I rischi dell’addizionalità nel pacchetto invernale UE

Nella proposta di revisione della direttiva efficienza energetica si parla di obbligo per i singoli Paesi di migliorare dell’1,5% annuo la propria efficienza energetica, conteggiando solo i risparmi addizionali. Vediamo perché, secondo la posizione di FIRE, questo nella pratica risulterebbe di difficile applicazione.

ADV
image_pdfimage_print

La Commissione europea ha presentato alla fine dello scorso anno due proposte di revisione della direttiva efficienza energetica EED – COM(2016) 761 – e della direttiva sulle prestazioni energetiche dell’edilizia EPBD – COM(2016) 765.

Esse mirano ad estendere al 2030 il raggio di azione delle direttive esistenti e a introdurre alcune razionalizzazioni e modifiche in un’ottica di rafforzamento delle politiche rivolte all’efficienza energetica.

Qui si illustra la posizione di FIRE presentata in audizione alla Commissione X del Senato lo scorso 2 febbraio …

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti