. Abbiamo la possibilità di farlo: lavoreremo come Italia verso questo obiettivo”.

Intervenendo ieri, ricordiamo, von der Leyen, oltre a proporre il rialzo del target di riduzione delle emissioni 2030 ad almeno al 55% dal 40% attuale, ha annunciato che la Commissione sta lavorando a un Carbon Border Adjustment Mechanism per tassare la CO2 sulle importazioni e vuole che almeno il 30% dei 750 miliardi di euro di NextGenerationEU sia raccolto tramite obbligazioni verdi.

“Entro la prossima estate – ha spiegato la presidente –  rivedremo tutta la nostra legislazione su clima ed energia per renderla ‘adatta al 55%’ (di taglio delle emissioni entro il 2030, ndr)”.

“Miglioreremo lo scambio di quote di emissioni, stimoleremo le energie rinnovabili, miglioreremo l’efficienza energetica, riformeremo la tassazione dell’energia”, ha spiegato, precisando che “il 37% di NextGenerationEU sarà speso direttamente per i nostri obiettivi del Green Deal europeo.”

ADV
×